Home | Sapori | Cucina | A Natale calamaro ripieno all'Istriana: la ricetta

A Natale calamaro ripieno all'Istriana: la ricetta

Croazia, Istria. Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie presentano le Giornate del calamaro Adriatico

image

>
Torna l’appuntamento invernale tanto atteso con il calamaro Adriatico. Dall’1 dicembre 2018 fino al 6 gennaio 2019 i ristoranti e le trattorie di Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie proporranno menù con diverse portate a base di calamaro, a prezzi particolarmente convenienti, abbinandole a vini locali e a oli d'oliva di primissima qualità.
Una manifestazione culinaria che vuole valorizzare l’ingrediente principale, facendo conoscere piatti della tradizione, ma anche accompagnando i buongustai a scoprire ricette nuove e creative.
Il tutto nel periodo natalizio, che è anche quello più indicato per la pesca del calamaro.
Preparati «alla pescatora», alla griglia o in padella, ripieni o abbinati al risotto, con aceto, erbe aromatiche e peperoncino, oppure solo con qualche goccia di limone e un po' di erba cipollina.
Qualunque sia la cottura scelta, il gusto autentico e il sapore prelibato del calamaro Adriatico soddisferà anche i palati più esigenti.
 
 La ricetta per preparare i calamari all'istriana 
Se di calamari dell’Adriatico parliamo, occorre saperli preparare come li fanno in Istria.
Ecco una ricetta tradizionale e succulenta, da provare anche a casa, per entrare in modo più approfondito e concreto nella cultura gastronomica istriana!
Si tratta dei Calamari dell’Adriatico ripieni all’Istriana, gli ingredienti per 4 persone sono: 1 kg di calamari dell’Adriatico, 800 gr di prosciutto istriano, 80 gr di formaggio pecorino, 200 gr di riso, 6 spicchi d’aglio, 1 cipolla, 2 dl di olio d’oliva, 10 g di prezzemolo, 1,5 dl di vino bianco, sale e pepe.
 
La prima operazione consiste nel pulire i calamari, conservare le tasche e tagliare finemente i tentacoli. Si procede poi tagliando a cubetti il prosciutto e grattugiando il formaggio pecorino.
A questo punto soffriggere la cipolla in olio d’oliva finché non diventa dorata, versare i tentacoli e il riso e cuocere, versando un po’ d’acqua di tanto in tanto. 
 
Una volta ammorbidito il riso, trasferire tutto in un contenitore e aggiungere prosciutto, formaggio, prezzemolo tritato e aglio.
Mescolare bene il tutto, riempire i calamari con il composto per 3/4 e poi chiudere ogni calamaro con uno stuzzicadenti.
I calamari ripieni vanno cotti in padella con il rimanente olio, aggiungendo un po’ alla volta il vino bianco.
Quando sono ben dorati aggiungere aglio e prezzemolo tritato, condire con sale e pepe e servire con riso o polenta.
 

 
 In vacanza lungo le strade dei sapori 
I buongustai che stanno programmando la propria vacanza in Istria devono trovare il tempo per una visita ad almeno una cantina e un oleificio. Le Strade del vino e dell’olio di oliva qui conducono a gusti genuini, parlano della cultura e della tradizione più autentica, parlano della terra e dei suoi abitanti.
Dal sapore corposo e vigoroso del terrano, vino di carattere, leggermente aspro, al dolce moscato di Momiano, passando per la malvasia, con i suoi duemila anni di storia.
Alcuni produttori vitivinicoli istriani hanno ottenuto importanti riconoscimenti.
Dall’altra parte l’olio di oliva istriano, per anni nella lista mondiale dei 20 migliori oli d’oliva della prestigiosa guida «Flos Olei».
Non solo da assaggiare, sarà interessante visitare i produttori per conoscere da vicino le varie fasi di lavorazione che permettono di ottenere il pregiato olio.
Vini e olio di oliva entrano naturalmente nelle cucine dei locali, delle trattorie e dei ristoranti, alcuni dei quali inseriti in guide prestigiose come L’Espresso e Gault Millau. E danno il meglio di sé quando vengono abbinati ai prodotti tipici istriani.
 
 Tutti i colori dell’Istria 
Coste chilometriche e spiagge accarezzate da un mare cristallino, villaggi di pescatori che colorano l’entroterra e affascinanti borghi ricchi di cultura e storia.
Siamo in Istria, nella parte nord occidentale, quella più vicina al confine italiano, dove sorgono 4 perle dell’Adriatico: Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie.
Un territorio ricco di meraviglie naturali, una tradizione culinaria che gode dei prodotti locali, strutture di lusso e comfort con centri benessere all’avanguardia: tutto questo assicura una vacanza all’insegna di cultura, wellness e buona cucina.
Un ventaglio di colori, profumi e sapori!
Info: Comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie www.coloursofistria.com.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni