Home | Interno | Rovereto | Tiro con l'arco – Doppio titolo per gli arcieri azzurri

Tiro con l'arco – Doppio titolo per gli arcieri azzurri

Allori europei per l'Italia nei cadetti «compound» e tra gli juniores «olimpico»

image

>
Terza giornata all'European Archery Youth Cup, in corso di svolgimento in località Baldresca a Rovereto.
La mattinata odierna è stata dedicata interamente alle squadre miste e ha regalato due titoli alla nostra nazionale.
Li hanno ottenuti Elisa Bazzichetto e Antonio Brunello nell'arco compound e Tanya Giaccheri e Simone Guerra nell'arco olimpico. Due successi diversi, ma entrambi inaspettati per quanto visto ieri.
Il primo dei quattro titoli messi in palio ieri, in una mattina soleggiata ma con qualche folata di vento fastidiosa, proviene in apertura di gare dal compound cadetti dove la coppia Bazzichetto-Brunello prima supera la Croazia nella semifinale, poi ha la meglio nella gara di finale sulla favorita coppia estone (Meeri-Marita Pas e Robin Jaatma) col punteggio di 152 a 151.
 
Per loro una vittoria in rimonta dopo l'inizio di difficile e raddrizzato con una grande determinazione e consapevolezza nei propri mezzi: «Una gara in salita – rispondono in coro Elisa e Antonio – ma abbiamo rimontato immediatamente e superato l'Estonia di quanto bastava per vincere. Sebbene partissimo in svantaggio sapevamo dentro di noi che avremmo potuto recuperare, perché ci siamo preparati molto nelle ultime settimane tirando sempre assieme e affinando l'intesa. Solitamente le gare individuali danno maggior soddisfazione ma una vittoria di squadra ha un sapore particolare, molto diverso ma altrettanto esaltante.»
 
Meno fortunata la formazione azzurra negli junior. Sara Ret e Jesse Sut, al comando dopo la giornata di ieri, non sono riusciti a ripetersi e si sono fermati in semifinale.
La nuova sfida contro la coppia dell'Estonia si è risolta soltanto ai tiri di spareggio e la nazionale baltica si è dimostrata più fredda della nostra.
L'unica consolazione per il duo azzurro, sconfitto anche nella finalina per il terzo e quarto posto dalla Svizzera col risultato di 110 a 115, deriva dal fatto di aver perso contro la nazionale che ha conquistato il titolo.
Superata l'Italia, l'Estonia ha battuto la Russia 153 a 151 nella finale sempre in bilico, ma con i baltici sempre avanti nel punteggio.
Il secondo titolo per la nostra nazionale lo portano a casa nell'arco olimpico gli junior Giaccheri e Guerra.
 
Una vittoria sudata e cominciata dal primo turno in virtù del quarto posto dopo la giornata di ieri.
Superate Austria negli ottavi e Polonia nei quarti, in semifinale Giaccheri e Guerra se la sono vista contro la Francia, la migliore nelle fasi di qualificazione e sulla carta il più forte team in gara.
La sfida si è risolta agli spareggi dove la miglior concentrazione degli azzurri ha avuto la meglio sui transalpini.
Non ci sono voluti invece tiri supplementari per avere la meglio della rappresentativa russa in finale, una gara sempre comandata dai nostri fin dal primo centro.
 
«Non ci aspettavamo di arrivare fin qua – affermano sorridenti i ragazzi - non è un periodo d'oro e siamo ancora più contenti della vittoria. Inoltre eravamo al primo scontro con le telecamere addosso, eravamo tesi ed emozionati ma tutto è andato benissimo e siamo orgogliosi perché abbiamo incontrato avversari di tutto rispetto come la Russia e la Francia che aveva vinto la fase di qualifica. Proprio il secondo è stato lo scontro più duro perché i transalpini ci hanno portato agli spareggi. Inaspettatamente, invece, la finale è andata ben oltre le aspettative, soprattutto perché credevamo in una prestazione migliore da parte di Erdem Iryneev, che ieri ha vinto la qualifica classifica individuale maschile e lo avevamo visto tirare davvero bene al campo prova. Forse ha sentito la tensione. Meglio così, siamo stati bravi e fortunati.»
 
Nei cadetti arco olimpico la Turchia la spunta sulla Francia al termine di una lotta freccia a freccia che ha visto inizialmente i transalpini avanti, ma alla fine ha premiato il duo turco per un solo punto negli «shoot out».
Terzo posto per la Polonia che ha sconfitto la Russia nella finalina e settimo posto per gli azzurri Elisa Ester Coerezza e Niccolò Lovo eliminati nei quarti di finale.
Domani nuova tornata di gare individuali con tutti gli azzurri visti martedì in gara.
La mattina saranno sulle piazzole di tiro i maschi di tutte le categorie impegnati negli scontri diretti fino alle seminfinali.
Il pomeriggio, con lo stesso programma tireranno le femmine. Le gare di finale si svolgeranno sabato mattina.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone