Home | Rubriche | Storia dell'Autonomia | Autonomie di Trento e Bolzano, una storia da rileggere oggi / 24

Autonomie di Trento e Bolzano, una storia da rileggere oggi / 24

Responsabilità e competenze: cosa vuol dire essere Autonomi – Di Mauro Marcantoni

image

Un’Autonomia speciale, un unicum nel quadro legislativo dello Stato italiano.
Lo Statuto del 1972 aveva garantito alle Province di Trento e di Bolzano un massiccio trasferimento di competenze legislative dalla Regione e dallo Stato. Perciò, esse vennero denominate «autonome», al fine di distinguerle dalle altre province italiane.

Dal 1973 e fino al 1988, vennero poste le basi per l’effettiva attivazione delle competenze autonomistiche, attraverso l’approvazione delle relative norme di attuazione.
I primi decreti riguardarono il trasferimento alle Province autonome dei beni demaniali e patrimoniali dello Stato e della Regione, la disciplina relativa all’esercizio del diritto di voto per le elezioni regionali e comunali e l’istituzione del Tribunale regionale di Giustizia amministrativa.
 
A questi interventi normativi di valenza generale, ne seguirono altri più specifici.
Così, per il settore dell’ambiente e del territorio, si stabilì che fossero trasferite alle due Province autonome le funzioni statali e/o regionali in materia di agricoltura e foreste, urbanistica e opere pubbliche, produzione e distribuzione dell’energia idroelettrica, protezione civile.
Nel campo della cultura e delle risorse umane, il trasferimento riguardò, invece, le funzioni concernenti la tutela e la conservazione del patrimonio storico, artistico e popolare, lo sviluppo della cooperazione, le attività sportive e, soprattutto, l’istruzione di ogni ordine e grado (compresa l’assistenza scolastica – anche universitaria – e l’edilizia scolastica).
 
Le norme regolarono poi analoghi trasferimenti di competenze nel campo della tutela sanitaria e sociale che determinarono, nel corso degli anni Settanta e Ottanta, la soppressione delle Mutue e la costituzione del Servizio sanitario provinciale e delle relative Unità sanitarie locali, e nel campo dello sviluppo economico e dei servizi.
Non solo, nel 1976 furono emanate le norme di attuazione su due questioni da sempre considerate cruciali dalla SVP: bilinguismo e proporzionale etnica.
Questo secondo principio, in base al quale venivano stabilite delle quote, ovvero dei parametri da utilizzare rigorosamente nelle assunzioni e nella ripartizione di cariche e uffici, contributi, case popolari, avrebbe dovuto risarcire i torti subiti in passato dal gruppo di lingua tedesca: in realtà, la sua rigida applicazione ebbe come effetto quello di perpetuare e accentuare le ragioni di conflittualità.
 
Gli appelli degli esponenti del gruppo di lingua italiana che chiedevano un’equilibrata e graduale applicazione della norma, si scontrarono, infatti, con la posizione irremovibile della SVP: per il partito sudtirolese la proporzionale doveva essere applicata da subito nella sua interezza.
Altrettanta preoccupazione destava, inoltre, all’interno del gruppo italiano, la questione del bilinguismo: dal 1977, per accedere ai pubblici impieghi, diventava vincolante possedere il cosiddetto «patentino» di bilinguismo, attestante la conoscenza delle due lingue, italiano e tedesco. In una società bilingue, fondata sulla parificazione tra lingua italiana e lingua tedesca, si trattava chiaramente di un passaggio obbligato e tuttavia carico di conseguenze, soprattutto per gli italiani residenti in provincia di Bolzano.
 
A livello politico, la volontà di portare a termine il Calendario operativo era destinata in ogni caso a prevalere sui motivi di contrasto. Un eventuale fallimento degli accordi avrebbe, del resto, avuto riflessi imprevedibili sia a livello internazionale, nei rapporti con l’Austria, che a livello interno.
Il secondo Statuto, istituendo due Province autonome titolari di gran parte delle competenze e relegando ad un ruolo marginale la Regione, aveva avviato due processi paralleli che hanno visto Trentino e Alto Adige concentrati sulla costruzione delle rispettive specificità istituzionali e programmatiche, confinando i loro rapporti nello spazio necessario delle negoziazioni con lo Stato.
 
Mauro Marcantoni
(Puntate precedenti)

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone