Home | Sport | Basket | Dolomiti Energia Trentino, Justin Knox si presenta alla stampa

Dolomiti Energia Trentino, Justin Knox si presenta alla stampa

Il nuovo centro bianconero: «Porto esperienza e punto in alto» – Trainotti: «Cercavamo un giocatore con le sue caratteristiche, ci darà una grossa mano»

image

>
Un lungo con esperienza internazionale, capacità di adattarsi a tanti tipi diversi di avversari e di completarsi con ogni tipo di compagno di reparto.
Justin Knox è stato l’ultimo colpo dell’estate della Dolomiti Energia Trentino, ed è pronto a dimostrare di poter essere la perfetta tessera finale per completare il puzzle bianconero messo in mano a coach Nicola Brienza e al suo staff.

 SALVATORE TRAINOTTI 
(General Manager Dolomiti Energia Basket Trentino)
«Siamo felici di dare il benvenuto a Justin: come abbiamo detto più volte, cercavamo un giocatore con le sue caratteristiche per chiudere il roster di questa stagione.
«È un ragazzo che conosce bene l’allenatore, conosce il campionato italiano e siamo convinti che possa essere un buon innesto per la squadra: ci darà una grossa mano.»
 
 JUSTIN KNOX 
(Centro Dolomiti Energia Basket Trentino)
«Porto esperienza e porto la mia capacità di giocare la posizione sapendomi adattare alle necessità della squadra: posso giocare più interno in area o fronteggiare gli avversari partendo dal perimetro. Cercherò di creare spazi e vantaggi anche per i miei compagni.
«Fra i miei obiettivi c’è quello di crescere a 360 gradi, dall’impatto in difesa alla consistenza in attacco: quello che conta però sono gli obiettivi e i risultati della squadra, quindi sono pronto a contribuire a spingere il gruppo verso grandi traguardi.
«Ho scelto Trento perché tutti me ne hanno sempre parlato benissimo, come squadra e come organizzazione: ero curioso di vivere questa realtà in prima persona e finora le impressioni sono davvero positive.
«Sono contento di continuare a giocare in Italia e di poter disputare anche una competizione europea importante come l’EuroCup.
«Coach Brienza? L’ho conosciuto nei tre mesi passati a Capo d’Orlando, anche nelle vesti di assistente si percepiva la sua conoscenza del gioco e la sua attenzione ai dettagli: sono sicuro che con lui a guidarci diventeremo presto una squadra capace di fare grandi cose su entrambe le metà campo.
«La cosa importante in queste prima settimane sarà costruire chimica di squadra, in campo e fuori.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni