Home | Sport | Ciclismo & Bike | Cesare Benedetti ha vinto la tappa 12 del Giro d’Italia

Cesare Benedetti ha vinto la tappa 12 del Giro d’Italia

Il corridore roveretano ha vinto davanti ai compagni di fuga Caruso e Dunbar – Jan Polanc è il nuovo leader della Classifica Generale

image

Foto Credit: LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi.
 
Il corridore roveretano Cesare Benedetti (Bora - Hansgrohe) ha vinto la dodicesima tappa del centoduesimo Giro d'Italia, da Cuneo a Pinerolo di 158 km.
Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Damiano Caruso (Bahrain - Merida) e Edward Dunbar (Team INEOS).
Landa e Lopez sono arrivati a 7'35" dal vincitore, il gruppo con i principali contendenti per la Generale a 8'03".
La Maglia Rosa Conti a 10'37".
Jan Polanc (UAE Team Emirates), giunto a 25" dal vincitore, è il nuovo leader della classifica generale.
 

 
 RISULTATO FINALE 
1 - Cesare Benedetti (Bora - Hansgrohe) - 158 km in 3h41’49”, media 42,737 km/h
2 - Damiano Caruso (Bahrain - Merida) s.t.
3 - Edward Dunbar (Team INEOS) s.t.
 
 MAGLIE 
- Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Jan Polanc (UAE Team Emirates)
- Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Arnaud Demare (Groupama - FDJ)
- Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Gianluca Brambilla (Trek - Segafredo)
- Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Hugh John Carthy (EF Education First)
 
 CLASSIFICA GENERALE 
1 - Jan Polanc (UAE Team Emirates)
2 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 4'07"
3 - Valerio Conti (UAE Team Emirates) a 4'51"
 
 I COMMENTI A CALDO 
Il vincitore di tappa Cesare Benedetti.
«Non sono mai stato un corridore particolarmente talentuoso, non sono [di solito] un vincente.
«Nell'ultimo strappo ho perso contatto dai primi ma sapevo che i tre davanti si sarebbero guardati un po' troppo.
«Nel finale sono riuscito a fare esattamente quello che avevo in mente.»
 
La Maglia Rosa Jan Polanc.
«La nostra tattica era quella di andare in fuga così da poter avere un controllo migliore sulla gara e provare a conservare la Maglia Rosa sulle nostre spalle.
«Siamo stati fortunati a entrare nella fuga giusta e sono molto felice di avere la Maglia.
«Avrei voluto provare anche a vincere la tappa ma avevo dato veramente tutto dal momento che ero il leader virtuale della Generale.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone