Home | Sapori | Vino Trentino | La magia della «Luna» per produrre i vini migliori da più di 90 anni

La magia della «Luna» per produrre i vini migliori da più di 90 anni

Roveré della Luna. La sorpresa di una Cantina che non ha mai cercato la notorietà. Perché non ne ha mai avuto bisogno

image

«Sarà una sorpresa» ci aveva assicurato l'addetta stampa che si era premurata di persona affinché fossimo presenti.
Ma l'idea che la Cantina sociale di Roveré della Luna avesse indetto una conferenza stampa a sole due ore dall'inaugurazione della 74ª Mostra dei vini del Trentino, aveva stuzzicato il nostro interesse e ci saremmo andati comunque, anche se in verità eravamo un po' scettici.

Roverè della Luna (in tedesco Aichholz, legno di rovere) è il paese trentino più a Nord della Valle dell'Adige e conta circa 1.400 abitanti.
Troppo a nord per appartenere alla prestigiosa Piana Rotaliana e troppo a sud per godere dei fasti di Termeno (in tedesco Tramin).

Si tratta di un suggestivo insediamento a forma di mezzaluna, da cui forse prende il nome, con una storia importante e ricca di magia che contraddistinguono la Cantina dal medesimo marchio del paese trentino.

Sia il nome che la posizione richiamano infatti due elementi fondamentali per il vino: il rovere, dal quale si ricava il legno per le botti, e il terreno calcareo del conoide sul quale si adagia il paese, dove la vite si sviluppa con difficoltà donando un vino profumato e sapido.
Perché, pochi lo sanno, ma più la vite fa fatica a crescere e migliore è il vino che se ne ricava.

Ma dei suoi vini parliamo dopo.
Nel corso della conferenza stampa, il direttore Corrado Gallo (nella foto, in centro), affiancato da soci ed esperti, ha esposto il proprio piano di rilancio dell'azienda, come se la crisi che sta penalizzando il vino di qualità non esistesse.



«La nostra Cantina - ha premesso il direttore - ha deciso di remunerare meglio i propri soci. Un ettaro di vigneto che renda meno di 8.000 euro all'anno va in perdita. Si può perdere per un anno, due al massimo. Poi bisogna cambiare rotta. Per questo noi abbiamo deciso di rendere più remunerativo il prodotto dei nostri contadini.»

Fin qui sembrava un'osservazione di principio, più che un progetto concreto. E ci eravamo chiesti se il direttore avesse preso in considerazione tutte le P di cui deve occuparsi il marketing. Prodotto, Prezzo, Place (distribuzione), Pubblicità, Package, Pubbliche relazioni, Promozione, Punto vendita… Se non ci sbagliamo, gli esperti sono arrivati a 12 o 13 P nei mix di marketing

«Abbiamo deciso di aumentare la vendita del Prodotto imbottigliato. - Ha esordito il direttore. Ci siamo fatti più attenti. - La nostra azienda imbottiglia attualmente solo l'1,4% della propria produzione. Vogliamo raddoppiarla in breve tempo.»
E questa è stata la prima sorpresa della conferenza stampa.

In effetti non credevamo che esistesse una cantina sociale che consegnasse praticamente tutto il proprio vino alla Cavit.
Dica che non state scherzando… - Ci sfugge.
«Senta, - ci risponde, - i nostri soci producono 65.000 quintali di uve all'anno, che corrispondono più o meno a 4 milioni di litri di vino. Noi imbottigliamo solo 40.000 bottiglie… - Sorride. - Crediamo che non sia un sogno irrealizzabile arrivare a venderne 100.000.»

Lo crediamo anche noi. Se la Cavit vende la quasi totalità del loro vino, vuol dire che si tratta di un vino di grande qualità. Passare dall'1,4 al 3,5% a questo punto non sarà difficile.

«Abbiamo cominciato dal Package. - Prosegue il direttore. Altra P. - Le etichette che vedete sono nuove. Tutta la cosmetica aziendale è stata rifatta per rendere giustizia al Prodotto che, come è noto, proviene da uno dei centri vitivinicoli più importanti della provincia di Trento.
«La maggior parte delle nostre uve proviene dal Comune di Roveré della Luna, - aggiunge, - ma anche dai territori limitrofi, comprendendo una vasta gamma di pregiati vitigni autoctoni bianchi, quali Pinot Grigio, Chardonnay, Müller Thurgau, Traminer aromatico. E rossi, quali Lagrein, Pinot Nero, Schiava, Teroldego e Cabernet sauvignon.»

Puntate su un prodotto in particolare? - domandiamo.
«Abbiamo pensato di spingere particolarmente la schiava gentile. - Risponde Corrado Gallo. Non si tratta di un prodotto leader, ma ha le sue logiche. È un'uva che rende poco e per questo varrebbe la pena ricavarne di più grazie alla vendita in bottiglia.
«È un vino che vale la pena riscoprire. - Aggiunge. - È la sciava che ha reso famoso il vino di Caldaro. D'estate, fredda, la schiava gentile è l'unico vino dissetante e che può essere mescolato con l'acqua senza perderne in sapore.»

Di che prezzi si parla?
«Questa bottiglia - ce la mostra - la vendiamo a 3 euro e mezzo.»
La Cavit esce sulla grande distribuzione a meno di tre euro. - Osserviamo.
«Noi non ci rivolgeremo alla grande distribuzione. - Ribatte. - Questi sono prezzi per chi compera il vino in cantina.»

Le altre bottiglie?
«Il Pinot Grigio 5,50 euro. Lagrein dunkel sui 6 euro. Teroldego e Cabernet a 6,50. Il Müller sui 6,5. Il traminer a 7 euro…»
Ne avete anche aromatico?
«Traminer? Abbiamo solo l'aromatico.»
E lo vendete a 7 euro? Quello della Cantina sociale di Termeno arriva anche ai 15 euro.
«Ma non è un vino da pasto. Potrebbe essere quello che si dice da meditazione. Insomma ne bevi un bichiere.»

Ci scusi, forse l'ha già detto. Ma quali iniziative ha pensato di mettere in campo per convincere la gente a venire ad acquistare il vino alla vostra cantina?
«Abbiamo deciso di investire in Pubblicità e Pubbliche relazioni una cifra pari a 30.000 euro circa.»
Facciamo rapidamente due conti. Si tratta di investire il 6% del fatturato da raggiungere. Viste le grandezze, non si tratta di un'operazione a rischio. Sempre che non debbano ricorrere al finanziamento bancario.

Perdoni l'insana curiosità. - Interveniamo. - Ma qual è l'indebitamento della Cantina sociale di Roveré della Luna?
«Noi non siamo indebitati.»
"Come ha detto scusi?
«Siamo esposti a medio termine per poche migliaia di euro…»
E a lungo termine? Niente mutui?
«No. Siamo abbastanza capitalizzati da poterne fare a meno.»
Lo guardiamo increduli.
«Capisco dove volete arrivare… - Aggiunge. - Il rapporto tra capitale fisso e capitale circolante…»
Lo interrompiamo. No, no. Quello che sta per dire vale in tempi normali! In questo momento
«Per noi sono tempi normali.»

In effetti, quello che ha detto il direttore della Cantina è sorprendente. In un momento in cui tutta la cooperazione agricola trentina è in difficoltà per essere stata colta dalla crisi a investimenti non ancora completati e ben lontani dall'essere rimborsati, troviamo una cantina non indebitata, che decide di investire, che non vuole fare concorrenza alla Cavit, che vuole solo aumentare il valore aggiunto della propria produzione invitando la gente a venire alla propria cantina… Sembra di sognare.

Sorprendente… - Commentiamo.
«Non tutte le cantine sono così…» - Aggiunge, come se dovesse sentirsi in colpa nei confronti del resto della cooperazione…
Può dirlo forte! Chapeau!

«La prima iniziativa - conclude Gallo, - è prevista per il week-end del 5 e 6 giugno, faremo la prima festa. L'abbiamo chiamata Media Family Day. Sabato ci sarà la visita della cantina e una cena riservata per i nostri visitatori in un locale tipico. Domenica ci sarà una passeggiata dalla cantina alla Pianizza, seguita da una degustazione in quota col trasferimento al Mont del Gidio con delle fuoristrada e infine da un pranzo con i nostri vini tipici.»

Chi volesse parteciparvi, deve telefonare alla Cantina sociale di Roveré della Luna e chiedere informazioni: 0461 658530 - info@csrovere1919.it
C'è da presupporre che saranno molte le persone che vi parteciperanno.

La conferenza stampa è finita e ci viene offerto un traminer aromatico con del trentingrana. Un'abbinata azzeccata. Pensiamo proprio di andare al Media Family Day.

G. de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone