Home | Sport | A Padova il salto in lungo è di Larissa Iapichino

A Padova il salto in lungo è di Larissa Iapichino

La lunghista al successo con 6,32 controvento (-1.7): è il suo primo titolo assoluto

Non la pioggia, ma il vento. A Padova, nel pomeriggio della seconda giornata degli Assoluti, Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) conquista il primo titolo italiano assoluto in carriera con 6,32, misura ottenuta con un fastidioso vento contrario di -1.7.
Per la primatista italiana under 20 del salto in lungo (personale di 6,80) la vittoria davanti a Laura Strati (6,17, -0.4) ed Elisa Naldi (6,17, -2.0).
Nella prova maschile il successo è per Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) con 7,77 (+2.2).
Nei concorsi, da segnalare anche il titolo di Sara Fantini (Carabinieri) nel martello con 68,50 e soprattutto il record italiano under 20 di Rachele Mori (Atl. Livorno) con un netto progresso fino a 65,03.
Disco per Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) con la migliore misura italiano dell’anno di 61,87, titolo numero 27 nel peso per Chiara Rosa (Fiamme Azzurre) con 16,55, nel giavellotto Norbert Bonvecchio (Atl. Trento) con 74,64 sorprende Mauro Fraresso (Fiamme Gialle, 74,24).
Nelle prove multiple, a segno Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) con 7652 nel decathlon a tre punti dal personale e Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) con 5741 nell’eptathlon.
 
 LUNGO  
Niente pioggia, tanto vento. Ballerino, illeggibile. Cambia direzione, prima sbatte in faccia ai saltatori in lungo, poi soffia troppo potente alle spalle.
Il risultato è che la competizione non decolla del tutto. È così per le donne e anche per gli uomini.
Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) non rivive la giornata d’oro di Savona ma comunque può dire di essere la prima 2002 tricolore assoluta: «È stata dura ma ce l’ho fatta - commenta - nonostante condizioni pessime e vento contrario quasi tutta la gara.
«Un passo alla volta sto diventando più matura, a livello personale e come atleta.»
Il suo 6,32 (-1.7) arriva all’ultimo turno di salti, però già in precedenza aveva indirizzato la gara con cinque lanci dalle parti dei sei e venti (6,18-6,18-6,24-6,20-6,20), oggi irraggiungibili per Laura Strati (Atl. Vicentina) ed Elisa Naldi (Virtus Cr Lucca), entrambe a 6,17.
La campionessa europea under 20 tornerà in pedana a Rovereto l’8 settembre e poi nel weekend del 18-20 settembre a Grosseto per i tricolori di categoria.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni