Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Gnòchi de brugna o ala boèma – Di Cornelio Galas

Gnòchi de brugna o ala boèma – Di Cornelio Galas

Me nona, profuga come tanti trentini en quei posti, l'aveva emparà là a farli

image

La stagión per sto magnar l’è propri questa. Ensoma, le brugne i ve le tira drio zamai.
Eco alora: Gnochi de brugna. O gnochi ala boema.
Me nona, profuga come tanti trentini en quei posti, l'aveva emparà là a farli.
Via subit co le patate lesse. Na bela stagnada.
Tolé quéle che va bem per i gnochi... Quele de la val de Gresta l'è le meio.
Tute lesàe che quasi... le vol coparse dal calt nela padela.
Smigolarle co l'atrezo giust, quel che se usa per far el purè.
Lasséle deventar almen tepide, calma e gess. Entant lezé el giornal, fuméve en zigarét... Oscia devo dirve come passar almen dése minuti?

Bom, adès le patate le è a posto.
Farina bianca, na spolverada su la tavola per far meio girar el tut... che no se taca... e le patate...
Empastar bem, co le manote, no co le machinete... che dovè sentir quant che basta de farina e semai de aqua...
Tut pront? Lasé el giòm de pasta de patate en banda n'atimim. No serve 'l levà per carità... lasè polsar.
 
No gavé brugne fresche? Tolé quele seche de la cooperativa. Grosse. Via l'os. Riciapè el giom de pasta.
El tiré col matarèl dopo avérghe dat na desina de scorlae dure. En spessór de do schèi.
Po’ en bicer gross. Quel de la bira, voltà. Tanti zerci. Le sbèteghe che vanza le reimpasté e alé, avanti.
Dentro i zerci la brugna daverta. En mez ghe meté na stecòta de cannèla, en ciodo de garofen, en cuciarim de zucher. Seré su tut come se fus en raviolóm.
 
Po’ fé come far i gnochi. Dénter ne l’acqua che bói (no stè salàr, no stè fasendo la pasta).
Quando i vèi a gala vol dir che i è pronti.
Sul gnocom - su ogni gnocom - ghe meté sora na spolverada de pam gratà e se proprio volè far i grandi na gratadina de zenzero.
Dentro en forno su na base de padèla apena tocada dal bur.
Ogni tant quando vèi fora el sughét (che sa de brugna e del rest), déghe na svoltolada. Pu che alter che no i se taca zo.
Quando i gh’à en bel color (no nero come el carbon, rossàt come… ensoma rossàt) tirei fora.
Speté n’atimo che se no ve scoté la lengua. Po’ via… cortèl e pirón.
E gnapa averta. Saveme dir.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone