Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Come sénte méssi adès? – Di Cornelio Galas

Come sénte méssi adès? – Di Cornelio Galas

Come el diria el mé diretor, déme en salvazènt per non negàr en sto mar de monàde...

image

Dirìa de sficóm, en còsta, come sule arèle ma sol fim quando no gh'è giro d'aria.
Perché, cramento, ogni dì, ogni ora, gh'è qualchedùm che dìs na roba su sto maledeto covid.
E subit dopo n'alter el dìs tut viceversa, meio, viceserva. Perché el deve render cont, come vice servo (gnanca come servo titolare) a qualchedum sora de lù.
 
Stò disèndo monàe? Spèta, spèta... Scominziém co la terza dose dei vazìni.
Che, i diséva cosìta, la n'avrìa tirà fòra dale stràzze.
Me domando: quei che en sti dì chì – perché i è obligai – che ha fat sol la prima puntura (perché no l'è che te pòdi farte tre dosi en d'en colp, se sa) come fài alora a esser a posto contro la variante omicron, se anche col terz riciàmo, no gh'è da star propri en de na bót de fèr?
 
N'altra roba: en Israele e da altre bande i è zà drìo a farse la quarta dose.
Ma semper coi vazìni fati per el virus pù vecio, nò quel de la delta e de l'omicron o de le do varianti misciàe.
E alora? E alora lézo che propri sto tèrz bùs no 'l servirìa a na beata Eva e no parlénte del quart.
Perché i è ancora drìo a studiarghe sora.
 
Bom. Ma no l'è miga finìa chì neh.
En Inghiltèra i vol tirar via, tra poche stimane, el grìn pàss.
Perché no 'l serve pù? Perché el Boris el pòda far i so festini en pàze enséma al prinzipe Andrea?
No se capis.
 
Quel che se capìs enveze l'è perché i ha serà i posti dove far nàsser i puteloti a Cavalese e Cles en Trentìm?
Ma l'è ciàro, dai, così gh'è pù lèti da dropàr per el covid.
E mì l'è en pèz che 'l dìgo: tute quéle percentuali (quindese, vinti, vinti e mèz per zènto) che dopo te vài en zona giàla, arancióm, rossa, le è fate sui lèti che te gài soto mam, no?
Però se te gài pù leti a disposiziom alora le và zó, capì come?
 
N'altra roba che me fa pensar l'è quéla dei numeri che i dìs ala televisióm e sui giornai ogni dì. Anca el nòs L’Adigeto.it, se sa.
Sì, ensoma, tót malai nòvi, tót morti, la famosa perzentuale e po' quei vazinai una, doe o tre volte.
I dìs che bisognerìa a far bem far el cont solo na volta ala stimana, de doménega (meio el luni per i sète dì prima).
Perché? Perché cosìta noaltri saréssem mém spaventài.
Perché savér ogni dì, magari entant che te magni davanti ala televisiom e che 'l nono el starnùda, che gh'è tuti quei morti... eco farìa en po' senso, empressióm, no?
E alora meio ogni sète dì. Che così ne vèi en pipa cul sol na volta ala stimana.
 
Però – e no mel domando da ieri neh – secondo mi, vist che co sta omicron sta aumentando i contagiài come le bàgole quando fa frét, forsi l'è el caso anca de capir quanti de quei morti i è morti dalbon per el covid o «con» el covid.
Fago n'esempi. Me fago en tampóm, perché gò do ligne de féver. E vei fòra che som positivo, ensoma che ho becà el covid.
Vago a casa, me méto nel let, tògo zó la tachipirina e m'endromenzo via.
La matina stàgo zà meio. Gò anca fàm. Sol che me manca el cafè.
Alora averzo la porta e fago per nar dala Maria al piano de soto, per domandarghe (no l'è la prima volta che 'l fago) tre cuciaréti de café. Che dopo vago a tor en sachét e ghe 'l ridàgo endrìo.
Bom, sule scàle slìmpego, perché no avevo més i calzòti e i aveva apena lavà su tut nel pianeròtol.
Cramento casco zó e me copo. Bem, secondo voi sònte mort per colpa del covid?
 
Ala fim no podo far a mém de dir qualcòs del Sgarbi, che adès l'è deventà presidente del Museo de Riva (e anca de Arco), del Mag ensóma.
Bém, so che a so temp el Sgarbi i l'ha anca portà via a pei zonti dal Parlamento per l'istessa roba.
Però, diàolpòrco, sicome l'è testom, lù la mascherina no 'la vol meter.
La sindaca de Riva, la Santi, la l'ha dit sul giornal: «Ensoma, no l'è che sia tant d'acordi... su quel modo de far».
Va bem tut, ma mi, che no me ciàmo Sgarbi, se vago en municipio dala Sant senza mascherina... cosa me suzéde?
La stòrzerìa solo el nàs e la me farìa sentàr nel so ufizi senza ciamàr i vigili?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande