Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Me sa che gh'ò entorno qualcos de brut – Di Cornelio Galas

Me sa che gh'ò entorno qualcos de brut – Di Cornelio Galas

No sóm ancora sicur ma anca en televisiom i parla semper de pù de sti «influènzer»...

image

- Ciao Cornelio, come vala? Tuti bem a cà? Tuti for dal let?
- Eh, caro Bepi, magari fussa così, magari...
- Oscia, no stà dirme che te hai binà ensèma l'influenza anca ti.
- Pèzo, pèzo... te savéssi....
- Diaolporco, cónteme.
- Varda, no savrìa gnanca mi da dove scominziàr. Disénte che l'era da 'n pèz che no stévo 'sì mal. E per de pù tut colpa de qualcòs che no so gnancóra da dove l'è vegnù, cramento.
- Te me dai da pensar...
- No stà dìrmel a mì, che me l'ensogno anca de nòt. E pensa che no gh'envégno gnancóra adès a vegnìrgh'en fòra. Sarà na rogna ah?
- Prova a spiegarte co le to parole...
 
- Bèm. Qualche stimàna endrìo scominzio a averghe sbrusòr ai òci. Oh, robe che paréva de averghe 'l fòch denter. Da star lì a spizegàrli de brut... come quando ensóma te gh'ài spìza, capì come?
- Sì, capì, e alóra?
- Ensóma, gh'ò sto sbrusór nei òci. Meto denter 'l colirio, come me dis de far la spósa: gnent da far. I sèita a sbrusàr come do stèle nel caminét....
- Elamadona...
- Fàto stà che ala fim vago dal me dotór. Che 'l me dìs: «Forse sta troppo davanti al computer, gli occhi saranno affaticati per questo...» - Ma, diaolporco, se ultimament davanti al compiuter ghe stà de pù la spósa... che la crompa tute quele robe che po' i sèita a sonar de soto i corieri oscia...
 
- Eh ma varda che forsi el dotor el gà resóm... basta anca star lì massa ala televisiom o al telefonìm neh.... E po' l'è da temp che no piove: sàt quanta pólver che gh'è per aria? Tut roba che pol finir en ’tei òci.
- Ma sét deventà dotór anca ti? Quando elo che te te sei laureà?
- Ma no, l'era tant per dir, móna...
- Varda, lassém perder. Te digo sol che dàmela e tòmela, gnanca el me dotor l'ha savù dirme come mai gavévo 'sto sbrusòr de oci. E alora, come altre volte ho zercà de rangiàrme. Som nà su gugle e ho zercà de capir cossa podéva esser la mare de sto fastìdi.
 
- E l'hat trovàda la mare, sì ensoma, la causa del to mal?
- Te dirò che subit subit m'è vegnù fora tante de quéle robe che no ghe capivo gnent. Po' però, quando stévo zamài per smorzar zo tut...
- Cossa hat capì?
- No te me crederài ma l'è na roba che te podréssi ciapàr su anca ti neh... Perché anca ti me par te dropi el compiuter no?
- Sì, sì cónteme che m'enterèssa.
 
- Bèm, te disévo, sóm lì en gugle che zérco e... de colp vèi fòra na scrita... «Attenzione virus»... capì? Virus oscia. E chisà da quant el gh'era denter sto virus. E chisà 'n dove l'è nà en giro per cà. Perché col compiuter me sposto. Na volta en teràza quando l'è calt. Po' en studio... po' en cosìna... dele volte el dropo anca en camera. Ensoma gò la cà piena de virus, capìset come? E me sa che quel dei òci l'è el mal pu picol.
- Ma dai, robe da no creder.
- E te dirò de pù. Me sa che ho anca capì da dove vèi sti virus.
- E da ’ndó vègnei secondo ti?
- No sóm ancora sicur ma anca en televisiom e sui giornai i parla semper de pù de sti… de sti influènzer. Ensoma, anca boci, maleducai de zerto, che te manda aposta ste influenze co sti virus, capì come? Ah, no gh'è propri pu creanza e religiom, crédeme.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni