Home | Rubriche | L'Autonomia ieri e oggi | L’autonomia del Trentino oggi – Di Mauro Marcantoni – 27

L’autonomia del Trentino oggi – Di Mauro Marcantoni – 27

La fase dell’autoreferenza e del distacco politico da Roma (anni Novanta) – La quietanza liberatoria, i rapporti transfrontalieri e il riassetto del quadro autonomistico

image

Il combinato disposto tra la crisi della Democrazia Cristiana trentina, con la perdita del tradizionale forte presidio in ambito nazionale, l’abitudine consolidata a non condividere le questioni interne alle due Province autonome e l’eccezionale abbondanza delle risorse finanziarie a disposizione ha provocato la chiusura autoreferenziale delle due autonomie.

I primi anni Novanta furono decisivi per chiudere la controversia aperta dall’Austria in sede ONU trent’anni prima.
Finalmente, nella primavera del 1992, il Presidente del Consiglio Giulio Andreotti poté comunicare alla Camera che il Pacchetto era stato chiuso, con l’adempimento, da parte italiana, di tutte le misure previste.
Particolarmente rilevante, poiché sancisce il riconoscimento da parte italiana di una diretta connessione fra il Pacchetto e l’Accordo Degasperi-Gruber, fu la formulazione dell’articolo 1 (comma 2) del decreto legislativo n. 266, in materia di rapporto tra le leggi statali, regionali e provinciali, che prevedeva specifiche disposizioni «a ulteriore garanzia della speciale autonomia fondata sullo Statuto speciale ricollegantesi all’Accordo concluso a Parigi il 5 settembre 1946».
 
Altrettanto importante fu l’applicazione dei decreti riguardanti il nodo cruciale dell’autonomia finanziaria. Ciò perché non può esservi, infatti, un’autonomia istituzionale forte senza una coerente autonomia finanziaria, senza cioè un’adeguata disponibilità di risorse, unita alla possibilità di scegliere liberamente i modi e i criteri per il loro utilizzo.
Nell’aprile del 1992, il Governo italiano inviò una nota formale al Governo austriaco e l’11 giugno l’Austria consegnò la cosiddetta «quietanza liberatoria» al Segretario generale dell’ONU. Con la successiva notifica alla Corte di Giustizia e al Consiglio d’Europa venne onorato un ulteriore importante punto del Calendario operativo.
Il 19 giugno successivo i due Governi comunicarono al Segretario generale dell’ONU la chiusura della controversia.

Rielaborazione giornalistica dei contenuti del volume di Mauro Marcantoni STORIA, della Collana Abitare l’Autonomia - IASA Edizioni, Trento.
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni