Home | Sport | Ciclismo & Bike | Gaviria ha vinto la tappa 3 del Giro d’Italia

Gaviria ha vinto la tappa 3 del Giro d’Italia

Il colombiano si impone allo sprint davanti a Demare e Ackermann – Roglic ancora in maglia rosa

image

Foto Credit: LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi.
 
Il corridore colombiano Fernando Gaviria Rendon (UAE Team Emirates) ha vinto la terza tappa del centoduesimo Giro d'Italia, da Vinci ad Orbetello di 220 km.
Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente a Arnaud Demare (Groupama - FDJ) e Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe).
Primo sulla linea del traguardo, Elia Viviani (Deceuninck - Quick-Step) è poi stato declassato dalla Giuria.
Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) ancora in Maglia Rosa di leader della classifica generale.
 
 RISULTATO FINALE 
1 - Fernando Gaviria Rendon (UAE Team Emirates) - 220 km in 5h23’19”, 40,826 km/h
2 - Arnaud Demare (Groupama - FDJ) s.t.
3 - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe) s.t.
 

 
 MAGLIE 
- Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma).
- Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Fernando Gaviria Rendon (UAE Team Emirates).
- Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo).
- Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team).
 
 CLASSIFICA GENERALE 
1 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma)
2 - Simon Yates (Mitchelton - Scott) a 19"
3 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 23"
 
 Le dichiarazioni a caldo 
Il vincitore di tappa Fernando Gaviria.
«Il vincitore per me è chi è primo sulla strada. Elia [Viviani] ha vinto oggi e merita di essere il vincitore. Gli ho mandato un messaggio.
«Personalmente, mi sentivo meglio di ieri, la mia condizione è buona, mi mancano solo alcuni giorni di gara nelle gambe, spero di ottenere un successo vero nei prossimi otto prossimi giorni. Il livello dei velocisti in questo Giro è molto alto.
«Oggi è stata una frazione strana. Non c'era tanto vento quanto mi aspettavo ma nessuna squadra voleva prendere il comando troppo presto a causa del vento contrario che c'era nel finale di tappa.»
 
La Maglia Rosa Primoz Roglic.

«Con un solo corridore in fuga è stata una tappa molto lunga.
«Mi ha permesso di godermi un po' di più la Maglia Rosa.
«Nel finale non avevo paura del forte vento trasversale: siamo una squadra olandese, sappiamo come correre nel vento.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone