Home | Festival Economia | 2009 | Il Festival dell’Economia ai blocchi di partenza: Meno due

Il Festival dell’Economia ai blocchi di partenza: Meno due

Tutto è pronto a Trento per i giorni dedicati a «Identità e crisi globale»

C'è grande attesa per la quarta edizione del Festival dell'Economia che inizierà venerdì 29 maggio a Trento quando, alle 15.00, il premio Nobel James Heckman parlerà a Palazzo Geremia di «Economia e psicologia della personalità», mentre l'inaugurazione ufficiale è prevista per le 16.30 al Castello del Buonconsiglio.
Un assaggio di Festival ci sarà in realtà già a mezzogiorno, quando James Heckman e George Akerlof, protagonisti della prima giornata della manifestazione trentina dedicata all'economia, incontreranno i giornalisti, presso la sala stampa della Provincia autonoma di Trento.

Meno due, dunque. Pochi giorni all'inizio di un Festival che torna ad affrontare le grandi questioni del nostro tempo forte tanto di una sua tradizione quanto di una marcata capacità innovativa. Confermati gli ingredienti che gli scorsi anni sono stati in grado di suscitare interesse, curiosità, desiderio di capire ciò che accade intorno a noi.
Ci saranno, come sempre, relatori di fama internazionale - tra cui i tre premi Nobel, Heckman, Akerlof e Spence - un calendario ricco di appuntamenti, di occasioni di approfondimento e confronto.

Ma il Festival 2009 sarà anche innovazione. Ci sarà per esempio un nuovo format, «I tribunali della crisi» che metterà sotto accusa economisti, politici e controllori, mondo della finanza.
La Provincia autonoma di Trento allestirà uno stand in piazza Duomo per illustrare gli interventi messi in campo contro la crisi. Novità di quest'anno sarà la partecipazione attiva di trenta studenti universitari che racconteranno il Festival attraverso un sistema di «live blogging» e che saranno membri della giuria popolare dei «processi».

Molti sono i canali attraverso i quali le analisi e le riflessioni dei relatori del Festival raggiungeranno il popolo dello scoiattolo. Chi non sarà presente direttamente agli incontri potrà scegliere tra diverse opportunità. Avrà la possibilità di seguire le dirette degli eventi principali sul Canale 930 di Sky - Trentino Tv, sulla webtv accessibile anche dall'Adigetto.it, sul maxischermo in Piazza Fiera o sugli altri schermi in Piazza Duomo. Alcuni incontri verranno trasmessi anche sulle televisioni locali in analogico, sul digitale terrestre e ancora sul sito del Sole 24 Ore.

Un Festival sempre più tecnologico dunque. Una manifestazione che si vive e si vivrà tanto nelle sale e nei luoghi degli incontri quanto sul web. Aggiornamenti, informazioni utili, agenda personalizzata, contenuti multimediali: tanti i materiali che gli internauti potranno trovare sul sito del Festival. Ma i contenuti online relativi alla manifestazione trentina dedicata all'economia non sono solo quelli pubblicati sul sito www.festivaleconomia.it. Attorno a questo si sta già creando e nei prossimi giorni si espanderà una rete di collegamenti e contenuti che toccherà anche siti diversissimi tra loro: da quelli dei maggiori quotidiani nazionali, passando per i siti di informazione, fino ad arrivare ai blog di cittadini interessati alle grandi questioni del nostro tempo.

Per finire, una nota di colore, nel senso pieno della parola. Il Festival quest'anno sarà un po' meno arancio. Questo perché è amico del clima. Mette in campo cioè una serie di buone pratiche che limitano l'immissione di CO2 nell'aria e tra queste c'è anche l'utilizzo di tinte naturali. Di minor impatto visivo, forse; sicuramente di minor impatto sull'ambiente.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone