Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin al ricovero – Di Cornelio Galas

El trentin al ricovero – Di Cornelio Galas

(In casa di riposo) «Tèi Gino, la và de lusso dai… No ocór gnanca méter su la moka»

image

(Colazione)
- Tei Gino, la và de lusso dai… No ocór gnanca méter su la moka.
- Sì, per quel… A parte le ciopète seche… dai…
- Ma te ricordit quando ne trovéven al Trentino la matina… ’pena nai en pension, cafè, brioss, e dopo via co i salatini e i bianchi oscia…
- Eh zamai l’èi nada la gaza… Però, tutmal, dai, no se stà miga mal chi… I te stà drio…
- Ah sì, no ocor gnanca dir bàf… e i te serve per quel.
 
- Hat vist la Giovàna? Oh, sèmper na bela dona neh…
- Oscia, se te pensi che la gà avu do marì… che la i ha mess sototera e ela l’è ancora chi…
- La gà … Come se pol dir… la gà nervo no? Vara che la se tèin ancora ben… I me dis che prima de vegnir zo bàs la stà anca n’ora nel cesso… La se truca, la se mete a posto… E po’ no la zavarvoleia come le altre… Lucida oscia…
- Difati… Ti pensa che l’alter dì me son permèss de domandarghe se la voleva vegnir con mi a far do passi fora en mèz al prà… Ben, l’ha m’ha fat do oci come dir: «Sa vot da mi vecio bacuco?»
- Ah per quel anca a mi neh, volevo darghe na man a vegnir zo da le scalete… Gnent da far… La m’ha dit che la ghe la fa ancora a rangiarse…
 
- Vara che l’è meio cosita. Perché zamai sia mi che ti el gaven séch…
- Séch el sarà el tuo semài…
- Ma no, l’è per dir… Dai, a la nossa età pu che menarselo… Se po’ el vei su se sa…
- Me sa che anca ti pu che droparlo per nar a pissar…
- Oscia, che te diga, quando vedo zèrte robe però… El me s’endrizza ancóra.
- Sì sì, el te s’endrizzerà anca… ma ’l resta drit per poch.
- Però entant el dà segnai… Vol dir che el ghè ancora no?
- Sì, disente vif per miracol. Ma tòt zo pirole verde?
- No, no togo gnent, oltre ale pirole per la pressiom… Eppura…
 
(Giovanna, con le amiche)
- Vara, vara… i è pu de là che de chì e ancora i pensa a quele robe… Propri i la gà ’n testa… Sol quela roba lì… come el me por secont marì… M’el son trovà mort tra i brazzi poco dopo che l’era vegnù… No ghè pu i omeni de ’na volta.
 
(L’amica)
- Ma tasi che se ghe penso… ’na vita passada con un che me feva i corni. Che ‘l vegniva de not tardi. Che ‘l se la feva co la me amica… E mi sèmper lì a spetàr come ’n pait. Semper a starghe drio fin quando l’è nà al zimiteri… No, adès se ciava, fago quel che voi mi. Vago con quel che voi mi. Ma quei doi lì i me par i soliti famài… No vèi for gnent…
 
(Infermiera, a Gino…)
- Dai su, su… che sen stai zo demò massa…
 
(Gino)
- Vara che per esser su… ghe sen. Che popa se te brinchevo qualche an endrio…
- Madona che paura… Meno male valà che no gh’ero alora… Dai che adès cambién le pezze sóto che me sa che l’è zamai piene de piss.
 
(Rivolto all’amico)
- Sì sì, dai che adès te fén veder noi cossa vèi fora dale braghe ahahahaha
- Ma semper drio a pensar a ’ste robe come se no ghe fuss alter…
- L’è propri ale robe che no ghè pu che se ghe pensa pu de spess… ’Sa ghè ancoi a disnar? Spero ben che no sia el solito purè col polo less…
- Tasi, tasi… Me sa che l’è propri quel…!
 
- Ma dime ti… ’na vita passada a strangossar… A tegnir a man i soldi… per po’ finir chi a magnar ’ste robe…
- Vara che tutmal, se te ghe pensi, te sparmi rispèt a averghe ’na badante en cà…
- Ah se sa quel, però digo, ‘na vita a laoràr, a pagar le so tasse, per po’ vegnir chi e magnar purè… e scusa neh, no averghe gnanca la voia, gnanca el perché de farse ‘na sega…
- Ma varda el bicier mez pièm no… Sen vivi oscia, no gavén le canéte de l’osigeno, sten ancora su le nosse gambe… ciameghe poch
- Va bem, va bem… però oscia vot meter come la neva ’na volta?
- Eh caro, el temp el passa. Ancòi ghe sen doman no se sa…
 
- Ma entant che ghe sen… se podria anca viver mèio diàolpòrco…
- Bisogneria contentarse… dele volte
- Ma mi me contento bem de quel che gò. L’è che se penso a le robe che no ho fat… pensando che ghe saria stà temp per farle…
- L’è lì che te sbai. Quel che è nà è nà. Varda envanti… Te derài che qualcòs de nof vei fora.
- Oscia, vara quela dona… Gavrala setant’ani…? Semper pu zovena de mi… de qualche an… Oh mi vago…
- Ma ’n dove vot nar… Che dopo tre passi te crodi en tera…
- Mi vago, semai la me dirà che l’è sposada… Se ciàva.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone