Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin (vecio) e i boci (d'ancoi) – Di Cornelio Galas

El trentin (vecio) e i boci (d'ancoi) – Di Cornelio Galas

Credevo d'aver fat su en casin e invezi avevo fat en... dowload!

image

(Alla moglie)
«Mah, no so, ensoma…»
- Ensoma cossa?
- Gnènt, parlo zamai per me cont…
- Se l’è per quel l’è da ‘n pèz che te zavàri. E no sol per to cont.
- Ma no, dài, oscia te par en viver da cristiani quel de to fiòl? Fòra tuta la not. Tute le dominiche nel lèt fin mezdì. Che ‘l vèi fora sol per torse la coca cola e do tochi de persùt co na ciopèta… e dopo el torna nel lèt fin le trèe se no le quatro del dopodisnar… ma dai cramento, elo deventà en pipistrèl? E studiar? E far qualcos per mantegnerse? Ma dai…
- Entant, forsi te te desmenteghi che l’anca to fiol. E po’, se te gh’ai le bale girade per ste robe và denter a dirghel no? Dai, dai, mòvi el cul anca ti na volta tant… su.
 
(Entra nella stanza del figlio)
- Andrea, Andreaaa, dormit? Dai che l’è ora de magnar su da quel let che se no te fai le terlaine.
 
(Il figlio)
- Ehhh? Uhhhhhhh Ahhhh sei tu … cosa c’è?
- Gh’è che cosìta no la pol nar envanti neh … sta casa no l’è miga n’albergo e gnanca en bi e bi, questo gh’è-
- Perché devi andar via con la mamma? Basta che lasci le chiavi al solito posto che più tardi esco anch’io …
- Diaol de quel porco de diaol guaiaporcole … adès te te lèvi su da quel let pien de migole de pam, te te lavi e po’ te vegni en cosina che gò da parlarte … nar che nare … auf che l’è morghen, capì come?
- Ma papà…
- No ghè né papà né mama né altri parenti che tegna, su da quel let ho dit.
- Ma dai, che oggi è domenica anche per me no?
- Cossa vol dir? Tute le dominiche chi l’è semper quela. No, no adès su svelto che dopo mi e ti dovèm parlar…
- Ma parlare di cosa papà?
- Entant movi ‘l cul… che dopo te digo mi de cossa se deve parlar.
 
(Dopo mezz’ora, il figlio in cucina)
- Ecco, allora? Cosa c’è di tanto urgente?
- Gh’è, cramento, che no te poi nar envanti così. Mi ala to età ero zà a laorar. E fra sei mesi anca sposà e dopo fra do ani gavevo zà en bocia, questo gh’è. Ti enveze no te fai che nar a feste, tornar de matina, nar co la me machina e la benzina che te pago mi en giro dapertut, dormir fin mezdì e oltra… tanto chi gh’è quei che serve sol per sganciar for soldi. En casa no te fai mai n’oscia… comoda caro ciapar e no dar… me piaseria anca a mi sat?
- Ma papà… È la cento milionesima volta che mi fai sta predica… Lavoro per noi giovani non ce n’è… come spiegartelo? Ma leggi i giornali? Guardi la Tv?
- Se l’è per quel mi al giornal ho lavorà fin l’alter dì neh… e so cosa vol dir crisi. Cioè esser sposai zoveni e no averghe gnanca i soldi per i zigareti. Però scusa neh, ma me sa che tra i disocupai ti te fai parte de quei – come i dis anca ala television – che el lavoro propri no i lo zerca… Anca perché, disentela tuta, laorar l’è fadigos neh? Meio far fora zinquanta euri en de na sera a sbevazar e far monae en giro neh?
- Papà, ma se proprio tu continui a dire la storia del carpe diem, del prendere la vita giorno per giorno…
- Sì, ma me sa che ti t’hai zà prenota almen tre quatro ani de sto modo de viver… oscia, ma sat che ai me tempi se neva a far i aprendisti gratis per tre mesi e dopo, sol se te eri bon de far el mister i te ciapèva. Ma miga coi contributi subit neh…
- Papà, adesso non ci sono più nemmeno le leggi del precariato, l’articolo 18, ma hai sentito no …
- Diaolporco, vara che sti ani se neva a far pize, ai casei de l’autostrada o ai cinema a sbregar biglieti però no per vardar el cine…
- Sì, e ai cinema si fumava pure, bella roba…
- Ah eco, a proposito… se te voi fumar almen mantegnete el vizio, no robarme i zigareti de scondom come l’altra sera che son restà senza sul pu bel porcodizere.
- Va bene, va bene … ma me li aveva dati la mamma comunque
- No m’enteressa, mei l’era i zigareti. Almen nar comprarli coi me soldi… o el massa fadiga?
- Dai papà, basta, c’è altro che vorresti dirmi?
- Ma cossa vot che te diga, me par de butar via el fià a parlar con ti. Tanto no cambia gnent, gnent…gnoranti come taco sé voi boci de adès…e la gavè grasa, madona se la gavè grasa… ai me tempi…
- No papà, ti prego, basta, la so memoria la storia dei tuoi tempi, basta ti prego, ho anche mal di testa…
- Eh, mal de testa, tel fago vegnir mi el mal de testa vero… vago a zercar le bachete de legn giuste come feva me papà marangon e te le dago zo per le recie cramento… te verai che bel mal de testa che te vei guaiaporcole de ’n diaol porco de quela…
 
(La moglie)
- Oh la mochè o no de gosàr? No se sente gnanca la television. Almen dese minuti de paze do magnà… dai né da n’altra banda a begar valà…
 
(Lui)
- Va ben scolta vei de là nel studio che la finìm lì…
- Papà…
- De là oscia…
 
(Nello studio)
- Scolta che se no me desmentego, el me compiuter el s’è enciodà… Podìt darghe n’ociadina?
- Papà, sono stanco adesso…
- Almen questo te podrai farlo no? O costèlo masa?
 
(Il ragazzo guarda il Pc con la faccia schifata, lo accende)
- Ma papà, come lo tieni questo Pc? Qui è un casino… guarda quanti programmi aperti. E poi qui hai anche virus… provo a vedere cosa si può fare ma… che casino.
 
(Dopo mezz’ora di smanettamenti)
- Ecco, adesso aspetta il riavvio, dovrebbe andare
- Cossa gavevelo?
- Te l’ho detto, ogni tanto dovresti cancellare qualcosa e poi attivare l’antivirus… certo che forse hai anche infettato ormai un bel po’ di programmi, anche di avvio mi pare…
- E cossa se pol far?
- Tu riavvia adesso che poi vedo…
- Sperente…
 
(Dopo un’altra mezz’ora)
- Ecco, adesso mi pare a posto… Vedi, è anche molto più veloce, non va più in crash… e questo? Cos’è questo? Ma papà, fai anche chat erotiche? Alla tua età? Lo sa la mamma?
- Bravo, bravo… sì ah boh, no so, le sarà vegnue denter col virus…
- Ma se hai salvato tutto su disco rigido… dai… hai fatto un dowload… dai papà.
- Scolta, ti no t’hai vist gnent neh… gnent… Chì gh’è zinquanta euri per el piazer che te m’hai fat… Ciapa e va a magnarte na piza… Po’ torna su a Trent a l’università… Oh, muto come un mes zo dopo l’òbit, capì come?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone