Home | Sapori | Vino Trentino | Sicilia, sequestrata azienda facente capo a Cantine Mezzacorona

Sicilia, sequestrata azienda facente capo a Cantine Mezzacorona

Le indagini avrebbero ricostruito una presunta frode per otenere illecitamente i contributi pubblici

A quanto ci risulta, era appena cominciata la vendemmia in uno dei gioielli dell'azienda siciliana proprietà delle Cantine Mezzo Corona, quando sono stati posti i sigilli alla tenuta, sospendendo così la raccolta dell'uva.

C'è da augurarsi che le procedure giudiziarie possano consentire al più presto la ripresa delle operazioni legate alla vendemmia, perché i prodotti non hanno nulla a che vedere con le questioni legate l'iniziativa della Procura della Repubblica di Ragusa.

Per la precisione, le Fiamme Gialle hanno sequestrato un'azienda vinicola e denaro contante per oltre 4 milioni di euro, mettendo i sigilli nelle campagne tra Acate e Vittoria, su uno dei feudi che da decenni rappresentano interessi storici di Cosa Nostra.

Nell'ambito dell'inchiesta, condotta dalla Procura di Ragusa, otto persone sono state denunciate per associazione per delinquere finalizzata alla truffa in danno dello Stato e dell'Unione Europea.
Le indagini hanno ricostruito una presunta raffinata frode per percepire illecitamente i contributi pubblici.

La Guardia di Finanza avrebbe accertato che la società Future Tecnologie Agroambientali Srl, con sede ad Acate, di proprietà del Gruppo Mezzacorona, avrebbe percepito un contributo di 4,366 milioni di euro.

L'operazione denominata «Old Tower» avrebbe consentito di delineare le presunte responsabilità degli otto soggetti denunciati, tra i quali figurerebbe anche un amministratore delle Cantine di Mezzacorona, oltre che un funzionario dell' istituto di credito Banca Nuova il quale aveva curato l'istruttoria e l'erogazione dei contributi.

Gli indagati, secondo le Fiamme Gialle, avrebbero prodotto documenti falsi e fatture per operazioni inesistenti.

Le cantine di Acate contrada Torrevecchia «Feudo Arancio» in precedenza erano di proprietà della Torrevecchia di Favuzza & C. Sas, una società riconducibile agli eredi dei cugini Salvo di Salemi, come ha sottolineato il colonnello Francesco Fallica, comandante provinciale della Guardia di Finanza, affermando che «l'azienda sequestrata appare come il crocevia di un traffico che tocca i gangli vitali di Cosa Nostra, dai cugini Salvo fino al boss latitante Matteo Messina Denaro.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone