Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin en condomini – Di Cornelio Galas

El trentin en condomini – Di Cornelio Galas

La prosima volta bisogn dirghel… Volém n’aministratór che almém el capissa el dialet… de cossa se parla!

image

(L’amministratore apre l’assemblea condominiale)
- Allora, vedo che stavolta perlomeno c’è il numero legale, avete ricevuto tutti la nota delle spese… bene, qualcuno che ha bisogno di chiarimenti?
(Gianni)
- Eco, el varda… vedo chi quant che me vegniria for da pagar per la luce zó bàs, quela dei garagi…
(L’amministratore)
- Dica, dica pure…
(Gianni)
- Eco, ensoma, valerìa la pena tegnirla smorzada quela luce… Perché dal dì se ghe vede l’istess… e de not s’empizza i fari de le machine e déle moto oscia anca dele bici per nar denter nei garagi no?
(L’amministratore)
- Beh, sono automatiche, anche perché se qualcuno volesse scendere in cantina di notte, a piedi… poi una questione anche di sicurezza no?
(Gianni)
- Oscia se uno el gà da nar zo de not en cantina el pol torse anca na pila o dropar l’acendim no… che così se sparmia… e la sicurezza… se quando i ladri i vei denter i trova anca la luce empizzada… Quela che tra l’alter ghe paghem noi… el me capiss bem…
 
(L’amministratore)
- Va bene, vedremo… (tossisce), altri problemi?
(Beatrice)
- Mi saria stufa, stufa e agra de netàr la teraza dala sporcaria de quei che sbate i tapéi a tute le ore… E savé de chi parlo neh…
(Olga)
- La se riferis a mi? No, digo, la me sta vardando sol mi… Alora, siór aministrator, el deve saver che la Beatrice la abita al pianterèm… e de sora la gà le so camere… soe, no de altri. Mi abito en banda a ela… ma semper al pianterèm… Alora? Come le metente?
(Beatrice)
- Se vede cara mia che te sbati i tapéi quando ghè l’Òra che vei su dal lach de Garda… perché i peli del to cagnot, le carte dei ghiaciòi de to fiòi, el giornale de to marì e altre robe che no te digo me i trovo semper sul me pontesel… Vot che te porta anca el tochetin de carta che te gavevi dat a to marì per far la spesa? Toh, varelo chi: probusti, crauti, bira, la cera per i pavimenti… formai strachim… Ma che fé la sagra dei todeschi en cosina tuti i dì…? Da l’odor se diria de sì… Vaga avanti?
 
(Olga)
- Vedelo, sior aministrator, che no ghè pù pràivasi ’n sto condominio… I te róba anca i biglietini de la spesa perfim… Che mi, cara, no som mai vegnua a to cà a cucàr nele to padèle…
(Beatrice)
- Basta che le to sporcarìe te te le tegni a tó cà cara…
(Olga)
- Staghe drio al to om valà… Che l’alter dì l’ho vist ’n machina co ’na stangona…
(Beatrice)
- Lassa star el me om neh, che no me par che ’l tuo el sia sol casa laóro e ciesa… A meno che per ciesa no s’entenda el bar primavera…
 
(L’amministratore)
- Signore, vi prego, vi prego…
(Gianni)
- Va bèm, ma ’sta storia de la luce dei garagi alóra? ’Sa avente deciso de far ala fim? Chi no se capìs mai gnènt de quel che deve votar…
(Olga)
- Ma ’l tasa lu che per no rovinar la machina nova el la tegn da do mesi serada en garass…
(Gianni)
- Ma cossa gh’en va e cossa gh’en vei a éla de la machina… Ma dime ti… galine me paré… galine…
(Rivolto all’L’amministratore)
- El ghe buta lì en pugn de zaldo che così le moca lì da barufar valà…
 
(Beatrice)
- Eco, ala fim vei semper fora i masci no… Che i lo sa tuti sior Giani che l’è la só sposa che la porta le braghe en quela cà… Ah ah ah! E dopo el vei chi a far el galét…
(L’amministratore)
- Signori, vi prego… vi prego… Qui finisce peggio dell’altra volta… Vi prego!
 
(Roberto)
- Ma sì oscia dai basta co ’ste monàe… Envéze, de chielo quel caign che caga sèmper davanti a la me casséta de la posta? No, perché en dì va bem, doi anca… ma adès basta demò…
(L’amministratore)
- Beh… c’è un preciso regolamento… Ma l’altra volta avevate detto no alle telecamere esterne… per via dei costi no?
(Roberto)
- Ma mi tanto ’l so de chiel che l’è quel caign…
(Beatrice)
- Ma scusa, no te starai miga fasendo alusion al me cagnot neh…
(Roberto)
- De solit la prima galina che canta l’è quela che ha fat l’òf…
 (Beatrice)
- N’altro de masci impotenti che se la tol co le done dei altri… Ma tasi valà che le vedo sat le to mudande a stendèr de fora… sporche de merda anca dopo che le è stade en candegina per ’na stimana… Pòra la to sposa… E po’ el parla dei cagni che sporca…
 
(L’amministratore)
- Signori, qui siamo al limite delle offese personali, mi dispiace ma devo sospendere la riunione… Ci vedremo più avanti… Mi dispiace ma con questi toni non è possibile nemmeno redigere un verbale…
(Prende le sue carte ed esce)
 
(Gianni)
- Mi l’è da ani che ’l digo, coi soldi de la luce dei garagi quel lì el se fa la gresta… Se no no ’l podria nar en giro con quel machinóm dai…
(Beatrice)
- Sì sì, te gai resóm, no l’è bòm alter che far casini quando se se trova… per forza dopo se bega anca tra noaltri… meio cambiarlo… se no no ghe nem fora coi problemi de ’sto condomini… Te vedi bem no..po’ no se capìs mai cossa che el vòl far… No, la prosima volta bisogn dirghel… Volem n’aministrator che almem el capissa el dialet… de cossa se parla!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone