Home | Rubriche | Orto e giardino | L’Oidio, o Mal bianco, o Nebbia. – Di Davide Brugna

L’Oidio, o Mal bianco, o Nebbia. – Di Davide Brugna

Come riconoscere e combattere un fungo che può creare seri problemi

image

>
Dopo aver studiato questa miriade di insetti e aracnidi che possono attaccare le nostre amate piante ci si potrebbe aspettare che sia finita qui… E invece no!
Adesso bisogna aprire il capitolo sui funghi, che anche loro causano seri danni!
Il più frequente alle nostre latitudini e anche molto semplice da riscontrare, è l'oidio o mal bianco o nebbia. Questo all'inizio si manifesta con delle chiazze biancastre sulla pagina superiore delle foglie, creando un leggero ingiallimento.
 
Il fungo non si ferma solo a questo, dapprima si espanderà verso i germogli, per poi prendere fiori e fusto.
Bisogna stare molto attenti poiché se non combattuto causa la necrosi dei tessuti vegetali per poi portare al caso estremo la morte della pianta.
Nel caso ci si trovi ad un livello d'infestazione alto la pianta viene coperta da una patina bianca, ecco, non è un buon segno...
In alcuni casi, come per il molto utilizzato Lauro, il fungo crea dei buchetti sulla foglia e una modificazione di questa.
 

 
Questo fungo è un super fungo, pensate che comincia a svilupparsi ad inizio primavera fino all'autunno inoltrato, per dare due numeri, il range d'azione è da 6 gradi ai 30 gradi…
Si sviluppa sia in serra che al esterno, basta che ci sia umidità e meglio se aree poco ventilate.
Chi di voi ha maggior esperienza con il mondo vegetale avrà visto il mal bianco su tantissime piante, alcuni esempi di orticole sono il radicchio, il prezzemolo, le zucchine, il cetriolo, ci sono frutticole come il melo, la vite ed il pesco.
 
Molto abbondante è anche la lista delle piante ornamentali, possiamo contare sulle rose, l'acero, l'ortensia, il biancospino, il lauro, l'alloro e tantissime altre!
Diciamo che il mal bianco non è schizzinoso...
Oltre a riuscire a riprodursi con estrema facilità è anche molto difficile da combattere; quindi dobbiamo fare un'ottima prevenzione.
Prima di tutto dobbiamo evitare l'umidità all'interno della chioma, quindi sfoltire i rami interni favorendo così la ventilazione.
Oggi, anche tramite le tecniche dell'innesto, sul mercato troviamo varietà di viti, di meli e di peri resistenti al mal bianco.
 

 
Passiamo alla lotta chimica. Tutti abbiamo visto il film «Il Ciclone»? Ci ricordiamo la scena dove Ceccherini deve dar il ramato sulle vigne? Ecco, cercava a modo suo di contrastare il mal bianco.
Il rimedio ancora più utilizzato è il rame e lo zolfo, ci sono anche i prodotti triazolici che inibiscono la produzione di un ormone che nutre il fungo.
Se decideste di utilizzare questi prodotti evitate l'utilizzo massiccio, può provocare la resistenza del fungo a questi prodotti.
 
Negli ultimi anni sono usciti dei validissimi prodotti biologici che anch'io ho provato e devo dire che se distribuiti con regolarità funzionano molto bene. Vi invito a provarli.
Come sempre scegliete la qualità dei floricoltori trentini (AFLOVIT), la lista dei vivai e garden associati è disponibile su internet.
Buon lavoro, Brugna dott. Davide

d.brugna@ladigetto.it
(Puntate precedenti)


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni