Home | Rubriche | Cartoline | Cartoline di Bruno Lucchi: «Parole e argilla»

Cartoline di Bruno Lucchi: «Parole e argilla»

Le parole raccontano, ricordano, fanno viaggiare fantasia e memoria. L’argilla invece è stata una scoperta, una felice coincidenza, un destino

image

>
Le «Cartoline di Bruno Lucchi» sono nate come semplice condivisione online dei miei scatti fotografici, con gli amici prima e con i lettori de L’Adigetto.it poi.
Vedendole sul giornale mi resi conto che le immagini non riuscivano a esprimere quello che la Nikon fissava nella scheda di memoria, così ho iniziato ad accompagnare le immagini con commenti e pensieri.
Usare le parole non sempre è facile; ma le parole raccontano, ricordano, fanno viaggiare fantasia e memoria.
Le parole, spesso, danno risposte alle innumerevoli domande che mi frullano nella testa.
 
Che differenza c’è fra l’argilla e la parola?
Non è una domanda che rientra nella norma, ma neanch’io rientro nella norma e spesso mi faccio domande a cui è difficile, se non impossibile, dare soddisfazione.

La parola arriva poco dopo il primo respiro. Apprenderla è cosa naturale.
Prima la famiglia, poi la scuola mi hanno aiutato a conoscerla.
Oggi, non riesco ad immaginare un mondo senza questo «mezzo» potentissimo di comunicazione.
 
L’argilla invece è stata una scoperta, una felice coincidenza, un destino.
Se è vero che noi eravamo argilla e ci è stata donata l’anima e la vita con
un soffio, io quel dono l’ho ricevuto due volte.
Sono stati sufficienti una decina di giorni per conoscerla, frequentarla e
innamorarmi per sempre.
Che sia questa la differenza?
 
Nel 1976 L’incontro che - sicuramente e inconsapevolmente - mi ha segnato
per sempre fu con Fior Candido. Era il 1976, mi invitò in casa sua, ma
soprattutto mi apri al suo atelier il suo atelier.
Ero un ragazzo curioso, con tanta voglia di imparare e affamato di nuove esperienze. Raffinato artista Fior, ha esposto alla Biennale di Venezia e alla Triennale di Milano. Un innovatore nella ricerca della ceramica contemporanea. Candido si è sempre espresso con l’argilla, - il Semire di Ceramica Cecchetto nello specifico - materiale che, da allora, mi accompagna ancora oggi.
 
La parola ha bisogno di tempo e di attenzione per raccontare storie, all'argilla basta un attimo.
Un'occhiata, per comprenderla, ma ha bisogno di molto lavoro, tempo, di esperienza-conoscenza e di padronanza nel maneggiare questa materia.

L'argilla e la parola, due componenti di impegno in questo lungo e impegnativo, ma anche appassionante, cammino artistico.
 
Due le mostre realizzate nel corso degli anni dedicate a questo tema:

- «Sulla tua Parola», anno 2011.
A cura dell'Associazione per l'Arte «Le Stelle». Il percorso espositivo si sviluppava in due sedi, Brescia e Concesio. Prendendo spunto dal versetto di Luca (5,5) ho dato forma - sfida difficoltosa ma avvincente - alla Parola sacra.

- «Parole scavate», anno 2017.
Al Forte delle Benne di Levico Terme, nella ricorrenza del Centenario della Grande Guerra. Un percorso visivo in parole e immagini che ha dato forma a versi tratti dalle più celebri liriche della raccolta L'Allegria di Giuseppe Ungaretti.

Bruno Lucchi





















 Bruno Lucchi 
Via Marconi,87 - 38056 Levico Terme – Trento
info@brunolucchi.it
+39 (0)461 707159 studio - +39 329. 8632737
www.brunolucchi.it
https://www.facebook.com/Bruno-Lucchi-1758717671122775/
https://www.instagam.com/lucchibruno/
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni