Home | Sapori | Vino Trentino | A San Michele, l’inventore della rete «salva frutteto», Severac

A San Michele, l’inventore della rete «salva frutteto», Severac

Incontro a San Michele con l'ideatore francese della rete contro la «carpocapsa»

È una rete a maglia stretta, permeabile ai trattamenti, in grado di avvolgere i frutteti e creare una vera e propria barriera meccanica che disturba «naturalmente» l'accoppiamento della carpocapsa, il comune verme delle mele.
Il geniale sistema, tutto francese, si chiama Alt-Carpò, ed è al momento una delle tecniche di contenimento a basso impatto ambientale su cui si sta concentrando maggiormente l'attenzione degli studiosi.

Il suo ideatore, il tecnico agronomo Guilhem Severac, è stato ospite oggi all'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, nell'ambito di un incontro rivolto a frutticoltori e tecnici, organizzato dal Centro Trasferimento Tecnologico.
La carpocapsa è senza dubbio l'insetto chiave del melo e nel biologico rappresenta una delle principali problematiche.

Nell'incontro di oggi è stata confermata la validità della soluzione impiantistica francese adottata nei meleti della Provenza.
La tecnica «Alt Carpo» prevede la copertura di ogni singolo filare o di intere parcelle con una apposita rete e già al primo anno si assiste ad un quasi totale azzeramento del danno, spesso partendo da situazioni molto gravi.

«L'affidabilità e la validità di questo metodo - spiega Enzo Mescalchin, responsabile dell'Unità sperimentazione agraria e agricoltura sostenibile del Centro Trasferimento Tecnologico - è stata confermata anche da prove svolte in altre zone produttive, come in Trentino, nell'ambito di un progetto finanziato dalla Provincia autonoma di Trento, mentre sono in fase di verifica gli eventuali effetti collaterali.»

Accanto a Guilhem Severac, tecnico agronomo della Chambre d'Agriculture du Vaucluse - Avignone, sono intervenuti Markus Kelderer del Centro di sperimentazione Agraria e Forestale di Laimburg che ha presentato i risultati relativi all'uso delle reti in Alto Adige e Stefano Caruso del Consorzio fitosanitario provinciale di Modena sul tema della carpocapsa nei frutteti biologici, con particolare riguardo al pero.

Continua, dunque, l'attività di supporto dell'Unità sperimentazione agraria e agricoltura sostenibile del Centro Trasferimento Tecnologico a favore del comparto biologico.
L'incontro di oggi, infatti, segue di poche settimane un altro importante momento di aggiornamento dedicato al controllo della ticchiolatura.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone