Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | El trentin tornà dalla ’Merica – Di Cornelio Galas

El trentin tornà dalla ’Merica – Di Cornelio Galas

Oh, oh ela vossa quéla machina longa parchegiada de travers? Ocio che el vigile l’ha fat zamai la multa e me sa che ades i la fa portar via?

image

(Giani, all’amico Bepi)
- Tei Bepi, endovina chi è ’rivà en paés…
- El papa? Oscia no i ha dit gnent per televisiommm.
- Ma valà mona, è ’rivà el Giònni, el fiol del Dolfo, sat quel che sarà zamai pù de quarant’ani me digo che l’è en Merica?
- El fiol del por Dolfo? Quel che gavéva a so temp i ruganti su ai piani?
- Ma sì, quel lì te digo, te vedessi che machinazza… Ah la sarà longa da chi a lazò…
- Eh oscia, vara che el sarà vegnù co la coriera…
- Ma no te digo, toh vardel lazó… quel col capel da caubòi… Dai che ném a saludarlo…
 
(L’incontro)
- Oscia, ma set ti Gionni? Propri ti? Te ricordit de noi? El Giani, el Bepi… Cioè mi saria el Giani, lu el Bepi… te ricordit?
(Gionni li guarda, li riguarda, poi…)
- Uell… ai remember… iu Gianui end iù… Giosueppe…
(Bepi)
- Ma come parlit, diaolporco, ne par de esser en den cine de Stalio e Olio… No t’avrai miga desmentegà el dialet trentin… Va bem che te sei nà ’n Merica da bocia… ma…
 
(Giani)
- Scolta Bepi l’è come se ti te fussi stà quarant’ani a Dro… Adès te diressi vegno gió giòbia col gerlo delle ciarése con gió el giolét… Te ciapi da dove te laóri, dove te magni, dove i parla tuti cosita no…
(Bepi)
- Sì ma sto chi nol capìs pu gnènt… Bisogna parlarghe taliàm en ponta me sa…
(Giani)
- Meio saria el merican me digo…
(Gionni)
- Mai frend… mai old frends… veri veri guud… Remember porks mai fader…
(Bepi)
- Sto chi el se ricorda sol dei porzei…
 
(Qualcuno richiama l’attenzione del gruppo)
- Oh, oh ela vossa quéla machina longa parchegiada de travers? Ocio che el vigile l’ha fat zamai la multa e me sa che ades i la fa portar via? Èla vossa?
(Bepi)
- Gionni, tua … Grossa mascìn? Ah, correr se no raus… su car attrezzts… capiren?
(Giani)
- Vara che no l’è miga todesch… Meio che ghe spiega mi a gesti valà
(Fa capire in qualche modo che l’auto sta per essere rimossa…)
 
(Gionni, per nulla preoccupato)
- Limusin? Limusin? No problem, its ir mai uoman… Concetta… mai uoman… uell?
(Bepi)
- Vara che te poi anca ofrirghe na botiglia, na cassa de limonzin ai vigili de chi, la multa i te la fa istess… e se no te vai lì… no ghè conceti mericani che tegna…
 
(Arriva Concetta, giovane moglie di Gionni)
- Ahò, ammore, chisti vulevano dollars per nun rubare ’a limusinne… Che chiameresti Papà Ciccio gli dissi… e dela pisctola il segno feci ah… Iti sono iti sono da ’a pppaura…
(Gionni)
- Eh brava, bravva uoman… Uell
(Poi, rivolto a Giani e Bepi)
- Chista ’na femmina speciale fu, u granne ammore… piccirilla di Ciccio à Bestia… che tiene grande pizzeria a Niu iork… E lì conobbi Concetta… Subito ci sposammo… Baciolemani guagliò… Se ite in Americca casa mia vostra fu…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone