Home | Rubriche | Campi da golf | I percorsi di golf: Golf Club Peschiera, Paradiso del Garda

I percorsi di golf: Golf Club Peschiera, Paradiso del Garda

Descrizione delle buche e alcuni suggerimenti di Francesco de Mozzi

image

Questo campo da Golf di moderna concezione si snoda, per opera dell'architetto americano Jim Fazio, sulle dolci colline moreniche dell'entroterra gardesano, vicino a Peschiera.

Si tratta di un percorso sapientemente movimentato tra paesaggio e abitazioni, tra laghi e colline, tra alberi e coltivazioni, non sempre facile e spesso accompagnato da lunghi fuori limite e ostacoli naturali spettacolari quanto insidiosi. A volte il giocatore deve essere strategicamente dotato, a volte tecnicamente attrezzato. Di certo deve saper dosare la forza, studiare le difficoltà, leggere le distanze non solo metricamente.

I consigli che diamo sono per un golfista ideale di corporatura media, di età sui 35 anni, con handicap in bilico tra la seconda e la prima categoria.


Oltre alle 18 buche championship il golfista dispone di 1 driving range, del putting green e del pro shop. Reception, bar, ristorante a la carte.

La segreteria del Golf Club Paradiso è raggiungibile con telefono 045 6405802 e con la e-mail info-golf@parkhotels.it.



Buca Uno - Par 4 - Metri 354 - Hcp 3

La Buca Uno è un par 4 non molto lungo in discesa, con il fairway leggermente rialzato rispetto al rough. Su entrambe i lati della buca vi è una serie di alberi che seguono il perimetro di tutta la buca.
A 260 metri circa c'è una stradina sterrata, considerata come parte integrante del campo, che taglia la pista trasversalmente e che può dare problemi sul colpo al green.
Il green è grande, con una pendenza che tende a portare la palla verso sinistra ed è circondato da una serie di collinette, con bunker di erba che possono dare fastidio sul colpo di recupero. Ci sono tre bunker di media grandezza sul lato sinistro posti prima del green.
Consiglio il drive, da posizionare nella metà sinistra della pista, in modo da avere il secondo colpo con un'ampia visuale del green in modo da visualizzare bene la posizione dell'asta.


Buca Due - Par3 - Metri 130 - Hcp 17

La Buca Due è un par 3 corto, caratterizzato del green molto grande e in leggera salita, con una pendenza che tende a portare la palla verso sinistra e con un bunker molto grande e fondo posto frontalmente. Infine, due bunker di media grandezza sono posti sul retro e con un torrente a pochi metri dal lato sinistro.
Ma non è difficile come sembra, basti guardare l'handicap che ha la buca.
Il mio consiglio è di valutare bene la posizione dell'asta in modo da evitare di dover pattare da distanze proibitive.


Buca Tre - Par 5 - Metri 437 - Hcp 11

La Buca Tre è un par 5 non molto lungo con un dog-leg a destra, dove cade il primo colpo. Sul lato più esterno del rough di destra c'è una fila di alberi con un out parallelo che arriva fino dietro il green. Sulla sinistra non c'è out, ma ci sono 2 bunker a 200 metri circa dal tee di partenza, posizionati nel lato esterno del dog-leg, a bordo pista, e sono facilmente raggiungibili col primo colpo.
A circa 150 metri dal green, sempre sul lato sinistro, vi è un bunker di media grandezza posto a bordo pista per stringere il fairway nel punto di caduta sul secondo colpo.
Il green è molto grande ed è leggermente in salita. È rialzato rispetto al piano della pista, è protetto frontalmente da 3 bunker di media grandezza ma profondi; sulla destra vi è un piccolo bunker con l'out che segnato accanto e che passa dietro a tutto il green.
Dal tee di partenza consiglio di usare il drive cercando di mirare a destra dei due bunker posizionati all'esterno del dog-leg, in modo da avere un secondo colpo con più visuale.
Sul secondo colpo si deve cercare di posizionare la palla nella metà di sinistra del fairway, facendo attenzione al bunker posto sulla sinistra poco dopo il paletto dei 150 metri.
Sul terzo colpo è preferibile rimanere corti all'asta, in modo da avere cosi un putt in salita.




Buca Quattro - Par 4 - Metri 335 - Hcp 7

La Buca Quattro è un par 4 non molto lungo con un secco dog-leg a sinistra e con tutto il lato destro limitato da un out. Inoltre vi sono due bunker posti nella curva a destra del fairway e per tutta la lunghezza del lato sinistro della buca vi è un insidioso ostacolo d'acqua. All'interno del dog-leg vi è un bunker molto grande posto parallelamente all'ostacolo fino a bordo green.
Il green è molto grande e ha un avvallamento nel centro che rende difficile la pattata ed è difeso a sinistra da un ostacolo d'acqua. Su entrambi i lati, quasi frontalmente, vi sono due bunker posti per rendere più difficile far rotolare la palla verso l'asta.
Consiglio di partire con un legno 3 o un ibrido, in modo da avere più possibilità di posizionare la palla in pista cercando di non tagliare troppo il dog-leg e avere piuttosto un secondo colpo da corta distanza.


Buca Cinque - Par 3 - Metri 160 - Hcp 5

La Buca Cinque è un par 3 con il green molto grande e leggermente in salita, con 2 bunker di media grandezza sul lato sinistro e uno sul lato posteriore nella metà di destra.
Il green è protetto frontalmente da un ostacolo d'acqua molto insidioso che taglia la buca trasversalmente da sinistra a destra passando molto vicino al lato destro del green.
Il mio consiglio è di mirare nella metà di sinistra del green in modo da evitare brutti rimbalzi verso l'ostacolo e di fare attenzione al vento che potrebbe richiedere un ferro diverso da quello che fareste in condizioni normali.


Buca Sei - Par 5 - Metri 460 - Hcp 1

La Buca Sei è un par 5 lungo, leggermente in salita, con un dog-leg cieco sul primo colpo, accompagnato per tutto il lato destro fino a dietro al green da un out delimitato da una rete e alcuni alberi sparsi nel rough.
Sul lato sinistro, invece, l'unico vero problema è il bosco che per 200 metri, oltre ad essere un ostacolo, impedisce di visualizzare la pista. Dopo il bosco, sulla caduta del primo colpo, vi è un rough difficile su una serie di collinette e alberi.
A 100 metri dal green troviamo un bunker profondo, pronto a ostacolare ulteriormente la buca.
Il green è grande ed è in salita con pendenza molto marcata, che tende a portare la palla fuori dal green. È sopraelevato rispetto al piano del fairway e, a sua difesa, vi sono un bunker piccolo sul retro, uno grande e profondo sulla sinistra e uno piccolo e profondo sulla destra.
Sul primo colpo consiglio il drive, da giocare nella metà di sinistra del fairway in modo da avere la palla in pista con una buona visuale per il secondo colpo. Il quale deve portare la palla prima del bunker di sinistra per poter attaccare il green con un colpo pieno.
Sul colpo al green consiglio di restare corti rispetto alla posizione della bandiera per via della pendenza che lo rende uno dei green più difficili del percorso.




Buca Sette - Par 4 - Metri 266 - Hcp 15

La Buca Sette è un par 4 corto con un out lungo tutto il lato destro, mentre sul sinistro c'è un gruppo di alberi fino a metà della buca.
Il green è molto grande, con una pendenza marcata che tende a portare la palla verso sinistra ed è protetto su entrambe i lati in modo quasi frontale da 8 piccoli bunker che impediscono che la palla possa rotolare verso la bandiera. Dietro al green, un bosco può dare molto fastidio ai colpi troppo lunghi.
Consiglio di non partire col drive e di usare un legno 3, o ibrido, in modo da posizionare la palla a una distanza tale da evitare il rough e di poter fare il secondo colpo pieno.
Sul secondo colpo consiglio di giocare il colpo verso la metà di sinistra del green in modo da sfruttare la pendenza che tende a far rotolare la palla verso destra.


Buca Otto - Par 3 - Metri 152 - Hcp 9

La Buca Otto è un par 3 corto con partenza sopraelevata rispetto all'arrivo. Il green è molto grande e con una pendenza marcata che fa rotolare la palla verso sinistra. È protetto a sinistra da 4 bunker non molto grandi e uno grande sulla destra.
Consiglio di giocare un ferro in più perché l'effetto visivo dall'alto al basso può trarre in inganno.
La direzione ideale è la metà di destra del green in modo da sfruttare la pendenza che il green ha per far andare la palla verso il centro.


Buca Nove - PAr 4 - Metri 303 - Hcp 13

La Buca Nove è un par 4 corto con fairway stretto, affiancato da collinette con alberi che caratterizzano entrambi i lati della pista. Un insidioso out sulla destra segue tutto il lato della buca fino a dietro al green.
Il green è grande, con una pendenza che va da sinistra a destra ed è protetto frontalmente da due bunker non molto grandi ma insidiosi per chi rimane corto.
Consiglio un legno 3, o ibrido, in modo da avere più possibilità di prendere la pista.
Sul secondo colpo consiglio di mirare nella metà di sinistra del green, in modo da sfruttare la pendenza verso destra che porta la palla verso il centro.




Buca Dieci - Par 4 - Metri 311 - Hcp 14

La Buca Dieci è un par 4 corto con un leggero dog-leg a sinistra. Il rough di sinistra cresce su una serie di collinette che ospitano alcuni alberi. Inoltre c'è un bunker a 180 metri circa dai battitori, mentre sul lato destro della buca ci sono, a portata del primo colpo, 2 piccoli bunker posizionati prima di un ostacolo d'acqua (ce ne sono altri due anche dopo il laghetto).
Il green è grande ed è in salita, con la parte iniziale più bassa di quella posteriore e a sua protezione vi sono solo 2 bunker di media profondità, posti sul retro.
Consiglio di mirare a destra del bunker di sinistra in modo da evitare il lago che sta a destra.
Sul secondo colpo consiglio di restare corti alla posizione dell'asta in modo da poter pattare in salita.


Buca Undici - Par 4 - Metri 354 - Hcp 12

La Buca Undici è un par 4 non molto lungo che ha un leggero dog-leg a destra, con un lago che separa i battitori dalla pista con un bunker di media grandezza posizionato tra la fine del lago e l'inizio del fairway. Inoltre, ha il green più basso rispetto al piano della buca.
Il lato sinistro della buca è collinare, con un bunker posto a 170 metri circa dai battitori, mentre sul lato destro della pista vi è una discesa piena di alberi che possono impedire il colpo al green.
Il green è grande, con il bordo posteriore ondulato con pendenze che tendono a far tornare la palla verso il centro. A sua difesa c'è un solo bunker di media grandezza e profondità.
In questa buca si deve cercare ti posizionare il primo colpo nella metà di destra della pista, in modo da non rischiare il bunker sulla sinistra del fairway e avere cosi un colpo al green senza il bunker totalmente sulla traiettoria e poter cosi avere maggiori possibilità che la palla si fermi.


Buca Dodici - Par 4 - Metri 372 - Hcp 2

La Buca Dodici è un par 4 molto lungo caratterizzato da un lago che, a partire dai 180 metri circa dai battitori, segue parallelamente il fairway fino oltre al green. Prima del lago vi e un piccolo bunker posto a impedire che la palla possa rotolare verso l'ostacolo. Poi c'è un secondo e grande bunker di una quarantina di metri, parallelo all'ostacolo, che arriva fino a bordo green.
Sul lato sinistro della pista, a portata di primo colpo, troviamo 3 bunker di media grandezza e profondità, che possono complicare il colpo al green. Sempre sul lato destro, a 150 metri dal green circa, inizia un out che riduce il rough rendendo delicato il colpo in bandiera.
Il green è molto grande con uno scalino che lo taglia quasi verticalmente, con la parte sinistra più alta della destra. A sua protezione ci sono 2 bunker, uno piccolo dietro e uno enorme che lo protegge nel lato destro e frontalmente, mentre tutto il lato destro è difeso dal lago.
Il mio consiglio è di usare il drive, da giocare nella metà di destra del fairway in modo da evitare i 3 bunker sulla sinistra della pista e avere così un secondo colpo con una visuale più sicura e diminuire il rischio di finire in ostacolo d'acqua.
Per il colpo al green, consiglio di mirare nella metà di sinistra in modo da non avere nessun ostacolo lungo la linea di tiro.




Buca Tredici - Par 3 - Metri 164 - Hcp 8

La Buca Tredici è un par 3 di media lunghezza, con un green molto grande e con 3 scalini che lo rendono molto difficile. È anche sopraelevato rispetto ai battitori e difeso quasi frontalmente sulla sinistra da due bunker molto grandi e profondi e lateralmente sulla destra da due piccoli bunker.
Il mio consiglio è di cercare di rimanere corti rispetto alla linea della bandiera in modo da evitare di dover pattare in discesa e rischiare così i tre putt.


Buca Quattordici - Par 5 - Metri 452 - Hcp 6

La Quattordici è un par 5 lungo con un dog-leg a destra che inizia a 240 metri circa dai battitori, con un lago molto grande all'interno della curva che costeggia fairway e green.
Su tutto il perimetro esterno del rough di destra vi e un out che segue la buca per tutta la sua lunghezza. Inoltre vi sono 3 bunker posizionati uno a 150 metri dal tee di partenza e gli altri due a ridosso del paletto dei 100 metri.
Il green è lungo e stretto, in salita con la pendenza che porta la palla verso il lato del lago col quale confina. Inoltre è protetto sul retro da alcuni cespugli, a ridosso di un out che può dare grossi problemi ai colpi che oltrepassano il green.
Consiglio di usare il drive con il primo colpo, mirando il bordo rough di destra, in modo da avere il secondo colpo con un'angolazione più sicura per il secondo colpo. Col quale colpo dovete posizionare la palla verso il paletto dei 100 metri e avere il green senza acqua sulla linea di tiro.
Per il colpo al green consiglio di stare nella metà destra in modo da evitare di finire in ostacolo.


Buca Quindici - Par 3 - Metri 106 - Hcp 18

La Buca Quindici è un par 3 molto corto con il green di media grandezza senza pendenze apprezzabili. A sua protezione, un bunker è stato posizionato frontalmente con la sponda alta, mentre sul lato destro c'è un lago che può dare problemi ai colpi con effetto a destra.
Il consiglio è di giocare mirando nella metà sinistra del green in modo di avere una traiettoria sicura senza rischiare di finire nell'ostacolo.





Buca Sedici - Par 4 - Metri 331 - Hcp 16

La Sedici è un par 4 corto con dog-leg a destra, con un lago che separa i battitori delle donne dal fairway.
Su tutto il lato sinistro, nel perimetro più esterno della buca, vi è un out e a portata di primo colpo. Sempre a sinistra, c'è un piccolo bunker posto a 200 metri. Il lato destro è caratterizzato da una seria di collinette con due bunker a portata di primo colpo prima del dog-leg.
Il green è molto grande e in salita, con due mezzi gradoni che rendono molto difficile pattare in discesa per via della doppia pendenza, tendente a portare la palla verso il centro. È anche protetto sulla sinistra da un gran bunker con sponda alta e, sulla destra, da tre bunker d'erba.
Consiglio di puntare il drive sulla parte destra della pista in modo da accorciare la buca. Suggerisco anche di sparare il secondo colpo nella metà sinistra della buca in modo da aver più possibilità di fermare la palla in green e poter pattare in salita.


Buca Diciassette - Par 4 - Metri 273 - Hcp 10

La Diciassette è un par 4 corto con un laghetto che separa i tee di partenza dal green e con il fairway che aggira il lago sulla destra con un dog-leg.
Il lato sinistro della pista confina con il lago e vi sono 3 grandi bunker lungo il bordo dell'ostacolo, mentre sul lato destro di tutta la buca vi è un rough irregolare con una seria di pini marittimi che seguono il perimetro della buca fino dietro al green.
Il green è grande, è in salita, con tre scalini e una pendenza che va da sinistra a destra. A sua difesa sono stati collocati 3 bunker, 2 posizionati frontalmente e uno sul retro nella metà di destra.
Sconsiglio di giocare un colpo diretto al green per via del poco spazio di caduta della palla, suggerisco invece di giocare un ibrido o un ferro mirando a destra dell'ostacolo, in modo da aver un secondo colpo diritto al green senza ostacoli lungo la traiettoria di gioco.


Buca 18 - Par 5 - Metri 504 - hcp 4

La Buca Diciotto è un par 5 molto lungo e difficile, con un dog-leg a destra sul colpo al green.
Tutto il lato esterno di sinistra è considerato out e, sempre a sinistra, a 200 metri dal tee di partenza vi è un bunker a bordo pista, mentre altri 4 bunker sono posti nella curva sul lato esterno.
Il lato destro della buca è caratterizzato da una serie di colline con rough e alcuni bunker d'erba. Un out segue tutto il perimetro. All'interno della curva, sulla destra della pista, vi sono due bunker molto insidiosi e una collina con molti alberi sulla sua cima che impediscono di vedere il green se non negli ultimi 100 metri circa.
Il fairway è tagliato in due punti da un fiume che divide la buca in 3 parti rendendola difficile e tecnica.
Il green è molto grande, con uno scalino nella parte finale. A sua protezione vi sono due bunker di media grandezza posti in modo quasi frontale nella metà di sinistra, più uno non molto grande sul lato destro.
Consiglio di giocare il drive mirando nella metà di destra della pista, in modo da avere la sicurezza di evitare l'ostacolo d'acqua che taglia la buca.
Sul secondo colpo consiglio di giocare un ferro lungo o un ibrido per passare il secondo ostacolo d'acqua cercando di posizionare la palla nella metà di sinistra della pista, in modo da prendere largo il dog-leg per avere più visuale sul colpo al green.

Francesco de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone