Home | Sport | Ciclismo & Bike | Memoria e impresa sportiva uniti in un ricordo di solidarietà

Memoria e impresa sportiva uniti in un ricordo di solidarietà

«Sulle tracce della storia». L'impresa umanitaria della marchesa della Tenuta San Leonardo sarà ripercorsa attraverso un itinerario ciclistico

Un archivio polveroso e invecchiato dal tempo ha fatto riemergere una vicenda dimenticata ma ancora attuale, che un progetto culturale, sportivo e di recupero di una memoria storica importante vuole riportare all'attenzione di tutta la comunità trentina: è «Sulle tracce della storia», un evento ciclistico dedicato ai soldati trentini della Grande Guerra che hanno combattuto in Russia e all'opera umanitaria della marchesa Gemma Guerrieri Gonzaga, che quei soldati riuscì a riportare a migliaia in patria, grazie alla sua straordinaria capacità diplomatica e di mediazione. 
 
Un gruppo di ciclisti della S.C. Avio Società Sportiva Dilettantistica ripercorrerà, infatti, i luoghi in cui furono combattute alcune delle più cruenti battaglie della Prima Guerra mondiale, raggiungendo la città di Kirsanov, dove esisteva un campo di raccolta di prigionieri, tra cui tantissimi austriaci di lingua italiana e avviando da quella un itinerario di 3.000 chilometri che si concluderà, dopo una sosta presso la Campana dei Caduti di Rovereto, nella tenuta San Leonardo di Borghetto, residenza della nobildonna trentina che contribuì con la sua opera a riunire migliaia di famiglie. 
 
Alla presentazione dell'evento ha partecipato il presidente della Provincia autonoma di Trento, che ha commentato così.
«Sosteniamo volentieri questa iniziativa che tocca aspetti storici, culturali, affettivi e turistici e riporta all'attenzione il grande lavoro diplomatico di questa nobildonna trentina che attraverso una fitta corrispondenza riuscì a riportare a casa tanti giovani dal fronte e che aveva una visione liberale e ancora attuale dell'Autonomia.»
 
Il progetto, che coniuga il valore della memoria con un'impresa sportiva impegnativa, vede coinvolti molti attori del territorio, oltre alla Provincia autonoma di Trento partecipano, tra gli altri, Trentino Marketing, il comune di Avio e l'Apt di Rovereto e Vallagarina.
L'intento è anche quello di coinvolgere i giovani e condividere con gli studenti trentini il bagaglio di esperienza che il percorso sulle due ruote farà riportare a casa, attraverso un diario di viaggio e una testimonianza video dei luoghi e delle vicende ripercorse con la bicicletta, che verranno poi riproposti nelle scuole.
Come già accennato, il tour partirà da Avio il 29 giugno prossimo, per concludersi il 19 luglio e vedrà impegnati sei ciclisti che visiteranno e renderanno memoria a luoghi simbolici, attraversando 7 nazioni.
Un'esperienza unica, che rappresenta un evento sportivo di grande spessore culturale e di condivisione di una vicenda che merita menzione e ricordo per i suoi risvolti umanitari.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone