Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Lavorar en nero – Di Cornelio Galas

Lavorar en nero – Di Cornelio Galas

Hat capì? No i è lóri che paga le 'so tasse, ma noi…

image

Se rote la caldaia. Perché tra l’altro le caldaie le se rote sol quando anca da noi se và soto zero.
Perché le caldaie le gà (nol saveve?) na specie de afarìm che snasa el temp. E quando fa frét, ma frét sul serio, quando gavrésse mili altri mistéri da far, quando avé zà pagà i boletini de zenèr e raspà el cont per benìm, eco en quel momento giust lì le caldaie le se rote.

E la sposa la và for da mat: «Ciama qualchedun subit, subit… No te volerai miga che stente chi al frét fin quando arriva l’istà…? Dai, date da mossa… subit!»
Alora, prima vardo la caldaia. No ghe ‘n capisso gnènt, no ho miga fat l’enaip… La vardo come se varda le machine quando le se ferma: saràlo che è finì la benzina, dele volte?
Ma sta caldaia chi la va a metano… E, a meno che no i abia taià el gas dopo i gazzeri en libia, no. No, el gas el ghè perchè el vizim de casa l’è lì che el me varda dal pontesel. E ’l ride…
«Ah ah quel che scrive sui giornai… Prova a giustàr la caldaia se te ghe la fai… L’è na sfida, vànzel qualcos?»
 
«Ciama qualchedùm, sùbit. Lassa star la caldaia, che l’ultima volta te m’hai rovinà la lavatrice a forza de darghe peae per veder se torneva la centrifuga… Ciama qualchedùm sùbit.»
E alora ciamo. Arriva propri quel che el m’aveva rimess a posto lavatrice dopo giornada.
«Ma cossa ghe fat ti a sti rochèi? Tóti co le man se no se sa dove méterle.»
Va bem, va bem. La sposa la ghe mete su el caffè (no l’è che ghe sia qualcos tra de lori?).
E dopo n’oréta de tic e toc la caldaia la riparte. Ah, meno male. Forse l’è nada anca stavolta.
Quant’èlo – ghe domando.
«Varda – el me dis el Genio de tuti i rochei de casa – saria dozento euro co la fatura, che devo meterghe dentro anca la ciamada…
(Ma se t’ho ciamà mi col me telefono, diàolpòrco… E no l’è miga festa…
«Ma se pol far demen… Dai, dàmen zentozinquànta e va bem così.»
 
La spósa la gà zà i soldi en man e la ghe dà anca l’aperitivo co le patatine.
«Ah, se no te ghe fussi ti… ’Sa vot, me marì su ste robe l’è entréch…!»
(Ma alora ’sti chi ì gà na tresca…)
Ma come – digo – varda che ades i controla tuti, no se pol pu laoràr en nero.
E l’altro: «Se te voi ghe dago na smartelada ala caldaia e la torna come prima, e noi no ne sém mai visti, vala bem cossita?»
La spósa la me fà i oci da belva.
 
Capisset come? No i è lóri che paga le so' tasse, ma noi…
Ciàpo su e vago al Poli a torme qualcòs de forte da bever per desmentegàr…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone