Home | Sapori | Vino Trentino | Piacevole sorpresa al Vinitaly: la ripresa comincia dal TrentoDoc

Piacevole sorpresa al Vinitaly: la ripresa comincia dal TrentoDoc

Lo hanno detto oggi tutti gli espositori trentini da noi intervistati

image

Aria di resurrezione al 45° Vinitaly, dove tutti hanno riscontrato un'atmosfera di resurrezione.
«Non si può ancora parlare di ripresa - Ci ha detto Nicola Balter dell'omonima azienda agricola. - Ma la gente viene, chiede, azzarda qualche ordine. Fanno passi piccoli, ma annunciano che sono pronti a fare passi adeguati alla ripresa che sta montando.»
Chiediamo cosa tira di più.
«Lo spumante TrentoDoc… - Ci risponde. - La mia impressione è che da una parte l'immagine del Trentino sta crescendo prepotentemente e che dall'altra la Franciacorta ha allargato i confini, presentando così anche dei prodotti non all'altezza del nome.»

Dobbiamo dire che anche in Veneto, dove eravamo stati in mattinata, il prosecco stava crescendo in maniera imprevedibile.
«Non conosciamo la ragione - ci ha detto Mino, responsabile della Contarini Spa - ma la domanda di prosecco è aumentata al punto che i prezzi sono andati alle stelle.»
Il che significa che siamo comunque sotto la metà del TrentoDoc, ma la cosa ci ha spinto a chiedere a tutti i nostri amici.

«Sì, - ci ha risposto Paolo Endrici - lo confermo. Noi abbiamo molti clienti attorno alla Franciacorta che chiedono sempre più il nostro spumante TrentoDoc. La nostra clientela principale sta in Germania, dove sanno apprezzare lo spumante trentino. Ma è dall'Italia che sta aumentando la richiesta.

Quasi scontata la risposta di Letrari.
«Sì, il nostro prodotto leader è lo spumante Letrari. La richiesta sta andando alle stelle ed è questo che traina tutti gli altri vini. Sì, possiamo dire di essere soddisfatti.»

«Fuori dubbio. - Ci ha risposto Simoncelli, della omonima Azienda agricola. - Anche se il nostro vino "portante" è e resta il marzemino, le richieste di spumante TrentoDoc sta aumentando. Sarebbe una bella soddisfazione, sia perché il valore aggiunto è maggiore, sia perché saperlo fare è la prova della nostra professionalità.»

Questi sono solo alcune delle risposte che abbiamo registrato al Vinitaly e, anche se non possiamo certo dire di aver fatto un'inchiesta di mercato secondo le regole della scienza della rilevazione, possiamo dire che la nostra impressione è che sia giunto il momento del TrentoDoc.

Alla conferenza stampa tenuta oggi al padiglione del TrentoDoc al Vinitaly, tutti i relatori (nella foto a pié di pagina) hanno preso la parola per emendare gli errori del passato e invocare il buonsenso per l'immediato futuro.
In particolare il presidente della Camera di Commercio di Trento, Adriano Dalpez (nella foto sotto il titolo insieme con il presidente del Consorzio Trentino Vini, avv. Fronza), ha cercato di esortare i produttori di buona volontà ad un maggiore impegno comune.

Poi, la piacevole sorpresa nel nostro giro tra gli espositori.
Staremo a vedere, perché potrebbe significare qualcosa di ben più importante di una semplice ripresa economica del settore vitivinicolo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone