Home | Rubriche | Campi da golf | I percorsi del Golf: Campo Carlomagno

I percorsi del Golf: Campo Carlomagno

Descrizione percorso con alcuni suggerimenti di Francesco de Mozzi

image

Il Golf di Campo Carlomagno è uno dei più vecchi d'Italia e quindi, come si dice oggi, di prima generazione. È nato sotto l'Impero Austro Ungarico, ma prima dei «coetanei» della Mendola e di Carezza. Situato in un'area fantastica e unica in Europa come quella delle Dolomiti, il percorso è quello che ci si può aspettare da un'altitudine di 1.800 metri. Per motivi climatici dunque non vi si gioca per molti mesi all'anno e per questo l'erba non è quella che si trova nei links scozzesi. Ma resta uno dei campi più affascinanti delle Alpi e pertanto gli sii può perdonare questo e altro.
Il Golf Hotel, proprietario del campo da golf, da sempre vive di sciatori d'inverno (si può uscire con gli sci dall'albergo per andare direttamente alla partenza delle cabinovie per il Grostè) e di golfisti d'estate. Al momento sta cercando di ottenere il permesso di aumentare la capacità alberghiera, in deroga al Piano Urbanistico Provinciale come prevede la legge, per poter raddoppiare il numero di buche. Solo allora, grazie alle fatidiche 18 buche, il campo diventerà mondiale a tutti gli effetti.

Avvertenze iniziali.
Le indicazioni che seguono valgono per un giocatore ideale con handicap 10, mediamente potente, che di solito sa lanciare la palla dove vuole.
L'erba del fairway che si troverà in gara sarà certamente alta rispetto ai campi situati ad altezze inferiori e per questo potrà piazzarla.
Le misure indicate sono tarate sul centro del green.
Il vento caratterizza molto il campo, tanto da influire soprattutto sui par tre e in tutte le partenze dall'alto al basso.
Il rough è duro e alto e per questo, quando non si vede bene dove è caduta la palla, è consigliabile tirare sempre una provvisoria.



Buca 1/10 - Par 4 - Metri 260 - Hcp 17/18
La buca uno è un par 4 corto in salita. Non presenta grosse difficoltà, come suggerisce l'handicap, però bisogna fare attenzione all'out sulla destra e al pino che protegge il green frontalmente a 10 metri dal green.
Io consiglio sia alla uno che alla 10 di mirare a sinistra del pino, perché con la sua mole impedisce qualsiasi approccio diretto al green.

Buca 2/11 - Par 3 - Metri 176/156 - Hcp 11/12
La buca va dall'alto al basso e nel mezzo, tra il tee e il green, c'è un vallone.
Il green è lungo e sulla sua destra c'è la montagna che tende a portare la palla in green. Infatti bisogna fare attenzione al bunker ben posizionato a mezza costa. Sulla sinistra c'è un vallone con un bunker attaccato al bosco sottostante al green che, più che essere pericoloso, impedisce alla palla di scendere troppo.
Dal tee della 2 consiglio di posizionarsi sulla sinistra e mirare verso il bordo destro del green. In base alla posizione dell'asta (lunga o corta) usare il ferro 5 o il 6.
Dalla buca 11 (secondo giro) la distanza è minore e l angolazione rispetto al green e più diretta, pertanto consiglio di mettersi anche qui nella metà sinistra del tee e mirare sempre alla parte destra del green usando ferro 7 o 8 in base alla posizione dell'asta.

Buca 3/12 - Par 4 Metri 314/334 - Hcp 13/14
Par 4 con leggero dog-leg a sinistra, con un out lungo tutta la buca sempre sulla sinistra. Dal tee di partenza non si vede il green per via della presenza di un pino a metà buca in linea d'aria tra battitori e centro green.
Dal tee della 3, che è più avanzata della 12 (secondo giro), consiglio di mirare al green della buca 6 col drive posizionato a destra del green della 4: è la direzione e la più sicura
Dal tee della buca 12 (secondo giro), che è arretrata rispetto alla 3, la strategia è la stessa. Consiglio alle persone "lunghe" di non fare il drive per via del range di caduta molto ristretto, e anzi è meglio stare corti perché col green cosi piccolo sarebbe davvero difficile fermare la palla in asta.

Buca 4/13 - Par 5 - Metri 508/535 - Hcp 1/2
E la buca più difficile e lunga del percorso. I due battitori sono quasi appaiati, ma una diversa locazione non cambierebbe molto nell'economia del gioco.
La strategia è semplice: un bel drive da entrambi i tee, cercando di stare nella metà di destra del fairway, da dove sarà possibile usare un legno 3 come secondo, per avere solo 100 metri dal green.
Fare attenzione al bunker che sta a destra green, perché l avvallamento che è antistante al green pende giusto per farvi cadere dentro le palline.

Buca 5/14 - Par 4 - Metri 364/364 - Hcp 3/4
Il tee di partenza è dentro il bosco e la visuale è ridotta: il green non si vede perché la buca gira leggermente a destra. Dal tee di partenza si vede solo una piccola porzione di fairway e la strategia da seguire in questa buca è mirare verso i battitori del tee della buca successiva che si intravedono sulla sinistra e cercare di fare un fade col drive, in modo da centrare la pista. Bisogna fare attenzione a un out che costeggia tutta la buca sulla destra e al rough alto che c'è sulla sinistra.
Il secondo colpo non è semplice. Il green è piccolo ed è uno dei pochi non rialzati, per cui la palla corre via facilmente.



Buca 6/15 - Par 4 - Metri 282/282 - Hcp 9/10
Buca corta ma molto tecnica, caratterizzata dal fatto che è tutta in salita con un secco dog-leg a 100 metri circa. Inoltre, nella parte interna della curva c'è un gruppo di pini molto alti che coprono bene il green.
Il green non è molto grande è ed e circondato da tre bunker. Anche qui la palla può scappare via.
La 6 ha il tee di partenza più frontale al fairway e quindi anche al dog leg. Consiglio di non stringere troppo la direzione della pallina troppo all'interno della curva per evitare di dover passare quei pini molto alti che dicevamo sul colpo al green. Meglio stare nella parte destra del fairway, facendo comunque attenzione all'out a destra del rought che prosegue fino all'inizio del dog leg.
La buca 15 ha il tee di partenza più a sinistra della 6 e qui l'out può dare fastidio psicologico. Puntare verso la parte esterna del dog-leg da dove consiglio come al primo giro di tenersi nella parte sinistra del fairway.
In entrambe i giri il colpo al green, anche se corto, non e semplice perché il terreno è irregolare e in salita.

Buca 7/16 - Par 3 - Metri 184/184 - Hcp 7/8
Par 3 molto difficile in entrambi i giri. Il tee è sopraelevato rispetto al green, il quale è grande ma ha 3 bunker posizionati davanti e di lato a qualche metro dal bordo.
In questa buca sarà il vento a dettare la strategia da adottare. Se il vento sarà favorevole, sarà più facile prendere il green con un ferro più corto e quindi più controllabile. Altrimenti, concentrarsi sulla direzione del vento e giocare di conseguenza.
Il tee della 7 è più frontale al green e la buca è più lunga della 16.
La 6 è da ferro 5 e la 16 da ferro 6, vento permettendo.

Buca 8/17 - Par 5 - Metri 509/529 - Hcp 5/ 6
È il secondo e ultimo par 5 del percorso. Il tee-shot della 8 è più avanzato e meno angolato della 17, ma l'atterraggio della palla sul primo giro è più ampio e perdona di più.
La buca è molto larga, ma prima della metà c'è una collina che arriva al green e rende la buca cieca al secondo colpo (prima del dog-leg).
Il green è lungo e nella parte posteriore sopraelevato. Ci sono 2 bunker davanti al green che impediscono l'entrata di rotolo della palla. Il perimetro di tutta la buca è caratterizzato dall'out, ma la buca è molta larga e, passato il primo tiro, il fuori limite non è più un problema.
In entrambe le buche (8/17) la strategia è uguale: in mezzo al fairway c'è un sasso ed è proprio quella la direzione migliore dove scagliare il drive. Il secondo colpo sarà nella maggior parte dei casi cieco e il punto di riferimento in quel caso sarà la metà collina, quasi verso la club house.
Il colpo al green non e semplicissimo perché, anche se il fairway davanti al green richiama il rotolo della palla verso il green, bisogna tener presente quei due bunker che rendono il corridoio più stretto, quindi consiglio di cercare un colpo al green diretto mirando la meta di destra del green.

Buca 9/18 - Par 3 - Metri 149/129 - Hcp 15/16
Splendido par tre finale con lago davanti al green.
Il green è bello, ampio e sopraelevato rispetto al fairway e a l lago.
A metà green c'è uno scalino alto che lo divide in due.
Al primo giro la partenza è arretrata: una ventina di metri rispetto alla 18. In entrambi i giri il vento può fare la differenza.
In base alla posizione dell'asta si deciderà il ferro. Con l'asta lunga, il ferro sette può andare bene, mentre con l'asta corta è da usare un ferro otto.
Dal tee della 18, che è più avanzato di quello della 9, la differenza è di un ferro e anche in questo caso la posizione dell'asta e il vento richiederanno la giusta strategia.

Francesco de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone