Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Epifania che tute le feste la se porta via – Di Cornelio Galas

Epifania che tute le feste la se porta via – Di Cornelio Galas

Domenega tuti a casa mia che fen el «Vanzarot’s Day». Basta che portéghe da bever

image

L’è come quando se cambia an. La not de San Silvèster sbevazzamenti, trombete, trenini e ’n sàch de monàe.
El prim de l’am (poche ore dopo neh) mal de stomech, oci che bàla, no te prego el spumante vanzà e ‘l panetòm zamai sech no, se no buto su. La not leoni, la matina coioni.
L’è finìa la pachia. I cin cin. Da doman se torna a laoràr. I boci i torna a scola (oscia ma propri adès che gh’è Juve-Inter te vei ’n ment che dovevo darte na man a finir el disegno?).
E sul tàol gh’è za pronti i boletini da pagar a la posta. Ma no disévei che saria calà le tasse? Meno male…
E sta chi? Coss’ela? Na multa sul Bondòm? Ma se sarà almen tre ani che no vago sul Bondom… Ah l’è sta el bocia co la me machina… Ah alora… Ah se se la pagheva prima se sparmieva… Ah alora ….en do elo adès el bocia? E en do elo quel baston gross che ho portà dal bosch st’autun?
 
Empizém el microfono en mèz ala zènt che va via dai mercatini de Nadal entant che i smonta le casòte.
- Ma secondo ti che diferenza gh’è tra soldi e saldi?
- Dirìa ’na vocale. Ah… Sì, propri quela.
- Scolta, ma perché deve tocarme semper a mi de desfàr l’alber de Nadal e anca el presepi?
- Mi te l’avevo anca dit: dai che fen la stimana bianca dopo la Befana che la costa de men… E no gh’è put ut quel casin.
 
Ma cossa faressit con i zinque milioni de la loteria? Te diria: «Amore, vago n’atimin de soto a tor i zigareti».
Zerto che zenèr l’è lonch come el prà de la fam… Eh sì, ma febrèr l’è pu cort.
E po’ vei subit Carneval dai. Come la stimana: zobia vegnua stimana perdua. Subit dopo febrèr vei marz.
Ma Pasqua st’am ela alta o bassa? Oscia, ma sat che la vei anca st’an de dominica?
Sat che sul pontesèl gh’è ancora la padèla co la faraona vanzada da san Stèfen? Sarala ancora bona?
 
Però, digo, quei che abita soto de noi: semper lì a pianzer marenda.
E i gh’à ancora da tornar de volta da l’Africa… Tei, no i avrà miga ciapà l’ebola? Miga farli vegnir denter da noi neh…
Gh’ò fat i auguri de la Befana a la me sposa. Vard chi el segn del cuciàr che la m’ha tirà… Ma se pol?
- «Tei, ’sa fat el prossim ultim de l’an?
- Oscia, te te tiri ’nvanti.
- No, volevo sol ricordarte che el veglióm de st’an l’ho pagà mi…
- Oh, no voi sentir scuse, dominica tuti a casa mia che fen el «VANZAROT’S DAY». Basta che portéghe da bever.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone