Home | Sport | Ciclismo & Bike | L'Eroica, un regalo della Toscana agli 8.000 ciclisti da tutto il mondo

L'Eroica, un regalo della Toscana agli 8.000 ciclisti da tutto il mondo

Più di ottomila ciclisti da tutto il mondo oggi a Gaiole in Chianti per vivere la «bellezza della fatica e il gusto dell’impresa» de L’Eroica

image

>
Più di ottomila ciclisti hanno partecipato oggi a Gaiole in Chianti (SI) alla XXIII edizione de L’Eroica, la cicloturistica d’epoca più amata ed imitata al mondo.
Più di ottomila presenze che costituiscono il nuovo limite di questo evento toscano a pedali che continua a crescere negli anni ed a contagiare un po’ tutto il mondo con Eroiche in California, Olanda, Spagna, Gran Bretagna, Giappone, Sudafrica, Germania e Giappone. Dal prossimo anno anche in Cina.
Ottomila ciclisti in arrivo da ogni continente e con gli stranieri in forte crescita numerica, ormai quasi il 40% del totale.
Un evento globale, dunque, al quale contribuiscono soprattutto tedeschi, svizzeri, olandesi, belgi ma anche statunitensi e australiani per citare solo alcuni tra i Paesi più lontani.
 

 
L’Eroica affascina sempre più per il magnifico territorio nel quale si svolge, per i valori, non solo sportivi, che esprime, per le emozioni che regala, qualsiasi percorso si scelga tra i cinque a disposizione, dal più semplice, per modo di dire, di 46 chilometri al più impegnativo ed esigente, di 209 chilometri che unisce il Chianti e il Brunello, Gaiole a Montalcino passando per Asciano, Castelnuovo Berardenga, Buonconvento, Brolio tanto per citare, a caso, alcuni dei borghi più belli e caratteristici attraversati da L’Eroica.
I più intrepidi a Gaiole in Chianti partono in piena notte, alle 4.30 in sella a biciclette costruite prima del 1930; solo un esperimento due anni fa e che adesso inizia ad essere un’attrazione nell’attrazione, un invito agli eroici che si ispirano addirittura a Binda e Girardengo più che a Coppi e Bartali e ai campioni più recenti.
Tutti gli altri partono dalle ore cinque in poi e costituiscono un fiume di colori e passione che si esaurisce solo verso le nove del mattino e che resta in strada fino alle 22.00, qualcuno anche oltre. Tanto le luci sulla bici sono già montate e dunque pronte all’uso.
 

 
Gente eroica che non si spaventa di cambiare una camera d’aria o un tubolare, riparare un pedale, raddrizzare un raggio, una ruota o un cambio di velocità.
E se non si riesce da soli non fa niente perché qui a L’Eroica c’è sempre qualcuno pronto a darti una mano e a passarti quello che ti manca.
L’importante, per tutti, qui è partecipare e provare lo stesso entusiasmo che portò Giancarlo Brocci, oltre venti anni fa, a proporre «la bellezza della fatica e il gusto dell’impresa», valori che continuano a far innamorare giovani e meno giovani, uomini e donne di ogni provenienza, cultura e ceto sociale.
«Evidentemente abbiamo intercettato un bisogno che c’era e che ora si esprime con Eroica», – commenta il Brocci, come tutti, qui a Gaiole, chiamano l’ideatore di questa magnifica, immensa ed inesauribile emozione. Non solo a pedali.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni