Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin ateo, vecio e comunista – Di Cornelio Galas

El trentin ateo, vecio e comunista – Di Cornelio Galas

Al prete del paés: «Na racomandazion. Quando mòro méteme zó, senza prediche e paternoster. Sol el diserbante...»

image

(El parroch del paés)
- Saludo neh… Come vala?
- Come volel che la vaga…
- Beh, ghè la vita, ’n dono del Sioredio. Ciamenteghe poch…
- E piove zamai da ’n més, governo ladro.
- Ma no elo un dei vossi che stà al governo adès?
- Chie, el Renzi? Ma valà, valà, che se quel l’è un dei nossi… mi me fago frate doman matina.
- Ma ghè stà en pass envanti no, grazie anca al noss papa… i porèti, i ultimi, che sarà i primi su en zéèl…
- Ma se adès quei otanta euri no i sa pu come pagarli… Ma dai, l’è la solita storia, pago mì coi to soldi…
- No, no te gai reson, scusa neh, quel che conta l’è laoràr per far star meio i altri… ’l lo dis anca el papa.
- Tra ’l dìr e ‘l fàr caro reverendo… Ghè de mez el lach de Garda. E anca i sgrebeni entorno.
 
- Ma ti alora no te credi ’n nessuni…
- No, no, ’l se sbaglia. Mi gò semper credèst che ’n dì o l’alter sol quei che lavoreva dal bon, quei che strussieva, i avrìa podù far sentir le so resòn.
- Eh, eh… proletari del mondo unitevi… ma l’è nada demò la gazza. Vara che ’l mur de Berlìn l’è da ani che l’è cascà zó.
- Pecà che è resta ’n pè altre pareane. Tra quei che se fa ’n cul così e quei che ’nveze i fa la bela vita senza laorar…
 
- Ma no te podi pensar ancora ala vecia. Vara che ’l mondo l’è zamai cambià…
- Cambià? Ma ‘n dove? Parlènte delle vosse banche? De quei che ha fat i soldi… Coi soldi de la ciesa?
- Te digo che è cambià tut… Adès bisogna rigàr drit… Ghè anca l’elemosiniér che và ’n giro tra i poréti.
- Mi no l’ho mai vist. E gnanca me cugnà, ’pena licenzià dopo do ani de cassa integrazion…
 
- Ma te devi averghe fede. Parlar col Sioredio…
- L’è da ani che voria parlarghe a quel che ha mess ’n pè tut sto ambaradàn. Sol per dirghe: oscia, ma te rendit cont, del casìn che t’hai combinà?
- Ma l’è i omeni che s’embroia. Che pensa sol ai soldi e a star ben su ’sta tera. El Sioredio ’l gà ment, da temp, n’altra roba per quei che ghe crede.
- Mi no ghe credo, ecola, l’ho dita. No no ghe credo che dopo morti se va su ’n ziél. Finirem come tuti quei che crepa, soto tera, a far conzime… e da lì, se sa, vei su po’ i fiori, arboi che fa brugne, ua, fighi e nòs…  Finìm titi nela busa dela grassa, questa oscia la verità.
 
- Ma chi èlo che t’ha mess en testa ’ste monàe… no, no la ghè la resurrezióm. Ne troverén tuti, en dì, de là… e sarà ’n processòn… de chi quei che semper i ha credù, de là quei che domanda perdón… E po’ quei, magari come ti, che fin ala fin i è stai sule sue…
- Eco, vedit, se fa zà discriminazion… Va ben l’è vera, gò semper avù la tessera, son en comunistòn.
- Te te sbagli pegora scapada for dal grop. Te te sbagli e anca de tant. El Sioredio el gà le man larghe. Te derai che no ’l te lasserà…
- Mi no son mai drio ale pegore. E a quei che così ben la ghe và. E lassen star valà, quel che la ciesa l’ha fat nei ani passai. Te domando sol ’na roba. E no se trata de racomandazión. Quando moro méteme zó, senza prediche e paternoster. Po’ se dopo, al zimitèri, propri sora la me bara, vei su fiori, erbazze o alter, daghe zò el diserbante. Che no voi che vegna fora che dopo mort son deventà erba spagna. O gramigna. O girasol. No, diaolporco, voi morir, mi sol. E dopo che no ghe sia pù gnènt da binar su. Che magari el gabia el me saór.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone