Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin ’n confesional – Di Cornelio Galas

El trentin ’n confesional – Di Cornelio Galas

«Torna più tardi, figliolo, vedrai che qualche miracolo accadrà...»

image

(Il prete nel confessionale): Nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo.
(Bepi si fa il segno della croce e s’inginocchia)
(Prete): Sia lodato Gesù Cristo
- Ah quel semper, semper
(Il prete a bassa voce): Devi dire «sempre sia lodato»
- Semper che ’l sia… che ’l sia adorato
- Lodato…

- El me scusa salo ma l’è ani che no me confesso, no me ricordo pù le parole che se deve dir…
- Da quanto non ti confessi, figliolo…
- Ah sarà, me digo, che sarà da do ani subit dopo la cresima.
- Ma non hai ricevuto il sacramento del matrimonio?
- Sì me som bem sposà, ma sol en Comun…
- Come mai figliolo questa scelta?
- Eh no l’è che me sia tant piasù nar en ciesa… Ho fat anca el cieregòt da bocia, po’ com’ela come no ela… el sa come l’è no, i amizi, le compagnie…
 
- E perché hai deciso di confessarti adesso?
- Ah gò ’n grop, ’n magòn… Po’ se ’n sente così tante ogni dì, ensoma, me som dit, meti che me vegna ’n colp… Co ’sta rogna vago drit a l’inferno oscia…
- Lo vedi? Gesù Cristo è venuto a parlarti, a invitarti a redimere i tuoi peccati… Confidati con lui e sarai perdonato, ritroverai la pace la speranza la fede
- Ghe la fago corta se no stem chi fim stasera… Alora, mi meto zò piastrele, mochèt e anca pavimenti de legn… Som mi sol né, anca se ogni tant per laori grossi me fa na mam me cugnà… che el vegniria a esser el fiol del Dino Magnacavre, salo quel che abita su ’n costa, subit dopo el zimiteri…
- Sì si ho capito chi sei, hai fatto anche qualche lavoro per l’oratorio mi pare…
- Eco, eco… ensoma some l Bepi Sdìnza, el fiol de la Rita Paciuga sì la terona che ha sposà me papà el Giani Bampa da Tem…
 
- Sì ho capito, ho capito, parlami dei tuoi peccati…
- Eco, ghe disevo, gò o meio se pol dir zamai gavevo ’sta dita. E da do tre ani zamai co ’sta crisi no se bina su pus quasi gnènt da far chi ’n giro… le tasse però te le paghi l’istess e bisogna pur darghe da magnar ai fioi… la sposa la fa la cameriera la sera en de na pizeria… l’ariva semper tardi a casa… Ensoma sacrifizi, tanti… Semper de pu…
- Lo so, lo so figliolo, non sei il primo a raccontarmi di queste gravi difficoltà.
- Alora, vist che chi dalle nosse bande no ghera pu da laorar, en dì ho ciapà su le me straze, i me atrezi, i me materiai e son nà col camion a zercar mistéri da altre bande… che zà en me amico ’l m’aveva dit per esempi che i foresti i pagheva tra l’alter de pu… e subit… Perché, salo, no l’ coi entant grazie che se pol nar a comprar da magnar, el me capis no?
 
- Certo, certo…ma quale peccato hai commesso?
- Ghel digo subit. Ghe dago i fioi da tegnir ai suoceri, saludo la sposa, ghe digo che provo a veder, che vegnirò tra ’n mes…e vago
- Dove?
- Ah dopo Trieste, nela vecia Jugoslavia… No me ricordo bem el posto…
- E ha trovato lavoro, commesse?
- Laóro sì dai, qualcòs, commesse, signorine ensoma tante… eco… adès vegno a um…
- Come signorine?
- Ma sì, sì… quéle che le ride sèmper… che le te fa bever… Oscia se ’l costa bever en Jugoslavia…
 
- Ho capito figliolo, la lontananza dal focolare domestico ti ha annebbiato la vista, la carne ha ceduto alle tentazioni ed ora sei pentito…
- No no no l’è propri così la storia. Ah, stevo benòm lavìa, a parte i soldi per el bever e ’l rest ala sera, m’ero anca ambientà, fat dénter come se dis…
- Però immagino che ad un certo punto siano finiti i soldi… Dimmi se sbaglio…
- Come falo a saverlo, alo parlà col diretor de la Rurale dei me mistéri? Ah meno male che ghè la praivasi… Ah ma ’l me sente stavolta….
- No, è una mia ipotesi, nessuna intrusione nel tuo privato, ma dimmi, è andata a finire così vero? Sei rimasto al verde… E ora non sai più che fare, come dirlo alla tua famiglia…
 
- Sì, oscia, ghe voleria ’n miràcol… Ma no èrelo stà el so principale a far vegnir fora na fraca de pesati e ciopéte da n’àola e na mìgola de pam? E a cambiar en vim l’acqua… Eco se…
- No, figliolo, il denaro perso non può essere riguadagnato con i miracoli, soprattutto se è stato speso per il Diavolo e le sue tentazioni…
- Ho capì, ho capì… E se lù el ghe parléss enveze a quei de la Rurale… Magari el ghe dis che ghe serviria ’n po’ de soldi ’n prést per giustar la ciesa… Po’ mi piam piam che i dago de volta neh…
- Eh, fosse così facile. Pensa figliolo che anche noi, anche la chiesa deve fare i conti con questa crisi… E abbiamo già tanti poveri che bussano alla nostra porta…
 
- Oh, el varda che anca mi som sùt neh… Me sa che tra poch i me taia anca la luce, l’acqua, el gas… E gò ancora ’l mutuo da pagar per quel toch de casa… No podo gnanca venderla…. E po’, vendua, dove vaga, sóto ’l pont?
- Vedrò cosa posso fare, ma prima figliolo, devi chiedere perdono al Signore…
- Ah sì sì, tut quel che ’l vol…
- Allora nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ti assolvo dai tuoi peccati. Per penitenza dirai dieci Ave Marie, cinque Pater Noster e dieci Oh Gesù d’amore acceso…
- Ah ghe ’n digo anca el dópi e subit… Se ‘l gavès qualcos da darme almem per bever el cafè… Che zamai som pien de debiti en giro…
- Ricorda cosa dice il Padre Nostro… «E rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori…»
 
- Ah se lasso perder anca quei pochi soldi che dovria vegnirme en giro… Quei dell’entant grazie per capirne… ghe la farìa ancora a éeter ensema el disnàr co la zéna… E se quela pòra dòna de la sposa no la laorés en pizeria la sera… Ah, che gazèri diaolporco…
- Guarda figliolo che il diavolo non va mai nominato ma scacciato dall’anima, con la forza della fede… Ora vai vai e vedrai che starai meglio… Che avrai la forza per reagire alle avversità di questa vita terrena…
- Sì, vago, ma no l’è che el gavria qualcòs da darme entant… Ghe digo anca zento ave marie e dozento paternoster ghel giuro…
- Torna più tardi, vedrai che qualche miracolo accadrà. Ma ora ti prego vai che c’è una donna in attesa da tempo…
 
(Bepi esce dal confessionale e vede la moglie): ’Sa fat chi Dora? Anca ti a confessarte? S’hat combinà de brut, ospia?
(La moglie): Ah gnente… gnente… Va a cà entant e meti su da disnàr… vegno subit…
- Ma cossa vot meter su da magnar che ’l frigo l’è vòt….
- No, ho fat la spesa stamatina, ghè anca la carne….
- E ’n do hat trovà i soldi? En miràcol?
- Eh sóm vegnùa chi per quel, per dirghe come al prete… Va’ a cà entant… Che me sbrigo ’n de n’atimo. Qualche pater, ave e gloria…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone