Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | No se podéva parlar come se magnéva – Di Cornelio Galas

No se podéva parlar come se magnéva – Di Cornelio Galas

E scuséme anca se, ogni tant, scrivendo en dialet... me scampa na parola 'n taliam…

image

Quando nevo ale elementari gavévo – miga mi sol neh – 'n problema.
Ogni tant vegnìva fòra na parola en dialèt trentim. Del rest erem en tanti, en quei ani, che a cà i parléva (e sentiva parlar) en dialet.
Ensóma, te nevi a scola, te te sentévi drio el banch e te dovevi de colp parlar en 'taliam.
Ma tut mal – e ne sa qualcos quei de l'Alto Adige, pardom, del Sudtirol col todesch – en qualche modo se zerchéva de vegnirgh'en fòra. Sol che se te pensi en dialet e te devi scriver en taliam, miga semper la te va bem.
 
Ve fàgo n'esempi: quando la maestra Bertamini, a Bolignam, la ne diséva de scriver quel che avevem fat a cà (el famoso tema libero) ne vegnìva for de tuti i colori.
Me ricordo che 'n dì avevo scrit na roba del genere: «Algieri coi miei frateli siamo andati sul solero per cercare la ramata da tacare su ne l'orto.
«Poi abiamo scavezzato dei tocchi di legno per meterli giù nela tera e preso un martelo per farli andare più meglio soto con la ponta.
«Nostro papà è stato contento e alora ci ha dato da marenda le fugazéte.»
Ve làsso enmaginar quanti segni rossi gh'era soto ste parole e quel che ho ciapà de voto.
 
Dai e dai ho emparà tut mal a scriver en taliam «coregiuto». E anca a scriver sui giornai, a parlar a la radio...
Ma ve dirò che 'l dialet no l'ho però mai desmentegà. Perchè? Ma perché el me vegnìva còmot anca a far el giornalista.
Dove en pratica fevo el giro viceserva (so che se dovria scriver viceversa neh).
Meio far n'esempi anca chi. Se nèva dove gh'era stà n'incidente. E se doveva tor su i dati. Da chìe? Ma da quei che gh'era lì, da quei che aveva vist come l'era nada no?
E squasi semper te trovévi zent che parleva en dialet. Alora no te ghe domandévi:... «Scusi saprebbe dirmi quale è stata la dinamica del sinistro?»
No...no. Te dovevi dropar el dialet. Traduziom: «Scolta, la machina vegnivela en su o nevela en zo dala Maza? La paca l'è vers la portiera de quel che guida... E dopo la s'è girada la machina neh? E come l'hai portà via quel che guideva? Coi tubi e le flebo o sol con do zeroti e na garza?»
 
Capìset come? Quei che te rispondeva i parleva en dialet scièt. E se no te savévi el dialet l'era 'n casim capir quel che i te diseva.
L'istessa roba la capiteva anca se gh'era stà n'incendio: «En do elo che l'ha tacà ’l foch? E come s'elo empizà secondo ti?»
Ma anca per problemi dei quartieri: «Scrivi che chi l'è da ani che domandém al Comum de meter en semafori... Varda quante pache tuti i di... pol scaparghe el mort».
Col temp ho conossù anca zent che scriveva poesie e comédie en dialet. E me som dit: ma perché da altre bande al so dialèt i ghe tèi e noi dovem squasi vergognarse se ne scapa.... La storia del solero?
 
Ho mes su, su l'Adige, nei ani novanta, na rubrica sol en dialet.
Po' nel prim giornal su compiuter (Flash) adiritura na pagina entrega, tuta en dialet.
Po' comedie, canzom taliane tradote en dialet, poesie anca francesi tradote en dialet e tante altre sodisfaziom.
Tra queste anca quela – grazie al Guido de l'Adigetto.it – de scriver en dialet en sto toch a me disposiziom ogni stimana.
Spero tant de no stufar quei che leze. Oh, mi ghe la meto tuta. Se qualcos el stomega, ve prego, disemelo, che 'l lasso star.
E scuséme anca se, ogni tant, scrivendo en dialet... me scampa na parola 'n taliam.
L'è perché a so temp ho ciapà tante sgarìe da la maestra Bertamini.

Il commento del Guido de l'Adigetto.it.
Come amo dire, parafrasando un proverbio più... corposo, «Publicar en giornal senza 'l dialèt - l'è come suonar el violin senza l'archét».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni