Home | Sapori | Vino Trentino | Prodotti trentini: necessario intensificare la comunicazione

Prodotti trentini: necessario intensificare la comunicazione

Una ricerca presentata oggi dimostra che tra pubblico e privato sono ancora necessarie forti alleanze e comunità d'intenti

image

Oggi nella sede di Palazzo Roccabruna, davanti alla stampa e ai rappresentanti del mondo imprenditoriale e delle associazioni di categoria, l'Istituto di ricerca CRA (Customized Research & Analysis) di Milano ha presentato i dati della ricerca nazionale sulla presenza e la notorietà dei prodotti trentini nella GDO e nella ristorazione italiane (in altro articolo la scheda di presentazione ragionata dei risultati).



L'indagine, promossa dall'Osservatorio delle Produzioni Trentine (la struttura camerale incaricata di realizzare studi e indagini sull'agroalimentare locale), è stata condotta tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010 su un campione di buyer e di gestori di ristoranti.

Ed è assai probabile che la ricerca faccia discutere per un po' di tempo, anche perché alcuni risultati sono per certi aspetti piuttosto singolari.
Anzitutto perché, come emerge dalla ricerca, pare proprio che nel Paese la gente tenda a non separare il Trentino dall'Alto Adige. Ovviamente i ricercatori hanno messo dei filtri per isolare il vissuto, ma resta il fatto che se si vuole davvero creare un vissuto del Trentino diverso dall'Alto Adige, c'è ancora molta strada da fare.
Ma sono emersi anche alcuni risultati certamente importanti, ma proprio per questo da prendere con le pinze.
Ma partiamo dalla ricerca, che è stata condotta in tre direzioni mediante la somministrazione telefonica (C.A.T.I) dei questionari.

Il primo questionario, a domande strutturate per la ricerca quantitativa, era rivolto a 83 buyer/responsabili d'acquisto (operanti in area esterna alla provincia di Trento) della grande distribuzione.
Il secondo questionario, a domande aperte per la ricerca qualitativa, era rivolto a 32 buyer di centri decisionali appartenenti alle principali marche della grande distribuzione italiana.
Il terzo, sempre a domande strutturate per la ricerca quantitativa, era rivolto invece alla ristorazione per tramite di un campione rappresentativo di una selezione di 383 titolari e gestori di ristoranti, ristoranti-pizzerie e trattorie diffuse sul territorio nazionale.

Noi stiamo sempre dalla parte di chi fa la ricerca, perché conosciamo la validità dei metodi impiegati sia nel rilevamento dei dati che nella valutazione.
In questo caso, però, in sede di conferenza stampa abbiamo sollevato dei dubbi sulla validità del campione di ricerca.
Mentre le interviste rivolte ai responsabili della GD ci sembravano coerenti per numero, quei 383 scelti in rappresentanza di un universo di estrazione oltre 50.000 ristoratori ci erano parsi insufficienti.



Abbiamo chiesto alla relatrice se quello 0,6% di campione fosse congruo e attendibile.
Ci è stato risposto che la possibilità di errore era stata calcolata in una forbice del ± 5%.
Abbiamo domandato allora se fosse stata applicata la deviazione standard e ci è stato eisposto che si sono avvalsi delle tavole di devianza.

Tutto questo non è stato capzioso da parte nostra, ma ci sono dei dati (vedi sopra) che, come abbiamo detto, faranno discutere.
Il più eclatante è che ben il 93,5% del campione (e quindi, con ± 5%, siamo tra l'88,825 e l'98,175% del totale dei 50.000 ristoratori) ha dichiarato di essere in grado di proporre almeno un prodotto trentino.
Sicuramente il dato sarà attendibile, ma questa iperbole avrebbe magari meritato un filtro successivo o un'indagine ulteriore mirata.

Passiamo ora ai dettagli della ricerca. I risultati sono visionabili tramite questo link.
Consigliamo di leggerli, perché comunque c'è da imparare ogni volta che si sa qualcosa di più di noi stessi, in questo caso il vissuto dei prodotti trentini, che sono l'anticipazione di come sia vissuto il nostro territorio.
Eccone qui di seguito un bignami.

Distribuzione organizzata (indagine quantitativa)


Uno degli aspetti più interessanti dell'indagine riguarda, come detto, il tema della percezione geografica. Come più volte emerso, il termine «Trentino» evoca nella maggior parte degli intervistati un contesto regionale anziché provinciale: solo il 42,9% dei buyer vino individua correttamente l'area territoriale.

La categoria agroalimentare che emerge meglio in termini di conoscenza spontanea è quella dell'ortofrutta.
Il 100% dei relativi buyer conosce almeno un prodotto ortofrutticolo trentino e cita nel 45,8% dei casi il marchio «Melinda», seguito (e questa è una piacevole sorpresa) dai piccoli frutti di Sant'Orsola (41,7%).
Il 71,4% degli stessi dichiara inoltre che il quantitativo di mele trentine trattate è aumentato rispetto al 2008.

Nel settore del vino il 76,2% degli operatori conosce almeno un prodotto e cita prevalentemente il Müller Thurgau (47,6%), seguito dal Teroldego (23,8%). Quel Müller Thurgau fa pensare sempre alla confusione geografica regionale.
Nessun riscontro invece per il marchio TRENTODOC. E questo deve far meditare i nostri maggiorenti, perché il nostro spumante dovrebbe essere il miglior ambasciatore vinicolo del Trentino.

Nel comparto insaccati la conoscenza spontanea di almeno un salume trentino sale al 71,4%: il più citato è lo Speck (66,7%). Siamo sempre alla confuzione geografica?
Nel campo dei formaggi la percentuale si assesta intorno al 78%. Emergono il Trentingrana (47,8%) e il Puzzone di Moena (30,4%). Da notare che entrambi portano nel nome un preciso riferimento geografico.
La percentuale scende al 42,9% per i buyer del pesce che citano nel 35,7% dei casi le trote.

Il filtro
Questo è utile per recuperare gli item della pubblicità da veicolare.


Al test della notorietà suggerita [le dicono nulla questi nomi? - NdR] sulle risultanze della stessa ricerca, Müller Thurgau e Teroldego salgono al 90,5%, al 76,2% il Marzemino, al 72% il marchio TRENTODOC.

Se si passa ai prodotti trattati direttamente, si scopre che tra il 20 e il 23% degli intervistati sostiene di acquistare vini trentini (rossi e bianchi) per oltre il 10% degli acquisti di vini italiani; nel caso degli spumanti il 33,3% degli operatori dichiara che la quota di bollicine trentine supera il 20% delle bollicine nazionali da essi trattate.

Il 78,3% degli operatori dice di acquistare almeno un formaggio trentino, ma la percentuale scende al 26,1% per il Trentingrana e sale al 34,8% per il Puzzone di Moena.
L'81% ordina almeno un salume trentino, il 61,9% Speck trentino, il 33,3% la Carne salada.

In tema di «qualità percepita», il 90,5% dei buyer è convinto che il Trentino sia una terra di ottimi vini bianchi e di ottimi spumanti, il 52,4% di ottimi vini rossi, il 95,7% di ottime grappe e l'87,5% di ottime mele.

Grande distribuzione (indagine qualitativa)


In genere i prodotti trentini sono percepiti dai 32 buyer intervistati come «prodotti di qualità elevata, assolutamente affidabili, con i quali difficilmente si hanno problemi, se non a causa del prezzo elevato che, in ragione di una scarsa conoscenza, non sempre si riesce a giustificare al pubblico».

Si tratta di un vincolo meno percepito per i prodotti radicati nella conoscenza profonda del consumatore (mele, piccoli frutti, vini, i più noti brand del TRENTODOC), più avvertito per i prodotti più locali che faticano a essere riconosciuti e che spesso sono anche caratterizzati da un gusto particolare (luganega e mortandela).

Un trend positivo stanno registrando i piccoli frutti e la carne salada: in entrambi i casi si tratta di abitudini di consumo in grado di rispondere alle attuali esigenze alimentari (valore di servizio, prodotti freschi, pronti al consumo, leggeri, valida alternativa ad alimenti più tradizionali).
Interessante scoprire che tra i plus di prodotto piccoli frutti ci sia il package: «arrivano intatti grazie alla confezione».

Prodotti la cui richiesta è percepita in calo sono invece i formaggi, privi di distintività (ad eccezione del Trentingrana che spicca per la notorietà) e la trota che negli anni sta perdendo d'interesse a fronte di un'offerta ittica marina sempre più varia ed economica.

Gli intervistati auspicano un atteggiamento più propositivo, aperto e flessibile (soprattutto sul versante prezzo) da parte delle aziende trentine.
In particolare suggeriscono di promuovere i prodotti anche sul piano salutistico, accentuandone i caratteri distintivi per sostenere un prezzo spesso più alto rispetto ai competitor.

Ristorazione


Al test della conoscenza spontanea, il 61% degli intervistati dichiara di conoscere almeno un prodotto o almeno un marchio di prodotto trentino.
Nel caso del vino la percentuale scende al 35%: i primi nomi compaiono solo a quota 2,6% con il Müller Thurgau seguito dal Teroldego con l'1,3%.
Tra i salumi emergono lo Speck (23,2%) e la Carne salada (2,1%).
Le mele si collocano al 16,7% (Melinda al 2,9%, La Trentina all'1%).
Il 10,7% dichiara di conoscere almeno un formaggio. Il Trentingrana è al 4,2%.
Poco sopra si colloca la grappa (generica) al 4,4%.
Solo il 2,9% dichiara di conoscere almeno uno spumante trentino: Ferrari si situa all'1,3%, e a poca distanza, con un risultato lusinghiero, fa capolino il marchio TRENTODOC (1%).

Fra i prodotti utilizzati nei ristoranti si segnalano il Müller Thurgau (63,2%), le Mele DOP della Val di Non (62,1%), le varie etichette delle bollicine trentine (50,7%), le tante marche della grappa (50,1%), il Trentingrana (20,1%), il Puzzone di Moena (9,9%) e le trote (4,2%).

Le motivazione di acquisto vedono in testa alla classifica il buon rapporto qualità/prezzo del nostro agroalimentare (52,6% nel caso degli spumanti e 63,6% nel caso del Trentingrana), seguito dall'affidabilità del sistema produttivo trentino (49,4% nel caso delle mele).

Ciò premesso, alla domanda Q.7. «Nel vostro ristorante utilizzate/ proponete i seguenti prodotti trentini?» si legge che il 93,5% utilizza/ propone almeno un prodotto dell'elenco, il 69,2% utilizza/ propone almeno un vino trentino.

Il commento



Condividiamo quanto detto dal presidente della camera di Commercio Adriano Dalpez a presentazione avvenuta.

«Dai dati emerge una realtà fatta di luci e ombre - ha commentato Dalpez. - Accanto al miracolo delle mele trentine, che ci è unanimemente riconosciuto, ci sono prodotti che hanno difficoltà a essere riconosciuti, come alcuni salumi o formaggi.
«Nella valorizzazione dei prodotti tradizionali - ha aggiunto, - la vera svolta può venire solo da una forte alleanza fra pubblico e privato che scongiuri i rischi di una comunicazione autoreferenziale, spesso basata più su logiche industriali che su prospettive territoriali.»

Da parte nostra, vogliamo aggiungere alcune considerazioni.
La prima è che l'essere abbinati nel vissuto all'Alto Adige non è poi così male.
La seconda è che il Trentino rimane comunque una piccola realtà produttiva, al punto da essere a volte più piccola di certi produttori privati. Inevitabile la veicolazione di una continua campagna di comunicazione che giustifichi il maggior prezzo che i maggiori costi di produzione impongono.

La terza è che ci vuole comunque una regia unica che dia le direttive ogni volta che si vengono a conoscere i plus e i minus della nostra produzione tipica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone