Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Stame lontàm almém do metri – Di Cornelio Galas

Stame lontàm almém do metri – Di Cornelio Galas

No sta’ tor la bira tapo «corona»: i l'ha dit anca ala televisiom che l'è a risc'io.

image

Me sa che devo scriver ancora qualcos su sto coronavirus. Perché (scherzo neh... l'è propri el contrari) zamai no ne parla pù nesum assà.
E pù se ne parla e se ne scrive e mem (l'è anca chi el contrari) se gà paure e dubi.
Ensóma, diàolpòrco, che ve diga? Quando i me dis che la mascherina no la serve e sol l'alter dì enveze el presidente dela Lombardia el se l'ha messa sula boca... Qualcos no me convinze.
Opura quela storia de serar le scòle i asili... ma dai che vèndro ho vist el parco dei zòghi a Bolignam piem de boci um tacà a l'alter...
 
Per amor de Dio, fim quando no se vegnirà a um de sta epidemia, va bem tute le precauziom. Som d'acordi.
Ma no tut e 'l contràri de tut.
Per esempi: sta questióm de no star massa enmuciài, de star almem a 'n metro e mez, meio do metri, lontani dai altri.
Te faréssi prima a dirghe ala zent de seràrse nel bagno e averzer sol quando i te dà da magnar butandone pam e aqua co na peàda...
 
Po' te vedi en Giamaica che dala nave i va zo tuti trane i 'taliani. Sol che dopo quei che ha fat l'escursiom i monta su de nof su la nave e i dìsna e i zéna e i fa colaziom propri co le careghe tacàe ai altri.
Dài, no ghe sém...
E quei posti dove i sèra i bar ale séi de dopodisnàr? Come dir che sol dopo quela ora el virus el volerìa girar a farse 'n bianco.
Entànt però se pol nar al ristorante lì en banda. Perché se sa, el coronavirus, senza el spritz, el deventa anca pù debol vers sera. O el gà mem fam, o no ghe piàs la piza, va a saverlo…
 
Se fa per dir neh, per tirar su en pél el morale.
Perché en sti dì chì par che sia arivà dal bòm la fim del mondo.
E che soratùt no ghe sia mai stà tanta zent studiàda e lezùa che en televisiom e sui giornai la sa tut, ma propri tut, de n'epidemia che, tutmal i dis, no se sa ancora come mai la sta fasendo el giro del mondo.
E soratut come mai l'ha ciapà de mira propri l'Italia, dopo Cina e Corea del Sud.
Quei che dis che la vegna dai pipistrèi, quei che enveze parla adiritura dei cinesi che magna i sorsi vivi (ma alóra quei che magna i gati che fim farài?), per no parlar de laboratori strani e de virus enventài per far guere strane che po' i è… scampai dale boteghe.
 
Ognum el ghe tàca del só. Così, come semper, da tom se ariva a bidom.
Così suzéde, come ho bist en de na farmacia de Trent, che na pòra dona, sula otantina, la ghe domanda:
«Quant cóstela na mascherina?»
E la farmacista la ghe risponde: ghe n'è da dése euri en su. Ma quéla da dése euri no l'è che le serva tant neh... La meio sarìa questa, sui vìnti euro.
E la pòra veciòta: «E ogni quanti dì bisognerìa cambiarle?»
Risposta: «Dipende, ma se la vòl gavém anca le confezióm con dénter tante mascherine. La ghe sparmierìa ala fim.»
 
Te me capìssi bem. Tut mal, ve dirò, che co sta storia del coronavirus ho trovà anca el sistema per no far la coa ala posta dove de solit te dovévi spetar ore per mandar via na letera o per ritirar na racomandada.
Basta che ve sentéghe su le banchete denter e dopo n'atimim scominziàr a tossìr, a scainàr de brut (me racomando, nel gòmbet neh, come i dis de far).
Nel giro de poch temp no gavré davanti nesùm. Se po' ne’ denter co na mascherina (va bem anca quele de carneval co na garza tacada su col scòcc) no ocor gnanca perder temp a tossir.
 
Ve conto l'ultima? L'alter dì al supermercà gò dit a alta voze ala sposa:
«No sta’ tor la bira tapo corona: i l'ha dit anca ala televisiom che l'è a risc'io.»
Na dona lì vizina, pronta per tor su le bire... l'ha fat finta de gnent.
Ma l'ha tirà drit col carrèl vers el reparto dei vini col tap sughero, quei che costa de pù.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni