Home | Rubriche | Letteratura di genere | Storie di donne, letteratura di genere/ 394 – Di Luciana Grillo

Storie di donne, letteratura di genere/ 394 – Di Luciana Grillo

Giusy Sciacca, Virità femminile singolare-plurale – L’autrice ci fa riflettere, ancora una volta, sulla condizione femminile

image

Titolo: Virità femminile singolare-plurale
Autrice: Giusy Sciacca
 
Editore: Edizioni d'arte Kalós, 2021
Genere: Narrativa italiana contemporanea
 
Pagine: 224, brossura
Prezzo di copertina: € 14

L’autrice parla della sua Sicilia, «femmina. Da qualsiasi angolatura la si guardi», ma il suo scritto è rivolto a tutti.
Come scriveva Goethe, «l’Italia, senza la Sicilia, non lascia nello spirito immagine alcuna. È in Sicilia che si trova la chiave di tutto…».
E Sciascia aggiungeva: «l’intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza immaginazione?»
E dunque l’autrice immagina, ricostruisce, reinventa storie che hanno però una loro validità storica.
 
Protagoniste sono «madri, figlie e sorelle nostre. Siciliane, sempre».
I titoli dei capitoli parlano chiaro, ci sono DEE E SANTE, REGNANTI E NOBILDONNE, ERETICHE E PECCATRICI, INNOVATRICI E RIVOLUZIONARIE, ARTISTE, LETTERATE E DONNE DI SCIENZA.
Necessariamente devo fare una scelta fra tante: mi piace ricordare Aretusa, ninfa celebrata dai grandi poeti, «mito dell’insularità, del viaggio e dell’approdo» che si presenta, nella sua Ortigia, dicendo: «Io sono Aretusa e sono acqua. Da sempre»; così come non posso trascurare Demetra e Kore, madre e figlia, dee che «rappresentano due archetipi femminili, una dualità complementare e antitetica assai discussa anche sul piano psicologico, poiché riguarda la personalità di ogni donna come figlia e come potenziale madre».
 
Dici «santa», pensi alla Sicilia e immediatamente appare Santa Lucia, il cui culto è citato in una epigrafe del IV secolo nelle catacombe di Siracusa. Sciacca ne traccia la storia e l’avvicina ad Agata, venerata a Catania.
Tra le regnanti, ci sono una Cleopatra di Sicilia – Bint Muhammad Ibn ’Abbàd – figlia dell’emiro Mirabetto che sfidò Federico II; naturalmente Costanza II, figlia di Manfredi e dunque nipote di Federico II, ricordata anche da Dante, «genitrice de l’onor di Cicilia e d’Aragona» (Pg. vv 115-116) e la Baronessa di Carini.
Tocca poi alle eretiche e peccatrici, tra le quali incontriamo la schiava eretica Anna Sargola, l’esorcista Delia Digno, la strega forestiera Joana Reyna, capace di convincere gli accusatori e di farsi assolvere.
 
Nel capitolo dedicato alle donne innovatrici e rivoluzionarie, spicca Peppa «a cannunera», la coraggiosa brigantessa antiborbonica, morta sola e in miseria dopo l’annessione della Sicilia al Regno di Piemonte.
Infine, le artiste, che spesso hanno dovuto nascondere le proprie doti, perché erano uomini gli artisti che si esibivano nei teatri, tanto che tra gli elenchi di musicisti illustri, le donne sono del tutto assenti; «le cantanti, le danzatrici e le musiciste furono considerate cortigiane, generose nell’elargire le proprie grazie essendo donne di poche inibizioni».
Anna Maria Scarlatti, ad esempio, non compare in alcun documento ufficiale dei teatri dove cantò con lo pseudonimo di Caterina Scarani, e «ci è stata tramandata come un’avventuriera senza scrupoli, una seduttrice ammaliante e molto meno come artista».
 
Dopo qualche nota biografica, l’autrice fa parlare ciascuna di queste donne, fa entrare lettrici e lettori nel loro mondo, ci fa riflettere, ancora una volta, sulla condizione femminile.
E alle sue protagoniste consente, almeno una volta, di raccontare la loro virità.

Luciana Grillo - l.grillo@ladigetto.it
(Recensioni precedenti)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni