Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentìm dal dotór – Di Cornelio Galas

El trentìm dal dotór – Di Cornelio Galas

«Smetta immediatamente di fumare!» – Oscia, non ho mai fumà en vita mia…

image

- Salve Giovanni, allora, le ha fatte le analisi che avevo prescritto?
- Sì, dotór, el varda… Oscia ’n do onte mess le carte… (tutte spiegazzate nel portafoglio)… ah eco, no questa l’è la fatura per le gome da nef… No ghè pu santi de pagar en nero con tuti quei controli che i fa al di de ancòi… Ah eco, eco…
- Vediamo, vediamo… Ah… Giovanni non va mica tanto bene… Anche qui… No, no…
- Cos’èl che no va dotor? Mi gò dat n’ociada en freta e furia ma no me pareva d’esser zamai mort…
- No, no… Colesterolo alle stelle, non parliamo della situazione del fegato che emerge da questi valori… Giovanni, mi dica la verità, lei ci dà dentro ancora parecchio con l’alcol…
- Ma valà, en par de bicieroti la matina, en par a disnàr, se t’encontri qualchedum prima de zena… né pu né mem del solito, diria…
 
- Eh ma è proprio questo solito che non va. Deve assolutamente cambiare abitudini. Stop al vino, non parliamo poi dei superalcolici… Veleno allo stato puro ormai per il suo fisico.
- Elamadòna, ma gnanca en bicier de rosso entant che se magna?
- Io consiglierei almeno per un paio di mesi di limitarsi all’acqua. Possibilmente naturale, non gassata.
- Gnanca ’na Coca Cola?
- Acqua. Acqua. Così facciamo un bel periodo di depurazione. Poi rifà le analisi e vediamo…
 
(Un amico a l’uscita dall’ambulatorio)
- Ciao Giani, che ’n pèz che no te vedo. Dai che te òfro qualcòs…
- Tasi, tasi Guido, che vegno ’pena adès dal dotór… L’ha dit che no podo pu bever. Gnanca a disnar.
- Ma valà che quei lì l’è i dotori zoveni de adès. Zent vegnua su coi magnari che no sa de gnent, che ghe fa schifo el vim… Po’ tel sai no, l’è come co le medizine… i ciapa soldi se i te fa comprar questa o quela… e scometo che ’l t’ha dit de bever acqua no gasada… Vedit… vedit che i gà i so enteressi… Dai valà che l’acqua, come te sai, la smarzìs i canai, semai meio l’acqua…vite, vèi che ne fem ’na candola che te me pari bianch come na pezza…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone