Home | Rubriche | Letteratura di genere | Storie di donne, letteratura di genere/ 256 – Di Luciana Grillo

Storie di donne, letteratura di genere/ 256 – Di Luciana Grillo

Cristina Nutrizio: «Il fuoco di Agnese» – Una storia avvolgente, nella quale si entra di pagina in pagina in una spirale misteriosa e affascinante

image

Titolo: Il fuoco di Agnese
Autrice: Cristina Nutrizio
 
Editore: Maggioli Editore 2017
Genere: Narrativa italiana moderna
 
Pagine: 278, brossura
Prezzo di copertina: € 14
 
Questa è una storia avvolgente, nella quale si entra di pagina in pagina e dalla quale si vuole uscire come per liberarsi da una spirale misteriosa e affascinante, non senza aver capito però come si sbrogli la matassa: Agnese è una giovane donna, madre di tre figli, con un matrimonio finito alle spalle e alcune disinvolte relazioni in corso, che gira documentari e spot pubblicitari per la tv.
A un certo punto, le viene dato l’incarico di girare un video con un artista – Guccio – indicato dalla critica come «il nuovo Picasso».
La committente del video è Bianca e impone ad Agnese ritmi difficili, pur di accontentare Guccio… o forse perché, seguendo un disegno segreto, vuole a tutti i costi che i due si incontrino?
Agnese ne parla con un interlocutore all’inizio sconosciuto, che però ha già incontrato Guccio.
 
I fatti si susseguono rapidamente, c’è una moglie che Guccio vorrebbe o dovrebbe lasciare, c’è un marito – Giorgio – che Bianca fa intrufolare nella storia, c’è l’ex marito di Agnese – Riccardo – che è chiamato a occuparsi dei figli quando l’ex moglie è impegnata, ci sono Seba e Alberto – amanti temporanei… e Milano grigia e caotica, la Svizzera tranquilla, Ustica selvaggia e accogliente.
Agnese e Guccio sembrano attrarsi e reciprocamente respingersi, in un gioco virtuale ossessivo e alienante.
Guglielmo è lettore di messaggi e testimone, oltre che paziente e attento ascoltatore di segreti. Ma è anche un prete, con un aiutante polacco servizievole, curioso e un po’ chiacchierone.
 
«Guccio manipola parole, persone, cose, e non so fino a che punto lo faccia consapevolmente» dice Agnese a Guglielmo che legge e commenta anche i brevi racconti che Agnese scrive per Guccio «per alimentare una consuetudine, per catturare la sua attenzione, per comunicargli quello che non sarei mai riuscita a dirgli a voce».
«…La narrativa, ammesso che questi miei racconti lo siano, è libera di rubare la realtà, mescolarla, distorcerla, reinventarla. Non credo ci siano vincoli, se non la leggibilità. Il giornalismo o la storiografia dovrebbero avere un legame con la realtà, ma la visione soggettiva contamina sempre e comunque l’oggettività delle fonti».
 
Un evento inatteso scuote Agnese, una indesiderata gravidanza. Per lei è necessario abortire, altrimenti «avrei perso il lavoro, in televisione funziona così. Non ti puoi ammalare, è la selezione naturale della specie…». E qui la lettrice e il lettore non possono esimersi dal pensare ai problemi che una donna, soprattutto se sola, deve affrontare in un mondo del lavoro che non lascia spazio a scelte libere.
Ma l’aborto non è il solo evento impattante nella vita di Agnese e nella storia: un incendio dal quale Agnese si salva miracolosamente, la morte di Giorgio per avvelenamento, torbidi traffici di denaro che legano Guccio a Bianca.
 
«È tutta la situazione che non ha senso. Parlare con te ha avuto un effetto devastante, non mi fido più di nessuno, non credo più a niente…adesso è come se rivolessi indietro tutta la mia ignoranza, non voglio sapere più niente e non voglio più niente.»
Agnese si prepara a partire, a ricominciare daccapo, a trovare in sé la forza di vivere e di lottare e Guglielmo le suggerisce: «Ma tu scrivi, Agnese, e non solo le mail. Scrivi di te, scrivi delle cose che ti succedono, scrivi dei tuoi animali» e lei risponde, salutandolo: «Sì, ti scrivo. Promesso», protagonista del racconto sarà una salamandra, «è anfibia e resiste al fuoco. Come me».
 
Luciana Grillo – l.grillo@ladigetto.it
(Precedenti recensioni)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone