Home | Sapori | Vino Trentino | Il Giulio Ferrari 2002 sarà sul mercato soltanto nel 2012

Il Giulio Ferrari 2002 sarà sul mercato soltanto nel 2012

Ecco perché quest'anno non c'è nella guida del Gambero Rosso fra i vini premiati con i «Tre bicchieri»

A comunicarlo sono state le stesse Cantine Ferrari, che hanno dovuto smentire ogni ipotesi sul mancato riconoscimento del loro prodotto al massimo livello, la riserva Giulio Ferrari.
Anche le riserve dei vini bianchi e degli spumanti in genere sono fatte con uve in grado di durare negli anni. Più possono invecchiare (senza conservanti, che li manterrebbero giovani) e più riescono a dare il meglio di sé.

Ecco dunque perché nella più famosa guida italiana di vini (quella che dà i preziosi Tre bicchieri) manca l'etichetta più titolata dell'enologia italiana, il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore.
Il Giulio Ferrari 2002 arriverà sul mercato soltanto nel 2012, 10 anni dopo la vendemmia.
Di conseguenza, non appare e non apparirà su nessuna delle guide che usciranno da questi giorni sino a dicembre per la semplice ragione che non sarà proprio su nessuna tavola.

Continua, invece, a essere sul mercato il Giulio Ferrari 2001 proposto nel 2010 e subito decorato dal Gambero Rosso 2011 addirittura con i Tre bicchieri Plus.
«L'uscita del Giulio Ferrari 2002 nel 2012 - si legge in un comunicato delle Cantine Ferrari - risponde a una precisa strategia aziendale avviata da alcuni anni che mira ad allungare il periodo di maturazione sui lieviti di tutte le etichette della casa, con una particolare attenzione per i non millesimati

L'operazione, che comporta un significativo investimento per la casa trentina, si traduce per il Giulio Ferrari in una sfida al tempo che ha pochi eguali al mondo, visto che maturerà sui propri lieviti per ben dieci anni.
Il motivo? La tensione verso l'eccellenza che da oltre un secolo è il segno distintivo del Ferrari.

Noi abbiamo formulato anche l'ipotesi che l'idea di allungare la vita ai vini migliori sia un consiglio suggerito dalla crisi.
Se c'è stata contrazione dei mercati, infatti, perché non cogliere l'occasione e fare un saltino di ulteriore qualità con le migliori produzioni?
E' una nostra opinione, sia ben chiaro, ma sarebbe comunque una pragmatica decisone congiunturale degna di una delle più blasonate aziende vinicole d'Italia.

Il Gambero Rosso assegna peraltro il massimo riconoscimento dei Tre bicchieri al Ferrari Perlé Nero 2005, un fuoriclasse blanc de noirs presentato solo nel 2009 ma subito premiato con i migliori punteggi dalle principali guide.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni