Home | Rubriche | Letteratura di genere | Storie di donne, letteratura di genere/ 151 – Di Luciana Grillo

Storie di donne, letteratura di genere/ 151 – Di Luciana Grillo

Marina Valensise, «La cultura è come la marmellata - Promuovere il patrimonio italiano con le imprese» – Una missione difficile, ma non impossibile

image

Titolo: La cultura è come la marmellata
Autrice: Marina Valensise
 
Editore: Marsilio, 2016
Collana: I nodi
 
Pagine: 144, brossura
Prezzo di copertina: € 13
 
L’autrice di questo interessante testo è stata per quattro anni direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura a Parigi e racconta proprio come sia riuscita a ridare dignità ad una splendida sede, diventata fatiscente perché troppo a lungo trascurata.
Da direttrice, ha sviluppato attività e contatti con intellettuali, artisti e imprenditori ed ha raddoppiato il numero dei frequentanti e le entrate finanziarie.
Naturalmente, ha coinvolto il personale presente, ha chiesto ed ottenuto che ogni scrivania tornasse ad essere una scrivania e non un luogo di deposito dei materiali più disparati.
Soprattutto, la Valensise ha capito e fatto capire che il nostro patrimonio non è fatto solo di opere d’arte, ma anche di pensieri, musica, tradizioni, imprenditoria, creatività che stimolano l’interesse e la curiosità degli stranieri ai quali tuttavia manca lo strumento indispensabile che è la comunicazione verbale.
Quindi, tra le prime attività, la direttrice propone «linguaggio e cucina», convocando chef prestigiosi ed ottenendo successi lusinghieri.
 
«Grazie a un approccio eclettico dettato da pragmatico entusiasmo, curando in ogni dettaglio la regia per promuovere contemporaneamente tante diverse realtà che fanno la nostra ricchezza, l’Istituto di Cultura a Parigi, da semplice cinghia di trasmissione passiva della cultura, spesso meramente accademica, magari solo umanistica e comunque autoreferenziale, è diventato a poco a poco un piccolo centro embrionale di produzione attiva e di qualità, aperto al pubblico e pronto a sperimentare altre sfide inattese.»
E insieme agli chef, via via arrivano all’Hotel de Galliffet industriali ed artisti che con progetti innovativi rinnovano la sede e producono luci, stoffe e arredi: «Via i vecchi orpelli a metà strada tra il suk mediorientale e il negozio di un rigattiere stambuliota, via le cassette di plastica, i tavolini finto antico da cocktail, i candelabri spaiati. Spazzata via l’aria da mercatino pulcioso…».
Anche la foresteria, completamente rimessa a nuovo, diventa «uno dei punti di forza dell’Istituto di Cultura a Parigi. Residenza privilegiata di ospiti illustri e di promesse dell’arte, continua meta di visitatori… ha consentito… di realizzare forti economie sul bilancio corrente, azzerando quasi le spese d’albergo e permettendoci di accantonare tra i 15 e i 20 mila euro al mese. Ogni euro risparmiato è stato investito nelle attività e nei programmi dell’Istituto…».
 
La Valensise, descrivendo con puntigliosa precisione il grande lavoro degli anni 2012-2016 e con l’orgoglio di chi ha compiuto un’impresa quasi impensabile, dimostra che è «difficile trovare una formula migliore per promuovere la fusione delle arti e l’alleanza, in nome della tecnica, tra la musica, il disegno, la grafica, la poesia e l’industria, a servizio della valorizzazione di tutta la cultura italiana», ma non impossibile!
La lettura di questo libro è un’iniezione di energia e di ottimismo per chi pensa che in Italia si debba e si possa innovare, modificare, migliorare quanto non va, utilizzando a 360 gradi l’eredità del passato e le capacità creative di tanti contemporanei.
 
Luciana Grillo – l.grillo@ladigetto.it
(Precedenti recensioni)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone