Home | Sapori | Vini vicini al Trentino | Laimburg: il nuovo Gewürztraminer Riserva «Norèy» 2011

Laimburg: il nuovo Gewürztraminer Riserva «Norèy» 2011

Presentato nella Cantina nella Roccia del Centro di Sperimentazione Laimburg

image

>
La Cantina Laimburg amplia la propria linea di vini pregiati «Selezione Maniero» con un ulteriore vino di punta e venerdì 18 giugno 2021 ha presentato nella Cantina nella Roccia il suo nuovo Gewürztraminer «Norèy» annata 2011.
L'assessore provinciale all'agricoltura Arnold Schuler è entusiasta del nuovo vino.
«La Cantina Provinciale non è solo di grande importanza per la rappresentanza del territorio dell'Alto Adige, ma anche e soprattutto per il Centro di Sperimentazione Laimburg, per promuovere lo sviluppo di vini innovativi.»
 
Soddisfatto di questa presentazione nella Cantina nella Roccia del Centro di Sperimentazione Laimburg si è mostrato anche Günther Pertoll, responsabile della Cantina Laimburg.
«Il protrarsi della pandemia di Covid-19 ormai da più di un anno, ha comportato un arresto nell’ambito delle degustazioni e delle iniziative vitivinicole.
«È stato durante questo periodo che abbiamo imbottigliato il Norèy ed ora questo nuovo Gewürztraminer può essere presentato al pubblico e degustato insieme.»
 

 
 Gewürztraminer Riserva Norèy 
Il responsabile della Cantina Laimburg Günther Pertoll e l’enologo Urban Piccolruaz hanno presentato il nuovo Gewürztraminer Norèy.
Le uve di questo vino sono maturate su un pendio meridionale a 350 m s.l.m. a Termeno/Sella, su suolo calcareo, ghiaioso e argilloso.
L’annata 2011 è stata calda e relativamente povera di precipitazioni, con un numero di giornate estive ampiamente superiore alla media e con i mesi di aprile-maggio e agosto-settembre mediamente più caldi. In seguito a fermentazione e maturazione per 12 mesi in tonneau, il Gewürztraminer Norèy ha continuato l'affinamento per altri 8 anni sui lieviti in botte di acciaio.
 
 Così descrive la nuova creazione Urban Piccolruaz, enologo di Cantina Laimburg 
«Il Norèy abbaglia la vista con l’oro dei suoi riflessi brillanti. Esprime un bouquet inebriante, con intense sfumature di rose profumate, mela cotogna e litchi.
«Al palato sviluppa una trama potente, ricca di volume e dal gusto pieno, per terminare in una rara eleganza dai riflessi infiniti.»
Il nome ladino Norèy trae origine dalle leggende dolomitiche e significa: «Fiore molto raro dai poteri magici e curativi».
Questa particolare rosa alpina cresce in luoghi segreti, tenuti gelosamente nascosti dal popolo delle Dolomiti.
La produzione totale di questo vino raro e particolare è di sole 700 bottiglie. La bottiglia di ceramica in nero opaco e il cofanetto regalo in legno esaltano l’unicità di questo vino.
Oltre al Norèy, sono state degustate le annate attuali dei vini della Cantina Laimburg con una «Passeggiata attorno al vino nella Cantina del vino bianco.»
 

 
 Origine e valore del Gewürztraminer 
È intervenuta anche Barbara Raifer, responsabile del settore Viticoltura del Centro Laimburg, che ha spiegato l'origine e il significato del Gewürztraminer, così come il lavoro di sperimentazione e ricerca del Centro su questo vitigno.
 
 Gewürztraminer 
Il Gewürztraminer è una varietà di vino bianco coltivato in tutto il mondo e caratterizzato da acini giallo-rossastri.
Il leader di produzione, con più di 3.500 ettari coltivati è la Francia, seguita da Australia, Germania, Ungheria, California e Italia. In Alto Adige, la coltivazione del Gewürztraminer è aumentata costantemente negli ultimi decenni e, con 613 ettari, è la varietà più coltivata dopo il Ruländer (Schedario viticolo 2020).
«Nella coltivazione, il Gewürztraminer ha esigenze climatiche molto più elevate rispetto alle varietà pinot e quindi presenta rese meno regolari, – spiega l'esperta di viticoltura Barbara Raifer. – Inoltre, la varietà è molto suscettibile a disturbi fisiologici come il disseccamento del rachide e gli acini verdi.»
 
 Sperimentazione sul Gewürztraminer al Centro di Sperimentazione Laimburg 
Il Centro di Sperimentazione Laimburg accompagna la coltivazione e la vinificazione del Gewürztraminer con le sue ampie attività di ricerca e sperimentazione.
Il settore Viticoltura, diretto da Barbara Raifer, si occupa di selezione di cloni e portainnesti e conduce prove su irrigazione, regolazione della resa, tempi di raccolta e potatura dei germogli.
Il settore Enologia del Centro, diretto da Ulrich Pedri, esegue esperimenti sulla vinificazione, con particolare attenzione ai tempi di macerazione, all'uso dei lieviti e al trattamento con bentonite.
Inoltre, viene analizzata l'influenza della posizione dei vitigni e del suolo sulla qualità del vino. Uno degli obiettivi della ricerca è studiare metodi sostenibile per contrastare i disturbi fisiologici.
 

 
 Origine e storia del Gewürztraminer 
Il vitigno è conosciuto in tutto il mondo con i nomi Gewürztraminer, Gewurztraminer, Traminer, Tramin Cerveny o Diseci Traminec.
L'origine del vitigno non è stata ancora chiarita. Anche se il nome suggerisce il Paese Termeno sulla strada del vino (dal tedesco Tramin), non ci sono prove che la varietà sia stata coltivata lì in passato.
Secondo menzioni storiche dei secoli passati, la varietà potrebbe provenire dall'Alsazia, dal Giura, dal Palatinato o dalla valle del Reno.
Secondo i dati dell'agronomo ed enologo austriaco Edmund Mach, la varietà fu introdotta alle nostre latitudini nella seconda metà del XIX secolo.
Ma quando inizia la storia del Gewürztraminer? Gli studi sul DNA condotti all'Università della California nel 1997 hanno fornito le prime prove dell'ascendenza dal vitigno Cabernet Sauvignon. In seguito, si è scoperto che il vitigno Traminer è una delle più importanti varietà ancestrali dei nostri vitigni coltivati oggi.
L'analisi molecolare-biologica di reperti archeologici di semi d'uva del 1° secolo d.C. a Montpellier (https://www.nature.com/articles/s41477-019-0437-5) ha rivelato anche informazioni interessanti.
«I parenti più prossimi del Gewürztraminer esistevano già in epoca romana e ci sono indicazioni che anche i Romani conoscevano il Gewürztraminer e le varietà di pinot», – spiega Barbara Raifer.
Questa osservazione è il punto di partenza per un'ipotesi dell'esperta sulla storia del Gewürztraminer in Alto Adige.
 
 Furono i romani a portare il Gewürztraminer a Termeno? 
Per i Romani, il vino - in forma annacquata - era un alimento di base necessario anche nelle zone settentrionali conquistate per rifornire le truppe.
Furono loro a introdurre la viticoltura nei Paesi conquistati o, se già praticata, l'hanno migliorata in modo decisivo.
In questo modo diffusero le varietà di uva che conoscevano, anche se la maggior parte dei vitigni non sopravviveva ai freddi inverni a nord delle Alpi.
«È ipotizzabile che le varietà di pinot (Allobrogica), cioè incroci di Traminer e viti selvatiche, siano state le prime varietà a mostrare una sufficiente resistenza al freddo, permettendo così l'espansione della viticoltura a nord delle Alpi, – spiega Barbara Raifer. – I Romani sono stati in Alto Adige per circa 600 anni.
«L'area intorno a Termeno potrebbe essere stata una posizione climaticamente favorevole in cui il Gewürztraminer ha prodotto rese ragionevolmente stabili e vini aromatici, qualcosa ancora oggi è difficile a nord delle Alpi.»
I risultati storici dei semi d'uva potrebbero sostenere questa tesi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni