Home | Sapori | Vino Trentino | Balter: «Puntiamo al marchio dei Vini del Trentino Alto Adige»

Balter: «Puntiamo al marchio dei Vini del Trentino Alto Adige»

Quella del presidente dei vignaioli trentini non è una provocazione, ma una proposta vera e propria

image

Il presidente dei vignaioli trentini, Nicola Balter (nella foto, al centro), ha tenuto oggi una conferenza stampa per esprimere, in premessa, il senso di disagio dei suoi associati alla luce di quanto sta accadendo in quel settore del vino che fa riferimento alla cooperazione trentina.

Balter non ha nascosto di riferirsi alla Cantina LaVis, le cui cifre sono al di fuori della portata di qualsiasi altra azienda agricola.
Si è chiesto a quanto ammontino i debiti delle cantine sociali nel loro insieme, anche se la domanda è retorica, dato che sappiamo che si aggirano sui 250 milioni di euro.

Di questi, precisiamo noi, un'ottantina sono a carico della cantina LaVis, ma va anche precisato che a fronte di questi debiti la cooperativa espone a bilancio altrettanti asset aziendali, che vanno dalle tenute agricole (anche fuori provincia) a linee di imbottigliamento e ad altre pertinenze di grande valore.

In altre parole, il bilancio di LaVis regge proprio perché a fronte dei debiti (in dare) ci sono le immobilizzazioni materiali (in avere).
Il problema della discussa cantina sta nel fatto che in questo momento di contrazione dei mercati si assottigliano le disponibilità per far fronte alle necessità di cassa e di banca.
Anzi, per evitare posizioni di sofferenza, la cantina ha dovuto ridurre le liquidazioni dei soci.

«Ci sono due mondi diversi che stanno remando in direzioni diverse. - Ha detto Balter, a conclusione della premessa. - Da una parte ci sono le aziende agricole, il cui unico scopo è quello di fare il vino migliore possibile, e dall'altra gli agricoltori che valutano solo il prezzo dell'uva che vendono.»

Quindi l'affondo.
«Non è così che vogliamo andare avanti. Noi aziende agricole non abbiamo problemi finanziari - ha ricordato. - Noi vogliamo che l'immagine del vino trentino sia come quello dell'Alto Adige. Anche lassù ci sono aziende agricole e cantine sociali, ma anche queste ultime sono la pura e semplice espressione del loro territorio. L'immagine del vino altoatesino è elevato, da qualsiasi azienda provenga.»

Anche in questo casi, inevitabile il rapporto con LaVis.
«Perché mescolare la Val di Cembra con le colline di Lavis? - Si domanda. - Che senso ha avere delle dimensioni che non hanno nulla a che fare con ogni singola estrazione? Perché sono andare ad acquistare grandi tenute fuori dal trentino?»

In realtà, l'Alto Adige produce la metà del vino prodotto in Trentino, per cui le problematiche sono diverse. Ma il disagio è comprensibile.
Ed è davvero illuminante il cartello che si legge sulla Statale del Brennero all'altezza dei Murazzi: «Vigneto in vendita».
Non è uno scherzo, anche se solo un pio d'anni fa non sarebbe stato possibile comperare neanche mille metri di vigneto.

Poi, la proposta. Provocatoria, ma realistica.
«Noi chiediamo che, al di là delle problematiche da risolvere per il bene di tutti, si prenda in considerazione la terza via. Cerchiamo di cerare insieme il marchio del Vino del Trentino Alto Adige.»

Inevitabili le battute dei giornalisti, ma Balter non è mai stato così serio e credibile.
«Magari non ci riusciremo, ma provate a pensarci. Anche se a livello politico le cose stanno diversamente, geograficamente si parla di Trentino Alto Adige, non di Trentino e Alto Adige. Già adesso la gente tende a confondere le due aree e, se è un bene per noi, non lo è per l'Alto Adige che, come abbiamo visto sta soffrendo della nostra curiosa realtà vinicola.»

In effetti, non è male l'idea di un terzo marchio, quello che consente di riconoscere a determinati vini il compendio di due filtri, quello trentino e quello altoatesino.
Non abbiano idea di quale possa essere la via da imboccare per arrivare a realizzare questo sogno.

Ma Nicola Balter ha fiducia nelle istituzioni autonomistiche.
«La decisione della Provincia di commissariale la cantina LaVis e, soprattutto, l'aver individuato nell'istituto San Michele il soggetto giusto per attivare il tavolo per affrontare la crisi del vino, ci fa pensare che il presidente Dellai sia davvero super partes e guardi al bene di tutti e non alle singole problematiche.»

Che poi la Provincia salvi la cantina LaVis come ha fatto con il caseificio di Fiavé, cioè acquistando gli asset per poi ridarli in affitto alla stessa, tanto meglio per tutti. Sia per i dipendenti della cantina e per gli agricoltori che non se la sentono di fare i vignaioli a tempo pieno.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone