Home | Sport | Europei di nuoto Roma: siamo a quota 47 medaglie

Europei di nuoto Roma: siamo a quota 47 medaglie

Giorgio&Lucrezia campioni! Linda&Costanza bronzo free

image

Foto Pasquale Mesiano / DBM.
 
Siamo a 47. Il medagliere azzurro nella storia dei campionati d’Europa del nuoto artistico cresce di giorno, in giorno.
Con la medaglia d’oro dei romani Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel libero misto e quella di bronzo delle «gemelle liguri diverse» Linda Cerruti e Costanza Ferro nel duet free il bottino sale a quota 47: 2, 15, 30.
E la storia continua … almeno fino al giorno di Ferragosto.
 
 Campioni d’Europa  
Sono le 16.19 del 13 agosto del 2022 e Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero sono campioni d’Europa! Cinquanta giorni dopo la vittoria ai campionati del mondo.
Da Budapest a Roma il duet free mixed Made in Italy e in Rome, fissa un altro record. La loro routine Beggin 2.0 conquista tutti e le giurie stavolta non si trattengono (come forse qualcuna aveva fatto venerdì nel giudicare l’esercizio libero di Giorgio Minisini) e li ripagano con 89.7333 punti (27.6 di esecuzione, 36.1333 di impressione artistica e 26.9 di difficoltà).
Ai Mondiali a Budapest, il 25 giugno, conquistavano la medaglia d’oro con 90.9667 punti (27.2 per l'esecuzione, 36.6667 d'impressione artistica, 27.1 per la difficoltà) ed era la prima volta per l’Italia con questa routine.
A premiarli il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli e Stefania Cicci Tudini.
 
«Tutto perfetto e tutto bellissimo: meglio di così non potrebbero andare questi europei, – dice Giorgio Minisini. – Fin qui un anno perfetto. Abbiamo ancora due giorni per mettere delle ciliegine sulla torta.»
«È stato bello vedere pubblico e giura trascinati dal nostro esercizio - aggiunge Lucrezia Ruggiero - Era questo lo scopo: far divertire e divertirci in acqua. Un oro bellissimo e in casa. Faticoso ma emozionante.»
 
Per salire sul tetto del mondo ed ora per sbalordire l’Europa hanno scelto un brano dei Maneskin che hanno riproposto Beggin, singolo dei Four Season del 1967, al quale il gruppo musicale romano, composto da Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) ed Ethan Torchio (batteria), ha dato una veste nuova.
La musica dei Maneskin è stata scelta per mostrare anche il volto giovane e innovativo dell'Italia, di cui i nostri nuotatori sono i migliori rappresentanti.
La coreografia è di Anastasia Ermakova, la quattro volte campionessa olimpica che dal 2011 collabora con il direttore tecnico della Nazionale Patrizia Giallombardo che è anche allenatrice di Giorgio e Lucrezia.
 
Con gli azzurri in gara ci sono altre quattro coppie; gli spagnoli Emma Garcia e Pau Ribes Culla (quarti ai Mondiali con 87.1333) che conquistano la medaglia d’argento con 84.7667, gli slovacchi Jozek Solymosy e Silvia Solymosyova (noni a Budapest con 75.1) che sono di bronzo con 77.0333, i tedeschi Frithjof Seidel e Michelle Zimmer, i belgi Renaud Barral e Lisa Ingenito (entrambe le coppie erano assenti in Ungheria) che finiscono rispettivamente quarti con 74.7667 e quinti con 73.7333.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande