Home | Rubriche | Gourmet | Il cibo piace più del... sesso – Giuseppe Casagrande

Il cibo piace più del... sesso – Giuseppe Casagrande

Ad una notte d'amore gli italiani preferiscono il cibo e il vino. Al secondo posto la contemplazione di un bel paesaggio. Il sesso figura solo al terzo posto

image

>
Chi l'avrebbe detto? Sorpresa: gli italiani preferiscono un bel piatto di spaghetti, la pizza o qualche altro peccato di gola, meglio se accompagnato da un calice di vino, ad una notte d'amore.
Il sesso figura solo al terzo posto preceduto addirittura dalla contemplazione di un bel paesaggio. Questo il responso di un recente sondaggio estivo tra gli italiani.
Insomma i piaceri del palato sono di gran lunga preferibili al sesso. A ribadire la grandissima ed esuberante passione per il cibo e per il vino degli italiani, che si concretizza non solo nella crescita del «fine dining», interrotta dalla pandemia, ma ripresa appena arrivato è il «liberi tutti», ma anche nella ricerca di «food experience» di ogni genere, nella frequentazioni di corsi di degustazione e di cucina, e nella condivisione spasmodica di foto e post dedicati al cibo sui social, il cosiddetto «food porn», è un curioso sondaggio di Gfk per XloveCam, portale di intrattenimento per adulti.
 

 
 Tra i piaceri della vita anche la musica, la lettura, il silenzio  
Dal sondaggio emerge che tra i piaceri della vita il 64% degli intervistati indica che «assaporare un cibo delizioso» è il gesto che suscita maggior piacere in assoluto.
Al secondo posto viene «l’esperienza della contemplazione di un bel paesaggio» (61%) e solo al terzo posto il piacere di «fare l’amore» (60%).
Ancora, per il 56% il piacere si prova nel dedicarsi alle persone care, per il 55% ascoltando musica, per il 51% prendendosi durante la giornata momenti di pace e di silenzio per se stessi, mentre il 39% associa il massimo del piacere ad una qualche esperienza olfattiva.
Al 33% degli italiani piace anche la lettura, ma c’è anche un 29% che mette in testa alle preferenze la degustazione di un buon vino.
Un 26%, infine, trae il massimo del piacere dalla contemplazione di un’opera d’arte.
 

 
 «Boom» della ristorazione italiana: vale 200 miliardi di euro  
Altra statistica. Secondo il «Food Service Market Monitor di Deloitte», nel 2021 la ristorazione mondiale ha mosso un giro d’affari di 2.221 miliardi di euro, con una crescita del 15,6% con la sola area Asia-Pacifico che vale il 48% del totale, con le catene della ristorazione che pesano per un terzo del totale.
In questo quadro complessivo, l’Italia, con i suoi prodotti di eccellenza, le sue tante Dop e Igp, i suoi grandi chef che sempre più spesso aprono all'estero, ma anche grazie ad una diffusione della sua cucina che è storica e legata a doppio filo ai fenomeni migratori di un passato neanche troppo lontano, detiene diversi primati: a livello mondiale, il valore mosso dalla cucina italiana è stimato in 205 miliardi di euro, e da sola vale oltre il 19% del giro d’affari dei ristoranti «full service», ovvero tutti i locali con servizio al tavolo.

Giuseppe Casagrande – g.casagrande@ladigetto.it

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande