Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Inaugurazione della mostra «ferro, fuoco e sangue!»

Inaugurazione della mostra «ferro, fuoco e sangue!»

Al convegno «La cultura visiva e il centenario del primo conflitto mondiale»

Sarà inaugurata a Trento venerdì 18 maggio alle ore 19.00, presso Le Gallerie a Piedicastello, la mostra «Ferro, fuoco e sangue! Vivere la Grande Guerra», curata da Mauro Passarin, direttore del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza.
Un percorso che, attraverso le fotografie di Giuliano Francesconi, ci parla di paura, di fango, di fame, di sete, di freddo.
L'esposizione sarà visitabile fino al 6 gennaio 2019.
 
Dopo l'allestimento a Palazzo Chiericati di Vicenza, arriva ora alle Gallerie una mostra di emozioni, di verità, che fanno realmente «vivere la Grande Guerra», trasformando una «epopea», conosciuta dai più solo attraverso i libri di storia, in quello che la guerra in realtà fu «ferro, fuoco e sangue».
Attraverso le fotografie di Giuliano Francesconi e il progetto espositivo di Mauro Zocchetta, la mostra ci parla degli orrori vissuti da milioni di uomini scaraventati in prima linea a scoprire un mondo severo e ignoto.
I materiali, tutti frammenti di oggetti utilizzati durante il primo conflitto mondiale e raccolti sulle montagne vicentine, sono restituiti dal fotografo Giuliano Francesconi al contemporaneo con straordinaria sensibilità, con un’armonia e una bellezza che induce a meditazioni e a riflessioni profonde sugli errori-orrori della guerra.
 
Come ci ricorda il curatore della mostra Mauro Passarin «dopo lo scontro, i luoghi dove si era combattuto apparivano come quadri apocalittici.
«Ogni forma di vita vegetale e animale era distrutta, il senso della morte era totale e la desolazione delle cose poteva dare l’immagine di un pianeta vulcanico senza più possibilità di vita.
«Per la prima volta nella sua storia, l’uomo era riuscito a riprodurre la forza devastante delle catastrofi naturali. E questo avveniva con aspetti di sorprendente modernità».
 
Ecco allora apparire in mostra, a grandissime dimensioni, maschere antigas, matasse di reticolati, spuntoni, tubi esplosi dalla nitroglicerina, un cucchiaio formato da un proiettile, pinze per tagliare i reticolati, gli occhialini contro il riverbero della neve, vecchie suole di scarponi, baionette, elmetti deformati, una fila di piccole bottiglie che il fuoco nemico non ha rotto ma piegato: oggetti qualunque e immagini che trascinano il visitatore in un mondo altro, popolato di potenti, terribili «fantasmi» di ferro e fuoco.
L'esposizione, visitabile fino al 6 gennaio 2019, viene inaugurata alle Gallerie venerdì 18 maggio alle 19.00, al termine della tavola rotonda dedicata a «Le televisioni europee e il Centenario della Grande Guerra» che conclude la seconda giornata del convegno internazionale «Rewinding the Great War. La cultura visiva e il centenario del primo conflitto mondiale».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone