Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin a l’ospedal – Di Cornelio Galas

El trentin a l’ospedal – Di Cornelio Galas

Sì, sì. L’è sta denter do ore… Ma se te pensi che la podeva nar pezo…

image

(In attesa dell’intervento chirurgico, sul lettino, l’infermiera)
- Ah, adès sistemèm per le feste anca lù… entant el se cava tut… Sì sì anca canotiera e mudande, po’ el mete ‘sta roba chi, eco anca la cufieta ’n testa e ste robe chi sui pei… che dopo ’l portèm de là…
 
(Un paziente sull’altro letto)
- Per cossa elo chi?
- Ah, ’na fistola, ’na cisti… l’è zà la seconda volta che som chi per ’sta rogna.
- Eh ma quele robe lì… no se se la cava pù neh… Anca me cugnà l’è nà ’nvanti ani e ani… l’ha fat a ora a morir ancora co la ’so cisti…

(Perplesso, si tocca)
- Ma quanti ani gavévelo so cugnà quando…
- Ah, sesantazìnque. No, forsi n’am de mem perché so che l’era nat el tre de agost e l’è mort ai primi de l’am passà… Ma miga per la cisti neh. No, ghè vegnù en colp por laor…
- Ah… e lù per cossa elo chi?
- Ah monae… Na cresènza su la schéna… Sól che par l’abia fat enfeziòm e alora meio tirarla via…
- Ah…
- Sì però ghe vol l’istess l’endòrmia… Ma me sa che stasera dormo zà a me cà…
- Sì, sì de solit i te mola dopo…
 
(Infermiera)
- Eccoci, pronto? Dai che ném… che de là i ne spèta…
 
(durante l’operazione, il chirurgo)
- Ma com’è che funziona questa storia dei buoni pasto adesso?
(infermiera)
- Sì, praticamente envéze che nar en mensa i te dà ’sti lanc… che dopo al bar de soto… Però bisogna anca avérghe tèmp de nar fora… Lù dotór forse… ma noi…
(chirurgo)
- Nol funziona…
(infermiera)
- No no el funziona per quel, basta averghe temp de nar fora…
(chirurgo)
- No dicevo il laser…
 
(Alla fine)
- Ecco, guardi qua che bel filetto che le abbiamo tolto… Sì sì, va subito all’istologico…
 
(In camera, arrivano parenti di altri pazienti, una donna al telefono)
- Sì, sì ah per quel el vedo zà meio sat, ma sì ah l’è sta dénter do ore… Ma se te pensi che la podéva nar pezo… Come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue… Sì sì, bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut… Ma ti pensa se… Ah? Vegnit zò alora dominica? Ma sì me sa che posdomàm i lo mola… Ghe sarà da far i so controli… Ah si cara…
 
(Dopo cinque minuti altra telefonata)
- Sì, sì ah per quel el vedo zà mèio sat. Ma sì, ah l’è sta denter do ore… Ma se te pensi che la podeva nar pezo… Come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue… Sì sì bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut…ma ti pensa se…
 
(Dopo altri cinque minuti)
- Sì, sì. Ah per quel el vedo zà meio sat, ma sì ah l’è sta denter do ore… Ma se te pensi che la podeva nar pezo… Come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue… Sì sì, bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut… Ma ti pensa se…
 
(Arriva il pranzo, un paziente…)
- Ah co ’sti magnari chi de zerto no s’engrassa…
(Infermiere)
- E pensi che una volta si mangiava anche peggio, tra l’altro noi non abbiamo nemmeno più la mensa ci danno quei buoni…
- Sì, però no gavé gnànca el temp de nar fòra me par… Almem così i diséva de là…
(Infermiere)
- Ma lei è del sindacato?
- No, son en paziente. Ma la polerìa nar pèzo...

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone