Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | I m'ha sbusà anca mì – Di Cornelio Galas

I m'ha sbusà anca mì – Di Cornelio Galas

Zàchete. No ho sentì gnent. L'era nàda pèzo dése dì prima, quando ero nà a l'ospedal de Arco a farme tor fòra el sangue per le analisi

image

Ala fìm, dài e dài, è rivà anca el me momént.
E cosìta me som trovà en còa, davanti al Casinò de Arco, per farme sbusàr co l'ucia con denter el vazìm contro 'sta bestia de covid. Oh, giust el tèmp de firmar en pàr de carte, de tiràr fòra dal portafòi la tèsera sanitaria, de sentàrse zo sula caréga.
E zàchete. No ho sentì gnent. L'era nàda pèzo dése dì prima, quando ero nà a l'ospedal de Arco a farme tor fòra el sangue per le analisi.
 
Dopo, en quart d'ora tuti sentài en de na saléta per veder come la néva.
«Oh, se ve se sgiónfa el bràz dove avém fàt l'iniezióm, a casa metéghe su en tòch de giàz neh...
«E se ve vegnìs qualche linea de féver basta na tachipirina... se sa che se ghe fussa problemi pù grossi l'è meio far en colp a l'ospedal... ah, me racomando, vegnir per la seconda dose neh?»
 
Come se se sènte dopo? Ve dirò. Par squasi... de esser, come dir, pù a posto. Cioè de aver fat qualcos che doveva esser fat.
Oh, se sa, tuti se se fa sbusàr perché se pensa che, na volta fat sto vazìm, no dovréssem averghe pù grossi problemi col coronavirus. Che de zerto no vol dir – basta lezer i giornai – che sto maledeto virus no'l ne vegnirà pù endòs, ma almem no se dovrìa pù finir nele terapie intensive, coi tubi per l'aria. E – tochénte fer – gnanca coi péi envanti en de na cassa da mort.

Però, dai, te te senti a posto anca coi altri. Che no vol dir, anca chì, che no te pòdi enfetàr quei entorno sol perché te sei stà vazinà, ma dai, a qualcos el servirà pur sto farse sbusàr no?
Per amor de Dio, sèmper la mascherina sul mùs, semper lontani dala zent, no sofiarse el nàs en piazza, no spuàr dove capita.
Ma, ensóma, sti vazini i dìs che mal de zerto no i fa, anzi.
E alora avanti. Anca se, vardàndone 'n giro, no l'è che ghe sia tante altre medizine che faga pù bem.
E metèndose dénter en scafandro dai cavéi ai pèi no l'è che te te la cavi... prima o dopo te dovrai pur vegnir fora da quell'ambaradàm, o no?
 
E l'è da n'àm e passa che gavém a che far co sta rogna. Sem deventai tuti difati... rognosi, nervosi, malfidenti, malsaorìdi, con tanta vàia de tornar a nar en giro come na volta.
De nar a magnar anca denter i ristoranti se fòra tira vent e piove.
De darghe en baso oltre che la mam a quei che ghe volem bem.
De podér tirar tardi la sera senza paura che i te daga na multa da quatrozento euri.
Ensoma, gavém tuti vòia de tornar a far robe che a so tèmp ne pareva normali, no fòra dala grazia de Dio.
 
Chì però adès bisogna star n'atimim atenti. Perché – così i dis – l'è n'atimo (basta vardar quel che è suzés l'istà pasada) che se deba seràr su tut n'altra volta.
Eco, su sta roba però bisognerìa che i nossi capi i se metés en po' d'acordi.
Perché gh'è quel che dis de spostar de n'ora el cuertafòch, quel che dìs che l'è ancora massa prést, quel che volerìa torlo via del tut, quel che zamai la mascherina se pòl lasàrl a casa, quel che non tuti i vazìni i è gualìvi.
 
Ocio che se riscia de far la fìm de quell'òm de l'àsem.
No conossè la storia de l'òm co l'àsem? Ve la conto mì.
Alora, en dì n'òm, partì da so casa co n'àsem, a 'n zerto punto el gh'è montà sóra.
E via cosìta fim quando no l'ha encontrà dela zent che scorléva la testa:
«Pòra bestia, dover portar sula gropa n'òm sì gros, sì pesante... ma no se vergògnel?»
Alora sto òm el ciàpa sto àsem e 'l se lo méte sula schena... E fasendo na fadiga bestia el va envanti piam pianél, sacramentando e sudando.
Pu envanti altra zènt denòr al senter.
«Ma varda ti se um el deve dropàr n'asem per portarlo su le spàle... No l'ha capì gnent a cossa che i serve i àseni.»
E alora sto por òm el ciàpa l'àsem per la cavéza e 'l lo tira envanti cosita.
Pù envanti, altra zent: «Ma dime ti. Tegnir n'àsem ala cavéza, come en cagnòt. Ma làssa che el vaga per so cont no, se no 'l te serve per portar gnente...»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni