Home | Sapori | Vino Trentino | Annata viticola 2011: clima anomalo, ma uve e vini di qualità

Annata viticola 2011: clima anomalo, ma uve e vini di qualità

Condizioni climatiche e qualità delle uve al centro di un incontro tecnico a S.Michele

Il 2011 sarà da ricordare, per la viticoltura, come una annata fuori dalla norma, almeno per quanto riguarda il clima. Le alte temperature primaverili anticipatrici del germogliamento, le piogge carenti dei mesi di marzo e aprile e troppo frequenti a giugno e luglio, l’estensione delle grandinate e le temperature basse di inizio estate hanno determinato condizioni climatiche del tutto anomale senza compromettere tuttavia la qualità dell’uva.
Il punto sulla situazione viticola ed enologica del 2011 è stato al centro dell’incontro su vite e vino che si è svolto oggi alla Fondazione Edmund Mach  di San Michele all’Adige.
 
I tecnici del Centro Trasferimento Tecnologico, sulla base dei dati analitici dei monitoraggi prevendemmiali, hanno spiegato che l’annata si è distinta per un ideale equilibrio di maturazione dei grappoli; inoltre la qualità dei vini, confermata dalle valutazioni sensoriali, risulta interessante in tutte le zone e per tutte le tipologie, con piacevole freschezza e complessità aromatica e gustativa.
Le temperature contenute di luglio ed inizio agosto hanno preservato l’acidità dei mosti, permettendo di raccogliere ottimamente le varietà bianche; l’andamento caldo ed asciutto di settembre ha garantito piena maturazione delle varietà rosse.
 
Per queste ultime sono state registrate gradazioni zuccherine e dotazioni in colore superiori alla media delle scorse annate.
Al di sotto dei valori ottimali, invece, l’azoto assimilabile.
 
Nel corso dell’incontro si è parlato di nuove problematiche fitosanitarie riguardanti la viticoltura e non solo trentina.
La difesa è stata efficace in tutte le zone per quanto riguarda la protezione diretta dei grappoli, più difficoltosa invece si è dimostrata la protezione estiva delle foglie soprattutto a causa della peronospora provocata dalle frequenti piogge estive.
 
Per quanto riguarda l’oidio la comparsa della malattia è stata particolarmente tardiva e la pressione di questo fungo è risultata molto bassa durante la stagione; si conferma anche per il 2011 l’effetto positivo dell’autunno piovoso dell’annata precedente nel ridurre la quantità di inoculo.
Nel 2011 sono stati raccolti, nelle diverse aree viticole della provincia, 283 campioni provenienti da piante che presentavano sintomi ascrivibili ai giallumi della vite.
 
I prelievi sono stati effettuati in 129 diverse aziende, dislocate in 44 comuni della provincia di Trento.
Se esaminiamo i soli casi di positività ai giallumi (232 campioni) risulta comunque evidente il ruolo primario del Legno nero: L’81% dei campioni infatti sono risultati affetti da questa malattia mentre il 19% sono risultati affetti da flavescenza dorata.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni