Home | Sapori | Vino Trentino | Vinitaly. TrentoDoc protagonista, successo per il territorio

Vinitaly. TrentoDoc protagonista, successo per il territorio

Ben 10.000 i contatti registrati ai desk istituzionali del Trentino



Altre sette etichette e due aziende hanno aderito da poco all'istituto TrentoDoc. Questi, assieme a quello dei visitatori (10.000) i numeri più significativi dello stand istituzionale proposto dal Trentino nei cinque giorni veronesi Successo pieno per il Trentino e i propri vini.

Lo dicono i circa diecimila contatti attivati presso l'area istituzionale, con una consistente presenza di operatori italiani e buyer stranieri.
Molto apprezzato dal pubblico Trentodoc (protagonista dello stand insieme a Trentino Grappa), che ha salutato l'adesione al marchio di altre due aziende, la Cantina Moser, del campione delle due ruote Francesco, e la cantina San Micheal, piccola realtà di San Michele all'Adige, oltre a sette nuove etichette.

Una novità molto apprezzata è stata l'area organizzata dall'Enoteca Provinciale del Trentino, che, con uno spazio espositivo ricercato e accogliente, ha permesso agli ospiti di conoscere e degustare i vini più legati al territorio, la loro storia, le loro caratteristiche.
Sono infatti stati presentati, anche attraverso dei seminari, il Trentino DOC Nosiola, Trentino DOC Müller Thurgau, Trentino DOC Marzemino, Teroldego Rotaliano DOC, Trentino DOC Vino Santo.
Insomma, tutte le eccellenze che caratterizzano la produzione trentina.

Ottimo il riscontro degli incontri organizzati nello stand di Trentino SpA in collaborazione con Trentino Sprint con i buyer internazionali.
L'opinione generale degli operatori è quella di aver incontrato un distretto vitivinicolo che lavora con serietà, con vini e grappe dallo straordinario rapporto qualità-prezzo.

La Medaglia di Cangrande ai Benemeriti della viticoltura italiana quest'anno è stata assegnata ad Enrico Paternoster, eclettico winemaker dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige.
L'onorificenza, una per ogni regione italiana, viene assegnata ogni dodici mesi dall'Ente Autonomo Veronafiere su segnalazione della Provincia, per premiare chi ha saputo promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola locale.

La tematica di punta dello stand trentino, in occasione di Vinitaly 2010, è stata la forte sinergia tra il prodotto vino trentino e le altre realtà enogastronomiche del territorio, come le Strade del vino e dei sapori e i ristoratori delle Osterie Tipiche Trentine.
Questa è la filosofia di Trentodoc, come ha avuto modo di sottolineare l'assessore al turismo della Provincia di Trento Tiziano Mellarini.
«Occorre lavorare sempre di più assieme - ha detto - per accrescere il potenziale della nostra produzione vinicola. Una produzione che è legata in modo indissolubile al territorio trentino, lo caratterizza e ne valorizza gli aspetti di peculiarità e di originalità. Il progetto intrapreso con Trentodoc è valido, il marchio si sta continuamente apprezzando e registra nuove adesioni, dunque la Provincia non farà mai mancare il proprio sostegno alle iniziative sinergiche di aggregazione e di valorizzazione dei nostri vini».

A sottolineare ulteriormente la forza di questo legame, la presenza ad Agrifood dell'olio extravergine DOP dell'Agraria Riva del Garda, all'interno di uno stand che ha presentato proposte curate dal famoso chef Luigi Sforzellini.
Un olio ben noto agli intenditori, premiato tra l'altro lo scorso anno fra i migliori al mondo nella categoria dei «fruttati intensi».

Molti gli ospiti vip accolti, dal Presidente dell'Ais e del Gambero Rosso a Giuliano Razzoli, per finire in bellezza con le ragazze vincitrici di Miss Italia

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone