Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Sul Bondóm co la funivia, e dopo? – Di Cornelio Galas

Sul Bondóm co la funivia, e dopo? – Di Cornelio Galas

Ale tante, a volte bisognerìa vardàr en boca al caval anche se i te l'ha regalà

image

De sòlit i dìs che no bisognerìa vardàr en boca al caval che i t'ha regalà.
E cosìta se dovrìa fàr, alora, per quei soldi (milioni, miga noselòte) che par vegna da Roma per far na funivia che da Trent la porta fim sul Bondóm.
Però – e no so gnanca mi pù chi che pòl averghe resóm – gh'è zà quei che, come dir, fa la pónta ai bìgoi.

Per esempi, l'amico e ex collega Ettore Zampiccoli l'ha scrit a l'Adige nei dì passài per dir che, struca struca, quela funivia no l'è che la pòda servir per portar su tanti turisti. Perché? Perché na vòlta arivai su en Vaneze, per dir, cossa podréssei far?
Vardar el panorama? Va bèm. Rivardàr el panorama e far foto? Va bèm. Fumar en zigaret e po' rivardar e fotografar el panorama?
Va bem. Far do pàssi per butàr zò la colaziom? Va bem. E dopo? Zà – el dis el Zampiccoli che de turismo de zerto el capìs pù de mi e tanti altri – bisogna anca darghe qualcòs da far ai turisti na volta che i smonta dala funivia en zìma.
 
E sul Bondóm no l'è che ghe sia po' chissà quanti alberghi, bar, negozi da far en giro... meti come a Levico, tant per dir.
Anzi, ho lèt létere al giornal de zènt che se lamentéva per zerti cartei, disénte cosita, poch amichevoli:
«Strada privata, guai ad oltrepassare la linea.»
Robe ensoma che te podrìa farte rimpiànzer i soldi del bigliét per la funivia. No so se me spiego.
 
Per carità. Gh'è anca quei, sèmper che scrive al diretor de l'Adige, che enveze i gà altre idee, tute viceserva, su sta storia.
E che i varda a sta funivia come a na specie de aqua benedeta per far, ale tante, dopo ani de studi, del Bondom na specie de Trent de sóra.
E darghe a quei che vive là en zìma el modo de no saludar i turisti che vèi come fantasmi che s'è pers zà ale Viote,
 
En banda gh'è anca quei che pensa n'altra roba. E cioè che forsi i soldi (Vègnei dal Pnrrr?) i dovrìa esser magnài fòra per progeti pù urgenti. Ensoma che serve subit.
I parla per esempi de l'ospedal nòf de Trent che tra scartofie e casìm nei tribunai l'è ancora per aria (ma nò come na funivia nova, propri senza gnanca i fili de fer).
O de quel posto dove i ha fat el concerto de Vasco Rossi. Dove è cressù i costi, l'erba ma per el moment no se vede alter che vegna su. Anca en banda.
 
Ma se parlém de soldi che vèi da Roma per far qualcos me vèi en ment quel che era suzés en d'en Comun dela Busa ala fim dei ani Setanta. E gh'ero en quel consiglio comunale, no conto monàe.
Alora: dal Ministero vèi la proposta (con tant de soldi pronti da spender) per far en nòf ufizi de la Posta.
Tuti che i se varda nei oci: ma chi gavém zà n'ufizi dela Posta e no l'è gnanca tant vecio...
Però, oscia, da Roma i dìs che i te dà i soldi per farne um de novi.... 'sa fénte 'sa no fente... vòt dirghe a quei de Roma che i so soldi i ne fa giust schifo?
No sia mai dit. E alora? E alora i ha fat la Posta nòva. E quela vecia?
I l'ha butàda zó. Se no la zent no la savéva dove nar a mandar via le racomandae...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande