Home | Satira | Salvagente | Il salvagente agli editori di giornali, democratici

Il salvagente agli editori di giornali, democratici

' Non potendo ottenere la conferma di antichi 'privilegi, almeno siano date a tutti le stesse difficoltà...

image

Dopo che il governo ha abolito le tariffe postali agevolate per la spedizione dei giornali, il presidente della Fieg (la federazione degli Editori) Carlo Malinconico ha lanciato una proposta fantastica: una mini tassa per coloro che si connettono a internet per accedere ai giornali online.

In effetti, la crisi che sta attraversando l'editoria nel suo insieme è pesante e forse senza precedenti.
Non molto tempo fa il governo ha abolito le sovvenzioni per le emittenti locali (mantenendo quelle in essere per altri soggetti discutibili).

Adesso la trattativa in corso è volta a mantenere i privilegi pregressi, che lo stato vuole togliere. Tra questi, appunto, l'abolizione delle agevolazioni postali per i giornali.
Insomma, comunque vuoi vederla, per risolvere i propri affanni, le Poste ancora una volta riversano i costi agli utenti. Il problema quindi non cambia.

Ma l'idea che gli editori propongano una tassa d'accesso a chi vuole leggere gratuitamente in internet un giornale come
L'Adigetto.it, cioè non cartaceo (o non solo cartaceo, come il loro), è davvero stravagante.
Sì perché il ragionamento che portano avanti è lo stesso delle poste: trasferire i costi da una voce all'altra: dall'editore al consumatore.

Ma l'aspetto più qualificante per questi creativi delle provvidenze statali è il ragionamento democratico che pongono alla base del più antico degli egoismi inutili: «se non riusciamo ad ottenere nulla noi, almeno che abbiano dei costi anche gli altri».

Insomma, sarebbe come se le Poste, non potendo ottenere dallo Stato un aumento del prezzo dei francobolli, chiedesse che almeno venisse applicata una tassa sulle e-mail.

Non ci spiacerebbe infine che il problema venisse affrontato al Festival dell'Economia (Trento, 3-6 giugno 2010) per vedere a quali architetture di sistema economico potrebbero arrivare gli editori i cui giornali, a sentire i dirigenti del Festival, non siono riusciti neanche a spiegare al 96% della popolazione che cosa sia il PIL…

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni