Home | Sport | Calcio | Chieti - Trento Calcio Femminile 2-1, ultima giornata

Chieti - Trento Calcio Femminile 2-1, ultima giornata

Ed è anche l’ultima partita di Giordana Torresani – È stata un’ottima prestazione dal risultato amaro

L’ultima gara di campionato ha rispecchiato quello che è stato per buona parte il girone di ritorno delle gialloblù: l’ottima prestazione non ha rispecchiato il risultato finale - fissato sul 2-1 per le padrone di casa del Chieti Femminile.
Una traversa e svariate parate hanno impedito al Trento Calcio Femminile di portare a casa gli ultimi punti in palio per il Girone B di Serie C Femminile, per questa stagione 2023/2024.
La partita aveva anche un valore affettivo: si tratta dell’ultimo match per una bandiera del club, Giordana Torresani, che nei suoi 8 anni in gialloblù è stata anche capitano. Il match è stato disputato sul campo di Lettomanoppello.
 
Il primo tempo si è aperto con un’azione sulla destra di Greguoldo, che riesce a crossare per Rosa, che tira a botta sicura ma è qui che il portiere avversario entra in gioco: l’ottima parata salva subito il risultato.
Al 10’ è invece Pavan di testa, su corner di Baldo, a sfiorare la rete.
Al 13’ ottima l’azione di Pisoni, che crossa per Rosa, sul cui tiro il portiere si fa trovare ancora una volta pronta.
Al 15’ le aquilotte vanno vicinissime al gol, ancora con Pavana: sulla punizione procurata da Rosa, sombrero al limite dell’area e fallo di mano del difensore avversario per fermare il pallone, è proprio il terzino destro delle aquilotte a colpire la traversa.
Subito dopo è Antolini, al 16’ a cercare la rete, senza trovare fortuna dal vertice dell’area, nel lato sinistro, è invece il Chieti - a distanza di qualche minuto - a sbloccare il risultato: al 22’ arriva un tiro di Paparella dalla distanza che fa 1-0.
Al 30’ è Baldo a liberare Giulia Rosa, inserita alla perfezione, ma il tiro che segue finisce su uno dei difensori delle abruzzesi.
 
Nel secondo tempo, dopo la performance ottima delle aquilotte, il pareggio arriva con Greguoldo, al 58’: sola in area, in corrispondenza del vertice destro, calcia un pallonetto che si insacca sul palo più lontano.
Al 59’ è invece Pisoni a cercare il raddoppio, salvo l’ennesima parata del portiere.
Al 61’ Pavana cerca, e trova, Mascanzoni con un cross dalla destra: il tiro di testa finisce fuori di un soffio.
Al 67’ Antolini cerca la botta dalla lunga distanza: parato nuovamente dal portiere chietino.
La beffa arriva al 74’: dopo una palla calciata lunga, in piena linea con il piano di gioco della squadra durante la gara, il Chieti segna, con un pallone vagante, calciato da Cavallaro alle spalle di Rubinaccio.
All’85’ l’ultimo squillo arriva con Bonfanti, subentrata a Greguoldo, che cerca Rosa: il rigore in movimento, calciato col sinistro, si spegne sul fondo.  
 
 Il tabellino  
CHIETI – TRENTO CALCIO FEMMINILE 2-1
(Paparella, Cavallaro - Chieti; Greguoldo, Trento)
 
CHIETI: Cannarsa, De Vincentis (52’ Ranalli (81’Zuffi)), Martella, Liberatore (64’ Di Matteo), Di Camillo, Paparella, Pitittu, Schiazza (70’ Cavallaro), Gianesin, Passeri, Gissi.
A disposizione: Di Gesualdo, Tucceri.
Allenatore: Di Camillo Lello.
 
TRENTO CALCIO FEMMINILE: Rubinaccio, Pavana, Mascanzoni, Baldo, Greguoldo (73’ Bonfanti), Rosa, Pisoni (73’ Torresani), Tomasi, Tonelli, Antolini.
A disposizione: Ruaben, Lucin, Parisi, Bonfanti, Torresani, Gastaldello, Lenzi, Bertamini, Brigadoi
Allenatore: Mauro Perina.
 
Arbitro: Prencipe (Tivoli), Di Nardo Di Maio (Pescara), Allievi (San Benedetto del Tronto)
Ammoniti: Di Camillo (Chieti), Antolini (Trento).
 
 Le dichiarazioni a caldo  
L'allenatore gialloblu Mauro Perina.
«Partita sfortunata? Dispiace perché se c’è un’ingiustizia nel calcio è quella di oggi.
«Posso fare i complimenti alle ragazze, meritavamo di vincere, tra molte parate del portiere avversario, un incrocio dei pali…
«Non ci si può rimproverare nulla, dispiace perché era l’ultima partita di Giordana Torresani e le ragazze volevano lasciare un bel ricordo dell’ultimo match.»
 
Giordana Torresani, all’ultima gara in gialloblù.
«Risultato? Quello che è mancato è stato il risultato, una delle prestazioni migliori dell’anno. Il calcio a volte non premia la miglior squadra, è andata così.
«Sensazioni di questa partita? Entrare in una partita persa lascia un po’ di amarezza, ma sono contenta di chiudere la mia carriera così: quest’anno è stato difficile, siamo partite con un buon passo, ma per quanto abbia premiato altre squadre, ci sono le basi per ripartire.
«La mia carriera nel Trento? Si tratta dell’ultimo capitolo della mia carriera calcistica, sono anche stata capitano, è stata una società importante per me.
«Era molto più piccola e molto più familiare quando sono arrivata qui: è diventato tutto più strutturato. Mi fa piacere essere parte integrante di questa crescita.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande